Chi ha paura del Dalai Lama

Maglie più strette per l'ingresso del Dalai Lama nel nostro paese e di tanti altri tibetani in esilio in India. E' questo il risultato del cambiamento di politica voluto dal governo italiano nei confronti dei cittadini tibetani

[vc_row][vc_column][vc_column_text css=”.vc_custom_1500906854804{margin-top: 20px !important;}”][/vc_column_text][vc_column_text]Maglie più stret­te per l’in­gres­so del Dalai Lama nel nostro pae­se e di tan­ti altri tibe­ta­ni in esi­lio in India. E’ que­sto il risul­ta­to del cam­bia­men­to di poli­ti­ca volu­to dal gover­no ita­lia­no nei con­fron­ti dei cit­ta­di­ni tibe­ta­ni costret­ti alla fuga dal pro­prio pae­se a cau­sa dell’occupazione cine­se, e ora ospi­ta­ti in India. Si trat­ta di cir­ca 150mila per­so­ne cui il gover­no india­no rico­no­sce il cosid­det­to “Iden­ti­fy cer­ti­fi­ca­te”, un docu­men­to di iden­ti­fi­ca­zio­ne col qua­le poter viag­gia­re libe­ra­men­te in nume­ro­si pae­si, dal­l’a­rea Schen­gen al nord America.

Per­so­ne che vivo­no lon­ta­ne dal­le pro­prie ter­re non per scel­ta, ma per­ché costret­te. Rifu­gia­ti nel­la loro con­ce­zio­ne più stret­ta. Cir­ca 200 di que­sti ogni anno fan­no visi­ta all’I­ta­lia, per moti­vi reli­gio­si e cul­tu­ra­li, o anche solo per moti­vi fami­lia­ri e affet­ti­vi. Una poli­ti­ca di aper­tu­ra che ha per­mes­so ai pro­ta­go­ni­sti del­la dia­spo­ra tibe­ta­na, mona­ci e lai­ci, di incon­tra­re i bud­d­hi­sti del nostro pae­se e di altri pae­si per con­fe­ren­ze e incon­tri reli­gio­si. Lo stes­so Dalai Lama, insi­gni­to del Pre­mio Nobel per la pace nel 1989 e cit­ta­di­no ono­ra­rio di nume­ro­se e impor­tan­ti cit­tà ita­lia­ne (tra cui Roma, Mila­no, Paler­mo, pado­va, Tori­no, Firen­ze, Vene­zia), ha bene­fi­cia­to di que­sta oppor­tu­ni­tà nel suo instan­ca­bi­le sfor­zo di dif­fu­sio­ne del­la cul­tu­ra del­la non­vio­len­za e del meto­do del dia­lo­go per la riso­lu­zio­ne dei conflitti.

Appa­ren­te­men­te sen­za alcu­na ragio­ne, il gover­no ha cam­bia­to idea. La comu­ni­tà tibe­ta­na in Ita­lia, insie­me alla “Asso­cia­zio­ne don­ne tibe­ta­ne”, alla “Asso­cia­zio­ne Ita­lia-Tibet”, alla “Unio­ne Bud­d­hi­sta Ita­lia­na” e a nume­ro­se altre asso­cia­zio­ni e isti­tu­ti, ha denun­cia­to, for­te del­la con­fer­ma dell’ambasciata di Delhi e del con­so­la­to di Mum­bai, che l’I­ta­lia ha scel­to di non rico­no­sce­re più l’Identity cer­ti­fi­ca­te qua­le docu­men­to di viag­gio valido.

Le ragio­ni, come dice­va­mo, appa­io­no igno­te, anche se c’è chi ipo­tiz­za che sia­no da ricer­car­si in una nuo­va dimen­sio­ne del­le rela­zio­ni tra Ita­lia e Cina.

Per que­ste ragio­ni abbia­mo inter­ro­ga­to il mini­stro Alfa­no, denun­cian­do i fat­ti e chie­den­do per qua­li moti­vi il gover­no ita­lia­no abbia deci­so di non rico­no­sce­re più vali­di­tà all’Identity Cer­ti­fi­ca­te, nono­stan­te l’universalmente accer­ta­ta con­di­zio­ne di per­so­ne per­se­gui­ta­te che con­trad­di­stin­gue i pro­fu­ghi tibe­ta­ni. Se, inol­tre, sia­no avve­nu­ti cam­bia­men­ti nel­le rela­zio­ni inter­na­zio­na­li tra il nostro pae­se e, in par­ti­co­la­re, Cina e India e, nel caso, di qua­le natu­ra e se non riten­ga oppor­tu­no garan­ti­re a per­so­ne alle qua­li l’Italia potreb­be mol­to pro­ba­bil­men­te rico­no­sce­re lo sta­tus di rifu­gia­to la pos­si­bi­li­tà di doman­da­re asi­lo nel nostro pae­se in manie­ra sicu­ra.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Ci vediamo a Roma, il 23 e 24 ottobre, Largo Venue, con la nostra Scuola di Politica. Non abbiamo mai smesso di studiare, ma ora torniamo a farlo tutti e tutte insieme, di persona, finalmente.
Mentre sono sicura che si potrà fare a meno di benzina per qualche giorno (il benzinaio più vicino mi ha detto di riprovare lunedì o martedì), o dell’acqua sugli scaffali dei supermercati, o mangiare qualche verdura in meno per adesso, la situazione diventerà ancora più insostenibile per i diritti di chi lavora in questi settori e di conseguenza per l’intero paese, che, nel frattempo, raziona anche un dibattito profondo sull’impatto della Brexit.