All’Europa non serve un PR, ma (buona) politica

In vista dei sessant’anni dei Trat­ta­ti di Roma, si riac­cen­de il mai sopi­to dibat­ti­to sull’Europa. Che si par­li di ciò che ser­ve fare a Roma o di ciò di cui ci sareb­be biso­gno a Bru­xel­les, però, il livel­lo del­la discus­sio­ne sem­bra esse­re sem­pre su un pia­no sba­glia­to, o per lo meno secon­da­rio, quel­lo dell’imma­gi­ne.

Non stu­pi­sce, a dire il vero, che chi ritie­ne che gli ulti­mi anni di gover­no del Pae­se abbia­no avu­to come uni­ca pec­ca quel­la di non esser­si sapu­ti rac­con­ta­re ade­gua­ta­men­te, che chi ritie­ne sia solo un pro­ble­ma di per­ce­zio­ne, si spin­ga ad ana­li­si simi­li anche sull’Europa.

Ciò di cui ha biso­gno l’Europa, tut­ta­via, non è un segna­le, un gesto. Non è un’operazione di imma­gi­ne per rac­con­tar­si “più vici­na” ai suoi cit­ta­di­ni, quel­lo che le serve.

Per non esse­re per­ce­pi­ta come un “fred­do simu­la­cro distan­te dagli ulti­mi”, quel­lo che ser­ve all’Europa non è un PR, ma buo­na poli­ti­ca.

Per­ché la neces­si­tà di demo­cra­tiz­za­re l’UE non è un pro­ble­ma di per­ce­zio­ne, ma un’esigenza reale.

Per­ché un’Europa non in gra­do di affron­ta­re in manie­ra comu­ne la sfi­da dei cam­bia­men­ti cli­ma­ti­ci #pri­m­del­di­lu­vio, non in gra­do di par­la­re di #cose­di­fu­tu­ro, sarà dav­ve­ro un simu­la­cro vuo­to di contenuti.

Per­ché un’Europa inca­pa­ce di supe­ra­re le ipo­cri­sie di Dubli­no, un’Europa di 500 milio­ni di per­so­ne che non è in gra­do di gesti­re l’arrivo di poco più di un milio­ne di rifu­gia­ti, ha un pro­ble­ma che non è di per­ce­zio­ne e non si risol­ve a col­pi di Erasmus.

Per­ché un’Europa che non sa o non vuo­le affron­ta­re l’enorme que­stio­ne del­la tas­sa­zio­ne del­le mul­ti­na­zio­na­li, non vale mol­to più di quel­lo 0,005% che Apple paga in Irlanda.

Il pro­ble­ma di per­ce­zio­ne è quel­lo che sem­bra­no ave­re le sto­ri­che fami­glie poli­ti­che dell’establishment euro­peo, che si rac­con­ta­no come uni­co argi­ne a un’ondata populista/sovranista che loro stes­si ingi­gan­ti­sco­no e ali­men­ta­no con azio­ni poli­ti­che ste­ri­li e trin­ce­ran­do­si die­tro una dife­sa dog­ma­ti­ca e “di imma­gi­ne” di un’Europa da car­to­li­na che non par­la a lar­ga par­te dei suoi cittadini.

Non ci vuo­le un Era­smus poten­zia­to, ci vuo­le una poli­ti­ca euro­pea, fat­ta di per­so­ne che ne par­li­no ogni gior­no, che fac­cia­mo squa­dra, che abbia­no obiet­ti­vi pre­ci­si e li con­di­vi­da­no con i cit­ta­di­ni. Fuo­ri dal pro­vin­cia­li­smo.

È di una for­te e corag­gio­sa azio­ne poli­ti­ca trans­na­zio­na­le che affron­ti da subi­to i temi di cui sopra, ciò di cui l’Europa ha biso­gno per sal­va­re se stessa.

Per que­sto, in vista di que­sti sessant’anni dai trat­ta­ti di Roma, in vista di quan­to orga­niz­za­to da Yanis Varou­fa­kis e DiEM25, sia­mo a riba­di­re la nostra pro­po­sta: met­tia­mo assie­me tut­te quel­le for­ze che a livel­lo nazio­na­le ed euro­peo han­no un sen­ti­re comu­ne su que­sti temi. Riem­pia­mo di con­te­nu­ti, di azio­ni con­cre­te, di mobi­li­ta­zio­ni per­ce­pi­bi­li, il dibat­ti­to sul desti­no dell’Unione. Fac­cia­mo­lo a par­ti­re da una cam­pa­gna su tut­to il con­ti­nen­te sul­la que­stio­ne del­le mul­ti­na­zio­na­li elu­si­ve, come pro­po­sto da Civa­ti.

Non lascia­mo l’Europa a chi la con­si­de­ra solo un totem, un pez­zo di legno da ado­ra­re o da bru­cia­re, a secon­da del­le percezioni.

 

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nature Restoration Law: stavolta ha vinto la Terra!

È un momen­to sto­ri­co: oggi l’Europa ren­de leg­ge il ripri­sti­no del­la natu­ra, e defi­ni­sce la dire­zio­ne che il nostro con­ti­nen­te segui­rà per ridar­le spa­zio. La que­stio­ne non è edo­ni­sti­ca, e nem­me­no intel­let­tua­le: si trat­ta di per­met­te­re che gli eco­si­ste­mi, come i fiu­mi o le zone umi­de, ter­re col­ti­va­te e fore­ste, tor­ni­no gra­dual­men­te in una con­di­zio­ne di equi­li­brio per con­ti­nua­re a tra­sfor­ma­re la mate­ria, per ren­de­re, cioè, la bio­sfe­ra vivi­bi­le anche per noi.

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.