Per una sana ripartenza è imprescindibile investire sugli ispettori INPS e del lavoro

La ripresa economica necessita che le risorse pubbliche siano destinate alle imprese sane e che lavorano in sicurezza e che, perciò, devono essere tutelate da quei concorrenti sleali che evadono tasse e contributi e che non rispettano le norme a protezione delle lavoratrici e dei lavoratori.

È di pochi gior­ni fa la noti­zia che l’attività degli ispet­to­ri e dei fun­zio­na­ri dell’INPS, attra­ver­so una meto­do­lo­gia inte­gra­ta di con­trol­lo basa­ta su siste­mi sta­ti­sti­ci pre­dit­ti­vi e veri­fi­che ispet­ti­ve mira­te, ha con­sen­ti­to di sco­va­re oltre 2000 azien­de che, attra­ver­so assun­zio­ni ed atti­va­zio­ni fit­ti­zie, han­no ten­ta­to di fro­da­re l’Istituto di Pre­vi­den­za chie­den­do gli ammor­tiz­za­to­ri socia­li “Covid-19” sen­za aver­ne dirit­to. Le truf­fe per­pe­tra­te ai dan­ni del­le cas­se del­lo Sta­to, pur­trop­po, in que­sto perio­do di cri­si appa­io­no incre­men­ta­te ed è evi­den­te che vi sia la neces­si­tà di una mag­gio­re atti­vi­tà di vigi­lan­za che con­sen­ta che le risor­se mes­se in cam­po dal gover­no sia­no indi­riz­za­te ai lavo­ra­to­ri e alle azien­de one­ste che ne han­no effet­ti­va­men­te biso­gno e non a mal­fat­to­ri sen­za scru­po­li. Ci si aspet­ta­va, insom­ma, che da par­te del gover­no si pen­sas­se ad incre­men­ta­re le ispe­zio­ni, gli ispet­to­ri del lavo­ro e, a mag­gior ragio­ne, la for­za ispet­ti­va dell’INPS (ormai ridot­ta a un miglia­io di uni­tà), sia per­ché que­sto Ente ha svi­lup­pa­to una meto­do­lo­gia che con­sen­te con­trol­li mira­ti su azien­de sele­zio­na­te attra­ver­so deter­mi­na­ti indi­ci di rischio, ma soprat­tut­to per la bana­le argo­men­ta­zio­ne “più ispet­to­ri INPS, più truf­fe sco­per­te, più recu­pe­ro dell’evasione con­tri­bu­ti­va”. E, d’altronde, que­sta era la dire­zio­ne che l’esecutivo sem­bra­va intra­pren­de­re, a segui­to del­la recen­te inda­gi­ne cono­sci­ti­va del­la Com­mis­sio­ne lavo­ro del­la Came­ra sul “rior­di­no del siste­ma del­la vigi­lan­za” che auspi­ca pro­prio il supe­ra­men­to di una stram­pa­la­ta nor­ma di un decre­to attua­ti­vo del Jobs Act (n. 149/2015) che impe­di­sce l’assunzione di ispet­to­ri INPS e INAIL. Pro­prio al ter­mi­ne dei lavo­ri del­la Com­mis­sio­ne, i depu­ta­ti del Movi­men­to 5 Stel­le Clau­dio Comi­nar­di, Jes­si­ca Costan­zo e Davi­de Tri­pie­di, mem­bri di tale Com­mis­sio­ne, l’11 mag­gio 2020 han­no infat­ti pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge (n. 2491) che chie­de l’abrogazione del cd. “ruo­lo ad esau­ri­men­to” intro­dot­to del pre­det­to decre­to attua­ti­vo e, di con­ver­so, l’assunzione di ispet­to­ri INPS e INAIL. Si osser­vi, peral­tro, che que­sta pro­po­sta di leg­ge ha costo pra­ti­ca­men­te nul­lo, dato che già gli Isti­tu­ti han­no espres­so la volon­tà di soste­ne­re le assun­zio­ni con risor­se pro­prie, pro­ba­bil­men­te essen­do con­sa­pe­vo­li che, come affer­ma­va­no Gian Anto­nio Stel­la e Ser­gio Riz­zo nel libro “Se Muo­re il Sud”, «non c’è fun­zio­na­rio pub­bli­co che ren­da allo Sta­to quan­to ren­do­no gli ispet­to­ri INPS. Cia­scu­no di loro ha recu­pe­ra­to media­men­te, negli ulti­mi die­ci anni, 9,8 milio­ni di euro. Uno sta­to serio insi­ste­reb­be. E aumen­te­reb­be il nume­ro di que­gli ispet­to­ri così red­di­ti­zi». Sia­mo quin­di rima­sti sor­pre­si nell’apprendere che l’onorevole Leo­nar­do Don­no (del­lo stes­so par­ti­to degli ono­re­vo­li Comi­nar­di, Costan­zo e Tri­pie­di) ha pre­sen­ta­to pochi gior­ni fa un emen­da­men­to all’art. 95 del Decre­to Rilan­cio che pre­ve­de estin­zio­ni e tagli del­le san­zio­ni per le azien­de irre­go­la­ri (!), neu­tra­liz­za­zio­ne dei con­trol­li per due anni per le azien­de pres­so cui non sia­no sta­te riscon­tra­te irre­go­la­ri­tà (e che, per­tan­to, per due anni avran­no la garan­zia di non esse­re più ispe­zio­na­te…) e assun­zio­ni di ispet­to­ri pres­so l’Ispettorato Nazio­na­le del Lavo­ro, ma non di ispet­to­ri INPS e INAIL. In defi­ni­ti­va, sem­bra esse­re per­pe­tra­ta l’inspiegabile con­trap­po­si­zio­ne tra ispet­to­ri del lavo­ro e ispet­to­ri INPS e INAIL, dan­no­sa ai fini del­la lot­ta all’evasione con­tri­bu­ti­va (ne abbia­mo già par­la­to qui), quan­do inve­ce si dovreb­be cer­ca­re di incre­men­ta­re gli orga­ni­ci di tut­ti i sog­get­ti che fan­no vigi­lan­za lavo­ri­sti­ca, pre­vi­den­zia­le ed assi­cu­ra­ti­va e, a mag­gior ragio­ne, gli ispet­to­ri di que­gli Isti­tu­ti che han­no dimo­stra­to capa­ci­tà di intel­li­gen­ce e di veri­fi­ca. La lot­ta all’evasione con­tri­bu­ti­va, infat­ti, è soprat­tut­to que­stio­ne di inno­va­zio­ne e tec­no­lo­gie su cui INPS e INAIL in que­sti anni han­no fat­to enor­mi pas­si avan­ti: non assu­me­re più ispet­to­ri in tali Enti signi­fi­che­reb­be disper­de­re quel patri­mo­nio di com­pe­ten­ze fat­to di un con­ti­nuo inter­scam­bio con le strut­tu­re ammi­ni­stra­ti­ve ed infor­ma­ti­che inter­ne, così fon­da­men­ta­li per inter­cet­ta­re imme­dia­ta­men­te le situa­zio­ni a rischio di truf­fe e irre­go­la­ri­tà. Il siste­ma dei con­trol­li sul lavo­ro non meri­ta que­ste fosche mano­vre di palaz­zo. La ripre­sa eco­no­mi­ca neces­si­ta che le risor­se pub­bli­che sia­no desti­na­te alle impre­se sane e che lavo­ra­no in sicu­rez­za e che, per­ciò, devo­no esse­re tute­la­te da quei con­cor­ren­ti slea­li che eva­do­no tas­se e con­tri­bu­ti e che non rispet­ta­no le nor­me a pro­te­zio­ne del­le lavo­ra­tri­ci e dei lavo­ra­to­ri. Per que­sto chie­dia­mo che ces­si­no le lot­te inte­sti­ne alla com­pa­gi­ne gover­na­ti­va e che ven­ga cesti­na­to l’emendamento Don­no che pre­ve­de l’abrogazione del­le san­zio­ni e la sospen­sio­ne dei con­trol­li. Si pro­ce­da, inve­ce, ad un ingen­te pia­no di assun­zio­ni di ispet­to­ri sia pres­so l’Ispettorato Nazio­na­le del Lavo­ro, che pres­so l’INPS e l’INAIL abro­gan­do il cd. “ruo­lo ad esau­ri­men­to”. Per­ché, come ha ricor­da­to recen­te­men­te il Pre­si­den­te Ser­gio Mat­ta­rel­la, la sicu­rez­za di chi lavo­ra è una prio­ri­tà socia­le e, per con­tra­sta­re iner­zie e ille­ga­li­tà ser­ve un’azione con­ti­nua, rigo­ro­sa, di pre­ven­zio­ne. Ma, per fare que­sto, l’applicazione e il rispet­to del­le nor­me va accom­pa­gna­ta a una cor­ret­ta atti­vi­tà di vigi­lan­za cui devo­no esse­re assi­cu­ra­te le risor­se neces­sa­rie. Fran­co Bianchi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

La cannabis riguarda 5 milioni di consumatori, secondo alcuni addirittura 6, molti dei quali sono consumatori di lungo corso che ne fanno un uso molto consapevole, non pericoloso per la società. Preparate lo SPID! Sarà una campagna brevissima, difficile, per cui servirà tutto il vostro aiuto. Ma si può fare. Ed è giusto provarci.
La crisi delle precipitazioni, così come l’aumento di fenomeni temporaleschi più violenti in termini di quantità di acqua e tempi più ristretti e l’innalzamento della quota dello zero termico ci devono spingere, se non costringere, a cambiare radicalmente il nostro approccio al sistema “montagna”. E questo impone anche un cambio drastico nella gestione del territorio anche dal punto di vista delle infrastrutture viabilistiche e sciistiche.
Come illustrato da Legambiente, le spiagge libere in Toscana e in particolare di quelle delle province di Lucca e Massa Carrara sono praticamente assenti: così nella regione (come in altre parti d'Italia) si consuma una grave privazione di un bene pubblico e un forte stress ambientale.