Siamo quelli dello 0,005%

Ho let­to con inte­res­se il libro di Yanis Varou­fa­kis e Loren­zo Mar­si­li appe­na usci­to per i tipi di Laterza.

Incro­cia mol­te que­stio­ni che in que­sti ulti­mi anni abbia­mo cer­ca­to di descri­ve­re con Pos­si­bi­le: una for­za imme­dia­ta­men­te sovra­na­zio­na­le, anzi, trans­na­zio­na­le.

Un sog­get­to ine­vi­ta­bil­men­te plu­ra­le e però coor­di­na­to non in modo astrat­to ma in fun­zio­ne di bat­ta­glie pre­ci­se, chia­re, rico­no­sci­bi­li.

Un pro­get­to che non sia solo una costru­zio­ne di Lego (anche con l’a­po­stro­fo), ovve­ro che non giu­stap­pon­ga ‘pez­zi’ diver­si ma che pro­vi a dare una fisio­no­mia a que­stio­ni essen­zia­li come quel­le del­la demo­cra­tiz­za­zio­ne del­la Ue e di alcu­ne que­stio­ni che non sono più rin­via­bi­li, sot­to il pro­fi­lo socia­le ed eco­no­mi­co: sia­mo già ai tem­pi sup­ple­men­ta­ri, anzi, per dir­la con un calem­bour, ai cal­ci di rigo­re.

Non un pia­no di exit, insom­ma, ma l’ul­ti­mo ten­ta­ti­vo di voi­ce, per sal­va­re l’Eu­ro­pa da se stes­sa e da quel simu­la­cro che è diventata.

Non è la pri­ma vol­ta che dia­lo­ghia­mo con Diem25, nel­la con­vin­zio­ne che par­ti­ti e movi­men­ti deb­ba­no con­fron­tar­si nel rispet­to reci­pro­co e che l’er­ro­re più gran­de sareb­be quel­lo di non rico­no­sce­re che qual­cu­no sui temi che Varou­fa­kis sol­le­ci­ta si è già mos­so: a livel­lo euro­peo (pen­so ad alcu­ne que­stio­ni poste dai Ver­di, soprat­tut­to sul model­lo di svi­lup­po e sul­l’in­di­riz­zo da dare agli inve­sti­men­ti euro­pei, per una vera tran­si­zio­ne eco­lo­gi­ca) e a livel­lo nazionale.

Sono le «disper­se vir­tù» di cui abbia­mo par­la­to altre vol­te che dob­bia­mo esse­re capa­ci di col­le­ga­re tra loro, facen­do­le dia­lo­ga­re, armo­niz­zan­do­le in un mani­fe­sto poli­ti­co capa­ce di sfi­da­re il siste­ma poli­ti­co europeo.

Per que­sta ragio­ne è una sfi­da appas­sio­nan­te quel­la che ci pro­po­ne e di cui discu­te­re­mo saba­to a Roma.

Sic­co­me però le cose si cam­bia­no cam­bian­do­le, pro­pon­go subi­to una sfi­da da affron­ta­re insie­me: quel­la di far cre­sce­re in tut­ti i Pae­si euro­pei, attra­ver­so una Ice (una ini­zia­ti­va dei cit­ta­di­ni euro­pei) o con altri stru­men­ti che si pos­so­no indi­vi­dua­re, una richie­sta urgen­te per­ché si affron­ti la que­stio­ne del­la tas­sa­zio­ne del­le mul­ti­na­zio­na­li. Di quel­lo 0,005% che ha paga­to Apple in Irlan­da. Di cui Varou­fa­kis e Mar­si­li discu­to­no nel loro testo. Mul­ti­na­zio­na­li elu­si­ve, dop­pi irlan­de­si e pani­ni olan­de­si, o por­ti fran­chi e para­di­si lus­sem­bur­ghe­si, in pie­na Ue.

Ecco, sareb­be bel­lo se saba­to uscis­si­mo da quel­la sala con que­sta pro­po­sta. E ci mobi­li­tas­si­mo subi­to. Anche per incal­za­re le fami­glie poli­ti­che euro­pee e quel­l’e­sta­blish­ment che sem­bra sen­tir­ci pochissimo.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Ci vediamo a Roma, il 23 e 24 ottobre, Largo Venue, con la nostra Scuola di Politica. Non abbiamo mai smesso di studiare, ma ora torniamo a farlo tutti e tutte insieme, di persona, finalmente.
Mentre sono sicura che si potrà fare a meno di benzina per qualche giorno (il benzinaio più vicino mi ha detto di riprovare lunedì o martedì), o dell’acqua sugli scaffali dei supermercati, o mangiare qualche verdura in meno per adesso, la situazione diventerà ancora più insostenibile per i diritti di chi lavora in questi settori e di conseguenza per l’intero paese, che, nel frattempo, raziona anche un dibattito profondo sull’impatto della Brexit.