Non c’era un Matteo giusto

Da dove ini­zia­re? Par­tia­mo da una que­stio­ne anti­pa­ti­ca: la coper­ti­na del­l’E­spres­so che è pia­ciu­ta a tut­ti, quel­la con affian­ca­ti Abou­ba­kar Sou­ma­ho­ro e Mat­teo Sal­vi­ni, e sot­to la scrit­ta “Uomi­ni e no”. Ha col­pi­to i più, cen­tran­do con pre­ci­sio­ne un sen­ti­men­to che oggi è mol­to for­te, di fron­te all’e­sca­la­tion sal­vi­nia­na. Ma che pur­trop­po ha il difet­to di arri­va­re a metà di un pro­ces­so, non ne è l’i­ni­zio. Quel­la coper­ti­na, infat­ti, si sareb­be potu­ta fare, iden­ti­ca, in uno qual­sia­si degli ulti­mi anni in cui Sal­vi­ni è sta­to il coc­co dei talk show poli­ti­ci di ogni gior­no e fascia ora­ria, ospi­ta­to con la liber­tà di poter dire cose fal­se e raz­zi­ste sui migran­ti sen­za che mai un gior­na­li­sta inter­ve­nis­se per fare banal­men­te il suo dove­re: lasciar­lo libe­ro di espri­me­re le sue (ter­ri­bi­li) opi­nio­ni, ma impe­dir­gli di pro­pa­gan­da­re il fal­so. Si è crea­ta così una con­vin­zio­ne pro­fon­da tra gli ita­lia­ni, a pro­po­si­to del­l’im­mi­gra­zio­ne, non solo tra gli elet­to­ri del­la Lega, ma anche tra mol­tis­si­mi meno atten­ti e più sug­ge­stio­na­bi­li. E se ave­te mai pro­va­to a spie­ga­re a qual­cu­no, in que­sti anni, che non c’è nes­su­na emer­gen­za e tan­to­me­no nes­su­na inva­sio­ne, che il feno­me­no va banal­men­te gesti­to facen­do buo­na acco­glien­za, e ave­te rice­vu­to in cam­bio sguar­di per­ples­si, sape­te di cosa stia­mo par­lan­do. Nel­la crea­zio­ne di que­sto sen­ti­men­to male­vo­lo del­l’o­pi­nio­ne pub­bli­ca, le respon­sa­bi­li­tà dei media sono pesan­tis­si­me, qua­si quan­to quel­le dei suoi ideo­lo­gi.

Ma c’è di più: quel­la coper­ti­na si sareb­be potu­ta fare, negli ulti­mi tre anni e pri­ma del 4 mar­zo 2018, con lo stes­so iden­ti­co spi­ri­to ma sem­pli­ce­men­te sosti­tuen­do Sal­vi­ni con Min­ni­ti. Pesan­te? For­se, ma non ingiu­sti­fi­ca­to. Per­ché quan­do si pro­te­sta con­tro Sal­vi­ni e con­tem­po­ra­nea­men­te si riven­di­ca che il Gover­no pre­ce­den­te ha dimi­nui­to gli sbar­chi dell’80%, e anco­ra si sol­le­ti­ca il mito del­l’uo­mo di gover­no for­te, che deci­de, ebbe­ne sia­mo in pre­sen­za del più clas­si­co bispen­sie­ro di mar­ca orwel­lia­na: “il mec­ca­ni­smo psi­co­lo­gi­co che con­sen­te di cre­de­re che tut­to pos­sa far­si e disfar­si: la volon­tà e la capa­ci­tà di soste­ne­re un’i­dea e il suo oppo­sto, in modo da non tro­var­si mai al di fuo­ri del­l’or­to­dos­sia, dimen­ti­can­do nel mede­si­mo istan­te, aspet­to que­sto fon­da­men­ta­le, il cam­bio di opi­nio­ne e per­fi­no l’at­to stes­so del dimen­ti­ca­re. Chi ado­pe­ra il bipen­sie­ro è quin­di con­scia­men­te con­vin­to del­la veri­di­ci­tà (o fal­si­tà) di qual­co­sa, pur essen­do incon­scia­men­te con­sa­pe­vo­le del­la sua fal­si­tà (o veri­di­ci­tà)”.

Così leg­gia­mo di Ren­zi, che da qual­che gior­no com­men­ta le paro­le del suo omo­ni­mo Sal­vi­ni dicen­do che la sini­stra “ha attac­ca­to il Mat­teo sba­glia­to”. Ma le poli­ti­che di cen­tro­si­ni­stra di que­sti ulti­mi anni sono sta­te — pro­prio quel­le — il car­bu­ran­te per il popu­li­smo e per il raz­zi­smo che oggi vedia­mo esplo­de­re. Anche quel­le di Ren­zi, oltre che quel­le di Min­ni­ti. E l’in­for­ma­zio­ne ha lascia­to fare, anzi anda­va in bro­do di giug­gio­le per il deci­sio­ni­sta che mal tol­le­ra­va le discus­sio­ni, le media­zio­ni, i tavo­li con i cor­pi inter­me­di, i com­pro­mes­si: che fin­ge­va di voler supe­ra­re i riti effet­ti­va­men­te vec­chi e logo­ri, l’im­mo­bi­li­smo, il rifiu­to ottu­so del­la moder­ni­tà, men­tre in real­tà sman­tel­la­va pez­zi di demo­cra­zia, lascian­do in effet­ti più che inton­si tut­ti i vec­chi pote­ri, le con­sor­te­rie, le clien­te­le, i pri­vi­le­gi, le inef­fi­cien­ze, le assur­di­tà di que­sto Pae­se che non rie­sce a miglio­ra­re se stes­so. Dicen­do paro­le che sape­va benis­si­mo avreb­be­ro smos­so le visce­re più pro­fon­de del Pae­se: che il pri­va­to è meglio del pub­bli­co, che le tas­se sono ingiu­ste, che se sei pove­ro è per­ché sei pigro, che il padro­ne ha ragio­ne, che lo stra­nie­ro è una minac­cia. Il richia­mo all’u­ni­tà repub­bli­ca­na con­tro il nuo­vo fasci­smo che sen­tia­mo fare oggi è giu­sto, insom­ma, ma o si pren­de atto di que­sto erro­re incon­te­sta­bi­le, tut­ti nes­su­no esclu­so e qual­cu­no più di altri, o non si va da nes­su­na parte.

E quin­di va benis­si­mo che a Mila­no si orga­niz­zi un appun­ta­men­to “Insie­me con­tro i muri”, e va benis­si­mo che sia aper­ta­men­te soste­nu­to da tan­ti espo­nen­ti del­la mag­gio­ran­za Dem cit­ta­di­na: Mila­no è sta­ta, in que­sti anni, un model­lo di acco­glien­za e di uma­ni­tà in con­tro­ten­den­za rispet­to al cli­ma impe­ran­te, quan­to altre meri­to­rie ammi­ni­stra­zio­ni di cen­tro­si­ni­stra? Cer­ta­men­te sì — anche se, come ricor­da il Cor­rie­re di oggi, il cen­si­men­to dei Rom fece capo­li­no per­si­no tra le pro­po­ste del­la giun­ta Pisa­pia — ma allo­ra però non si fac­cia fin­ta, appun­to, che quel cli­ma non nasce da pri­ma, per la pre­ci­sio­ne da espo­nen­ti del­lo stes­so par­ti­to che era­no al gover­no del Pae­se: come dimen­ti­ca­re le reta­te indi­stin­te alla sta­zio­ne Cen­tra­le di Mila­no, con l’e­ser­ci­to schie­ra­to? Si ammet­ta che la real­tà non sci­vo­la ver­so il loro model­lo in sca­la, ma ver­so il lato oppo­sto, e il loro esem­pio sep­pu­re vir­tuo­so non basta a fare da fre­no. Mol­to sem­pli­ce. Si ammet­ta che i media, oggi così forie­ri di dati ogget­ti­vi sul feno­me­no migra­to­rio, per anni e anni non sono sta­ti altret­tan­to pre­ci­si, e han­no appro­fit­ta­to del­le idee di Sal­vi­ni pre­sen­ta­te sen­za con­trad­dit­to­rio per fare audien­ce. Con­tri­buen­do a crea­re non solo un cli­ma, ma una con­vin­zio­ne pro­fon­da, tre­men­da e soprat­tut­to sba­glia­ta. Pren­da atto, Mat­teo Ren­zi, che la sini­stra non ha “attac­ca­to il Mat­teo sba­glia­to”, ma ha cri­ti­ca­to le sue poli­ti­che per­ché soste­ne­va che ci avreb­be­ro por­ta­to esat­ta­men­te qui dove sia­mo oggi, e sareb­be ben stra­no se ci doves­si­mo pren­de­re la col­pa per aver avu­to ragio­ne. Pren­da atto che gli elet­to­ri han­no poi fat­to a lui quel­lo che lui sta­va già facen­do agli altri. Se ne alzi in pie­di uno, di quel­li che fino a un mese fa era­no mini­stri, e dica aper­ta­men­te che i gover­ni Ren­zi e Gen­ti­lo­ni non sono sta­ti model­li, ma erro­ri per­se­gui­ti con osti­na­ta deter­mi­na­zio­ne in un cli­ma di com­pli­ci­tà dif­fu­sa del­l’o­pi­nio­ne pub­bli­ca che con­ta, e un ostra­ci­smo intol­le­ra­bi­le ver­so chi espri­me­va una posi­zio­ne cri­ti­ca ver­so il gran­de mano­vra­to­re. Poi si può obbiet­ta­re che al net­to di un’a­na­li­si giu­sta la sini­stra non è sta­ta capa­ce di tra­dur­la in con­sen­so, anzi nel far­lo è sta­ta più che disa­stro­sa: veris­si­mo. Ma non c’e­ra un “Mat­teo giu­sto”, non c’è un uni­ver­so alter­na­ti­vo in cui i respin­gi­men­ti era­no oppor­tu­ni un anno fa e sono sba­glia­ti oggi. Non a caso fu pro­prio Sal­vi­ni, in un’oc­ca­sio­ne rima­sta cele­bre, ad appro­priar­si del­le paro­le di Ren­zi per dimo­strar­ne l’in­ter­scam­bia­bi­li­tà (“sce­gli l’o­ri­gi­na­le!”, cit.).

Per­si­no Ber­lu­sco­ni, che nel 1997 “pian­ge­va” per lo spe­ro­na­men­to di una nave cari­ca di migran­ti, avreb­be potu­to fare di più, evi­tan­do di con­se­gnar­si alla Lega e soprat­tut­to evi­tan­do di riem­pi­re le sue tele­vi­sio­ni di tra­smis­sio­ni scien­ti­fi­ca­men­te costrui­te per dif­fon­de­re la “pau­ra del nero”, con col­le­ga­men­ti tra ali di fol­la urlan­te e rac­ca­pric­cian­ti stru­men­ta­liz­za­zio­ni di fat­ti di cro­na­ca. Per dire che, oltre che per la sini­stra, ci sareb­be spa­zio anche per una destra costi­tu­zio­na­le, in que­sto Pae­se, se non fos­se che a tur­no tut­ti tro­va­no como­do sof­fia­re sul fuo­co del­l’au­to­ri­ta­ri­smo di ritorno.

Va quin­di mes­so un pun­to, ades­so: scen­dia­mo in piaz­za, fac­cia­mo­lo assie­me, ma dicia­mo­ci anche cosa farem­mo poi se per mira­co­lo tra un po’ di tem­po riu­scis­si­mo a scon­fig­ger­la, que­sta destra, per dar­le un gover­no diver­so. Per­ché se qual­cu­no anco­ra pen­sa che nel caso potrem­mo con­ti­nua­re a finan­zia­re i cam­pi di con­cen­tra­men­to libi­ci per­ché “la dimi­nu­zio­ne degli sbar­chi dell’80%” così otte­nu­ta è un gran­de risul­ta­to, beh, allo­ra ci ter­re­mo Sal­vi­ni tut­ta la vita. E noi potre­mo con­ti­nua­re a discu­te­re del­le sot­ti­li dif­fe­ren­ze, ma per chi vi è reclu­so non ve ne sarà alcu­na. Ed è esat­ta­men­te que­sto qui, il pun­to del­la questione.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?