Una giornata in memoria delle vittime del colonialismo italiano

Il dibattito innescato anche in Italia dalle proteste #BlackLivesMatter dimostra che abbiamo maturato una maggiore consapevolezza sulle dinamiche di sopraffazione, violenza e potere di un passato che abbiamo cercato di rimuovere, nascondendolo sotto il mito degli “Italiani brava gente”.

19 feb­bra­io 1937. Addis Abe­ba, Etio­pia. È mat­ti­na. Due uomi­ni del­la resi­sten­za etio­pe, Abra­ham Deboch e Mogus Asghe­dom, duran­te una cele­bra­zio­ne, ten­ta­no di ucci­de­re la mas­si­ma auto­ri­tà in cit­tà: il vice­ré, l’italianissimo Rodol­fo Gra­zia­ni. Fac­cia­mo un pas­so indie­tro: è il 9 mag­gio 1936. Il capo del gover­no ita­lia­no, Beni­to Mus­so­li­ni, è a Palaz­zo Vene­zia. Par­la alla fol­la, par­la agli Ita­lia­ni. C’è una guer­ra in cor­so, in Etio­pia, la sta com­bat­ten­do il gene­ra­le Bado­glio. Quel gior­no, però, anche se la guer­ra non è fini­ta, per­ché la resi­sten­za degli Etio­pi è più for­te del pre­vi­sto, Mus­so­li­ni pro­cla­ma l’Impero. Vit­to­rio Ema­nue­le III diven­ta impe­ra­to­re.  Bado­glio, ansio­so di tor­na­re in patria, lascia sul posto il gene­ra­le Gra­zia­ni, che diven­ta vice­ré. Gra­zia­ni ha fret­ta di con­qui­sta­re l’Etiopia ed è pron­to a usa­re qual­sia­si mez­zo, anche più di quan­to aves­se fat­to Bado­glio, che già non si era con­trad­di­stin­to per uma­ni­tà, con bom­bar­da­men­ti ai civi­li e agli ospe­da­li. Ave­va usa­to l’iprite, Bado­glio: un gas leta­le (bom­be C.500.T, 280 chi­lo­gram­mi) che spri­gio­na­to nell’aria for­ma su tut­to il cor­po del­le pia­ghe deva­stan­ti, che si infet­ta­no e diven­ta­no leta­li.  Ecco, Gra­zia­ni fa di peg­gio. Per chiu­de­re la pra­ti­ca del­la guer­ra, ini­zia a ese­gui­re ese­cu­zio­ni som­ma­rie di tut­ti colo­ro che iden­ti­fi­ca come ribel­li. E non impor­ta che alcu­ni si fos­se­ro arre­si. È in que­sto cli­ma che il 19 feb­bra­io 1937 due gio­va­ni etio­pi ten­ta­no di ucci­de­re, sen­za riu­scir­ci, il vice­ré Gra­zia­ni: è in que­sto cli­ma che ini­zia­no i tre gior­ni che ad Addis Abe­ba ricor­da­no anco­ra. A par­ti­re dal 19 feb­bra­io, subi­to dopo l’attentato, gli Ita­lia­ni pren­do­no i man­ga­nel­li e pic­chia­no e ucci­do­no tut­ti colo­ro che tro­va­no per stra­da. Nel pome­rig­gio, poi, la repres­sio­ne diven­ta scien­ti­fi­ca: gli Ita­lia­ni si muo­vo­no in grup­pi, inse­guo­no i civi­li, bru­cia­no le case, aspet­ta­no che le per­so­ne scap­pi­no e fini­sco­no chi fug­ge con le bom­be a mano. Con­ti­nua così per tut­ta la not­te: la mat­ti­na dopo, il gene­ra­le Gra­zia­ni ordi­na di sca­va­re le fos­se comu­ni per i cada­ve­ri — tan­ti, trop­pi per esse­re sep­pel­li­ti in altro modo. Con­ti­nua così per tut­ta la not­te, e poi per altri due gior­ni. Per ordi­ne di Mus­so­li­ni, pare: “tut­ti i civi­li e reli­gio­si sospet­ti devo­no esse­re pas­sa­ti per le armi, e sen­za indu­gi.” Poi­ché si ritie­ne che alcu­ni mem­bri del­la resi­sten­za sia­no nasco­sti a Gog­get­ti, una cit­ta­di­na poco distan­te da Addis Ade­ba, tut­ti gli uomi­ni che si tro­va­no lì ven­go­no ucci­si. Dal 19 al 21 feb­bra­io 1937 i mor­ti in Etio­pia per mano ita­lia­na, secon­do gli sto­ri­ci, furo­no cir­ca 19.000. Oggi negli Sta­ti Uni­ti i neri festeg­gia­no il #June­teenth, data che ricor­da il gior­no in cui, nel 1865, le trup­pe unio­ni­ste arri­va­te a Gal­ve­ston, Texas, annun­cia­ro­no la fine del­la schia­vi­tù. Da anni i movi­men­ti per i dirit­ti civi­li chie­do­no che que­sta diven­ti una gior­na­ta di cele­bra­zio­ne che uni­sca tut­to il pae­se, ma la richie­sta non è anco­ra sta­ta accet­ta­ta. Allo stes­so modo, dal 2006 gia­ce in Ita­lia una pro­po­sta di leg­ge per isti­tui­re una Gior­na­ta Nazio­na­le in ricor­do del­le vit­ti­me del Colo­nia­li­smo ita­lia­no, nata da un appel­lo del­lo sto­ri­co Ange­lo Del Boca. La data scel­ta era quel­la del 19 feb­bra­io, in memo­ria pro­prio del­la Stra­ge di Addis Abe­ba, ricor­da­ta da tut­ti in Etio­pia e cono­sciu­ta da pochis­si­mi in Ita­lia.  Il dibat­ti­to inne­sca­to anche in Ita­lia dal­le pro­te­ste #Blac­kLi­ve­sMat­ter dimo­stra che abbia­mo matu­ra­to una mag­gio­re con­sa­pe­vo­lez­za sul­le dina­mi­che di sopraf­fa­zio­ne, vio­len­za e pote­re di un pas­sa­to che abbia­mo cer­ca­to di rimuo­ve­re, nascon­den­do­lo sot­to il mito degli “Ita­lia­ni bra­va gen­te”.  Per que­sto, ades­so è arri­va­to il momen­to di ripren­de­re quel­la pro­po­sta di leg­ge.  È dove­ro­so, per non dimenticare.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

E così il Governo ha deciso di abbassare l’Iva sugli assorbenti femminili al 10%, bene ma non benissimo visto che la misura corretta sarebbe quella del 4%, ma in più viene da chiedersi cosa stiano facendo esattamente i partiti in Parlamento se su una misura di questo tipo arrivano a farsi bagnare il naso da Draghi. Osservazioni simili si potrebbero fare a proposito di eutanasia e cannabis legale, e lo stesso ci si augura accada per la proposta di legge d'iniziativa popolare sul salario minimo su cui Possibile si impegna a raccogliere adesioni.
Dopo molti anni, ben 6 dalla proposta che facemmo con Giuseppe Civati e Possibile, se ne è colto il significato simbolico e però concretissimo. Un passo avanti, sicuramente. Anche se spiace per il tempo perso. E spiace perché l'IVA sugli assorbenti non è ancora al 4%, come quella per i prodotti di prima necessità, com'è giusto che sia. Perché le mestruazioni non sono un lusso. Continueremo a insistere.
Il tempo del bla bla bla è finito e bisogna agire: non c'è più tempo. Infine c’è da cambiare un paradigma e da riscrivere una storia: sembra che le decisioni sul clima le prendano in pochi e in tavoli decisamente ristretti con la presenza delle lobby del carbone. Va completamente ribaltato il tavolo, dando voce e ruolo a chi oggi subisce le conseguenze maggiori di questa crisi socio climatica e ambientale.