Un viaggio femmina

Una fotografia che racconti le donne in questa Italia 2017, mentre cresce l’ inquietante sensazione che si stiano facendo enormi passi indietro in tema di conquiste e consapevolezza.

[vc_row][vc_column][vc_column_text css=”.vc_custom_1500549296615{margin-top: 20px !important;}”][/vc_column_text][vc_column_text]E’ que­sta l’idea che è venu­ta in men­te a me e Mar­ta men­tre di fron­te a una bir­ra ragio­na­va­mo su quan­te sto­rie di don­ne ci capi­ta di ascol­ta­re e che qua­si sem­pre riman­go­no ano­ni­me.

Sto­rie di bel­lez­za, di dolo­re, di corag­gio, di genia­li­tà, di pau­ra, di for­za, di soli­tu­di­ne, di soli­da­rie­tà, di capar­bie­tà, di suc­ces­si, di fal­li­men­ti, di sfrut­ta­men­to, di ribellione.

Sto­rie quo­ti­dia­ne che rac­con­ta­no un’Italia di cui si par­la poco, trop­po poco.

Così abbia­mo pen­sa­to di usa­re alcu­ni gior­ni di ferie per par­ti­re io e lei, per anda­re a cer­ca­re sto­rie e espe­rien­ze da rac­con­ta­re, da tes­se­re insieme.

Per far­lo abbia­mo pen­sa­to di chie­de­re aiu­to alle iscrit­te di Possibile.

Chie­dia­mo, a quan­te lo vor­ran­no, di fare rete e segna­lar­ci per­so­ne, sto­rie ed espe­rien­ze dal­le par­ti in cui vivo­no che val­ga la pena rac­con­ta­re. Che sia­no sto­rie quo­ti­dia­ne o ecce­zio­na­li non è importante.

Quel­lo che ci inte­res­sa è fare una foto­gra­fia che rac­con­ti le don­ne in que­sta Ita­lia 2017, men­tre cre­sce l’ inquie­tan­te sen­sa­zio­ne che si stia­no facen­do enor­mi pas­si indie­tro in tema di con­qui­ste e con­sa­pe­vo­lez­za.

Per chi vuo­le aiu­tar­ci a par­ti­re in que­sto viag­gio di Ita­lia, mi con­tat­ti su FB, Twit­ter o scri­ven­do a bea­tri­ce pun­to bri­gno­ne chioc­cio­la gmail pun­to com.

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il dare una pacca sul sedere a una donna non è percepito dalla maggioranza dell’opinione pubblica, e intendo non solo maschile, come una cosa grave, come un reato, ma solo, al massimo, come una sciocchezza, uno scherzo, un piccolo, insignificante, errore in una carriera di vita immacolata. 
Non basta il 1 dicembre ma serve un impegno deciso, strutturato, permanente capace di superare il mero approccio sanitario e di prevenzione e di guardare oltre, anche alla qualità della vita e alla piena inclusione delle persone sierocoinvolte. Per liberarle da uno stigma che viene dato loro da una società che ha ancora paura di affrontare questo tema.