Un manifesto per un futuro da salutare, quello sì, a braccia aperte

Di fronte a un dibattito da politica-rotocalco sugli abbracci, proponiamo a tutti (ma proprio tutti) di mostrare la stessa curiosità per un lavoro fatto su un programma per giorni migliori.
#

Nella politica-rotocalco fatta soprattutto di pettegolezzi e di retroscena, che distraggono i cittadini dal merito delle questioni e dai fatti politici, in un dibattito (e in un sistema mediatico) dominato dalla narrazione episodica, dalla ricerca spasmodica dell’immagine simbolica, della battuta ad effetto, del “contenuto virale”, sono tre o quattro giorni che non si fa che parlare di abbracci, in particolare di un abbraccio. E con un livello di discussione indistinguibile da quello dei settimanali appena citati, a cui eventualmente si aggiunge una trama gialla. Solo che non ci sono né Nesbø né Holt: è tutto molto noioso e già visto.

Di fronte a tutto questo, proponiamo a tutti (ma proprio tutti) di mostrare la stessa curiosità per un lavoro fatto su un programma: www.possibile.com/manifesto

Per riportare la discussione su un terreno meno sabbioso e più solido: quello delle idee per cambiare l’Italia.

Per guardare a un orizzonte che “abbracci” qualcosa di più ampio delle beghe che avvengono quotidianamente sotto il nostro naso.
Per abbracciare (nel senso di dedicarsi) a un #Manifesto di cose di futuro, per preparare giorni migliori.

Per ripartire da un altro abbraccio e da un’altra foto, non solo di chi stava sul palco, ma di chi partecipava alla tre giorni di confronti su ricerca, lavoro, ambiente, scuola, diritti, salute, economia, benessere animale, migrazioni, giustizia e democrazia.

Per un futuro da salutare, quello sì, a braccia aperte.

  • 214
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati