2020, trappola per topi sui conti pubblici

È fat­ta, dico­no. La pro­ce­du­ra di infra­zio­ne per defi­cit ecces­si­vo sarà evi­ta­ta. «Abbia­mo pie­na­men­te sal­va­guar­da­to la nostra impo­sta­zio­ne del­la mano­vra di bilan­cio. Non abbia­mo cedu­to sui con­te­nu­ti», escla­ma in aula al Sena­to il pre­si­den­te del con­si­glio Con­te. Ma intan­to la Com­mis­sio­ne Euro­pea ha vin­to, il defi­cit strut­tu­ra­le non cre­sce­rà, restan­do inchio­da­to allo 0,8% in rap­por­to al PIL come pre­vi­sto dal­le rego­le di bilan­cio euro­pee, espel­len­do con for­za l’aumento del­lo 0,9% con cui il gover­no ave­va carat­te­riz­za­to la sua mano­vra. Non è vero che vi è sta­ta media­zio­ne: il gover­no ha cedu­to su tut­to, per­si­no le misu­re ban­die­ra (quo­ta 100 e red­di­to di cit­ta­di­nan­za) saran­no mez­ze azzop­pa­te, cer­ta­men­te sen­za futuro.

Da un cer­to pun­to di vista, si può tira­re un sospi­ro di sol­lie­vo — la pro­ce­du­ra di infra­zio­ne e il ral­ly dei tas­si sul debi­to sono scon­giu­ra­ti — ma il prez­zo da paga­re è una gigan­te­sca trap­po­la per topi, piaz­za­ta al pri­mo gen­na­io 2020. Ven­ti­quat­tro miliar­di di euro, tan­to val­go­no le nuo­ve clau­so­le di sal­va­guar­dia, che scat­te­ran­no impe­den­do a que­sto pae­se di agguan­ta­re il tan­to sospi­ra­to ‘for­mag­gi­no’.

Solo una poli­ti­ca di cor­to respi­ro, sen­za alcun futu­ro, sen­za pro­spet­ti­va, sen­za idee, sen­za tut­to, pote­va scen­de­re a tal com­pro­mes­so. Con­te ha affer­ma­to in aula che la ridu­zio­ne del rap­por­to deficit/PIL per l’anno 2019 dall’iniziale 2,4% al nuo­vo rife­ri­men­to del 2,04% (per que­sto gio­co di nume­ri, ci sareb­be spa­zio per una poe­sia di Tri­lus­sa), è dovu­ta alla pun­tua­le quan­ti­fi­ca­zio­ne, con appo­si­te rela­zio­ni tec­ni­che, del­la «sti­ma eco­no­mi­co-finan­zia­ria del­le misu­re, soprat­tut­to di quel­le a carat­te­re socia­le e pre­vi­den­zia­le», ma il pre­si­den­te omet­te di dire che gli impat­ti sul­la spe­sa sono sce­si per­ché le mede­si­me saran­no attua­te a par­ti­re da apri­le 2019 e con una pla­tea ulte­rior­men­te ridot­ta. Peral­tro, i cri­te­ri di acces­so al red­di­to di cit­ta­di­nan­za sono anco­ra da met­te­re nero su bian­co e Quo­ta 100, come sapre­te, sarà appli­ca­bi­le solo a chi pos­sie­de i requi­si­ti già nel 2018, matu­ra­ti da alme­no due anni, e non a tut­ti subi­to ma secon­do un calen­da­rio di usci­te. Poi è sta­to il lavo­ro chi­rur­gi­co del mini­stro Tria a rica­va­re altro spa­zio di spe­sa, tem­po­ra­neo, per rag­giun­ge­re l’obiettivo.

Nel­la lista dei tagli le abro­ga­zio­ni di alcu­ne age­vo­la­zio­ni, come l’aliquota ridot­ta Ires in favo­re degli enti non com­mer­cia­li, il cre­di­to d’imposta in favo­re di sog­get­ti che com­pio­no inve­sti­men­ti in beni stru­men­ta­li nuo­vi, i tagli al fon­do per favo­ri­re lo svi­lup­po per capi­ta­le imma­te­ria­le, la pro­dut­ti­vi­tà e la com­pe­ti­ti­vi­tà e — dul­cis in fun­do — la «ridu­zio­ne di 850 milio­ni di euro per l’an­no 2019 […] del­la quo­ta nazio­na­le per il finan­zia­men­to del­le poli­ti­che comu­ni­ta­rie». In tota­le fan­no 10,2 miliar­di in meno (12,2 nel 2020 e 16 nel 2021) rispet­to alle pre­ce­den­ti solu­zio­ni, recu­pe­ra­ti anche con dismis­sio­ni immo­bi­lia­ri (950 milio­ni), web tax (150 milio­ni), con­tri­bu­to di soli­da­rie­tà dal­le pen­sio­ni d’oro (76 milio­ni). Nean­che per un minu­to si è imma­gi­na­to anche solo di toc­ca­re una misu­ra inef­fi­cien­te, spe­re­qua­ti­va, sba­glia­ta come il bonus 80 euro di Ren­zi. Il gover­no del cam­bia­men­to non rie­sce nem­me­no a bal­bet­ta­re un dub­bio dinan­zi ad un impe­gno di spe­sa che vale 8,7 miliar­di di euro l’anno e che da solo avreb­be coper­to il red­di­to di cit­ta­di­nan­za. È bene ricor­da­re che nel Mani­fe­sto di Pos­si­bi­le era­no inclu­si inter­ven­ti più misu­ra­ti, che avreb­be­ro con­sen­ti­to di fare bene le cose giu­ste e di evi­ta­re quel­le sba­glia­te e pale­se­men­te insostenibili.

«Ho rap­pre­sen­ta­to», ha det­to Con­te, «anche l’e­si­gen­za di appron­ta­re un pia­no di inter­ven­ti straor­di­na­ri per la mes­sa in sicu­rez­za del­le infra­strut­tu­re via­rie (via­dot­ti, pon­ti, stra­de, gal­le­rie) e la gestio­ne dei rischi con­nes­si al dis­se­sto idro­geo­lo­gi­co. Per que­sti inter­ven­ti il Gover­no ha chie­sto e otte­nu­to che sia appli­ca­ta la fles­si­bi­li­tà pre­vi­sta dal Pat­to di sta­bi­li­tà e cre­sci­ta, in misu­ra — pen­sa­te — cor­ri­spon­den­te a qua­si lo 0,2 per cen­to del PIL». A qual­cu­no ver­reb­be da cre­de­re che, for­se, sen­za minac­cia­re e bat­te­re i pugni sul tavo­lo, il mar­gi­ne per otte­ne­re fles­si­bi­li­tà di bilan­cio — stan­te alle innu­me­re­vo­li emer­gen­ze in cui è immer­so que­sto pae­se da anni — era ampio e otte­ni­bi­le subi­to, sen­za inne­sca­re la mic­cia dei tas­si sul debi­to pubblico.

Quan­to tem­po per­so, quan­to dena­ro spre­ca­to. Quan­to futu­ro compromesso.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

E così il Governo ha deciso di abbassare l’Iva sugli assorbenti femminili al 10%, bene ma non benissimo visto che la misura corretta sarebbe quella del 4%, ma in più viene da chiedersi cosa stiano facendo esattamente i partiti in Parlamento se su una misura di questo tipo arrivano a farsi bagnare il naso da Draghi. Osservazioni simili si potrebbero fare a proposito di eutanasia e cannabis legale, e lo stesso ci si augura accada per la proposta di legge d'iniziativa popolare sul salario minimo su cui Possibile si impegna a raccogliere adesioni.
Dopo molti anni, ben 6 dalla proposta che facemmo con Giuseppe Civati e Possibile, se ne è colto il significato simbolico e però concretissimo. Un passo avanti, sicuramente. Anche se spiace per il tempo perso. E spiace perché l'IVA sugli assorbenti non è ancora al 4%, come quella per i prodotti di prima necessità, com'è giusto che sia. Perché le mestruazioni non sono un lusso. Continueremo a insistere.
Il tempo del bla bla bla è finito e bisogna agire: non c'è più tempo. Infine c’è da cambiare un paradigma e da riscrivere una storia: sembra che le decisioni sul clima le prendano in pochi e in tavoli decisamente ristretti con la presenza delle lobby del carbone. Va completamente ribaltato il tavolo, dando voce e ruolo a chi oggi subisce le conseguenze maggiori di questa crisi socio climatica e ambientale.