Giornata Mondiale del Rifugiato, le ragioni della solidarietà che si fanno proposta politica

Nel­la Gior­na­ta Mon­dia­le del Rifu­gia­to (oggi, 20 giu­gno), le ragio­ni del­la soli­da­rie­tà che si fan­no pro­po­sta politica

La nostra pro­po­sta  — affer­ma il capo­grup­po del PD alla Came­ra Gra­zia­no Del­rio — non è una chiac­chie­ra (rife­ren­do­si alla pro­po­sta di leg­ge sull’estensione del red­di­to di inclu­sio­ne, n.d.r.) men­tre ne sen­tia­mo mol­te, ad esem­pio che si bloc­ca­no gli immi­gra­ti men­tre con­ti­nua­no ad arri­va­re, che si faran­no cen­si­men­ti che poi non si faran­no. Que­sta inve­ce non è una chiac­chie­ra”.

Umber­to Eco, citan­do Ione­sco, nel suo pre­zio­so libel­lo Il fasci­smo eter­no, ci ricor­da che “Con­ta­no solo le paro­le, il resto sono chiac­chie­re.”

E a tale pro­po­si­to, le paro­le dell’esponente del PD dovreb­be­ro chia­ri­re anche ai più super­fi­cia­li e cini­ci che una sini­stra che sia tale non può com­pren­de­re il PD, ormai par­ti­to mode­ra­to en mar­che ver­so il macro­ni­smo alla but­te­ra, pro­ba­bil­men­te sen­za ritor­no.

Del­rio defi­ni­sce chiac­chie­ra “che si bloc­ca­no gli immi­gra­ti e inve­ce con­ti­nua­no ad arri­va­re”, men­tre for­se dovreb­be dire qual­co­sa di diver­so, ad esem­pio che il proi­bi­zio­ni­smo migra­to­rio ha fal­li­to, la Bos­si-Fini tut­to­ra in vigo­re è una fab­bri­ca di irre­go­la­ri (loro mal­gra­do), i migran­ti con­ti­nue­ran­no ad arri­va­re fin­ché ci saran­no guer­re (dove si usa­no anche armi pro­dot­te in Ita­lia), regi­mi auto­ri­ta­ri, cri­si uma­ni­ta­rie, muta­men­ti cli­ma­ti­ci avversi…

Ed è un pre­ci­so obbli­go giu­ri­di­co acco­glier­li, un obbli­go che la poli­ti­ca non può sce­glie­re di adem­pie­re o meno.

E inve­ce no, Del­rio si duo­le che gli immi­gra­ti con­ti­nua­no ad arri­va­re nono­stan­te le chiac­chie­re di Sal­vi­ni e Di Maio; come a dire che quan­do c’eravamo noi (cioè loro) e Min­ni­ti era Mini­stro dell’Interno, allo­ra sì che gli sbar­chi (che poi sareb­be­ro appro­di, man­co fos­si­mo in guer­ra con l’umanità dispe­ra­ta) sono diminuiti.

Pec­ca­to che il costo di quei fat­ti (il calo degli sbar­chi) sia la paten­te, fla­gran­te, con­ti­nua vio­la­zio­ne dei dirit­ti uma­ni nei luo­ghi ille­ga­li di trat­te­ni­men­to libi­ci (don­ne stu­pra­te, esse­ri uma­ni ridot­ti in schia­vi­tù e ven­du­ti, per­so­ne sot­to­po­ste a tor­tu­re e trat­ta­men­ti disu­ma­ni e degradanti).

Altre­sì, Del­rio defi­ni­sce chiac­chie­ra “che si faran­no cen­si­men­ti che poi non si faran­no”, come se Sal­vi­ni pro­met­tes­se cose giu­ste che tut­ta­via non met­te­rà in pra­ti­ca.

Ovvia­men­te quel­le cose non sono ne’ giu­ste ne’ leci­te per­ché con­tra­rie alla Costi­tu­zio­ne (che vie­ta trat­ta­men­ti discri­mi­na­to­ri) e alla leg­ge del­lo Stato.

Il discri­mi­ne tra ciò che dice e ciò che inve­ce ci si aspet­te­reb­be che dices­se un par­ti­to di sini­stra è tal­men­te evi­den­te che sem­bra cer­ti­fi­ca­re l’allargamento ine­so­ra­bi­le di una faglia che non potrà più rive­de­re uni­ti i due ter­ri­to­ri frontistanti.

È una dia­spo­ra cul­tu­ra­le, pri­ma anco­ra che poli­ti­ca, una dif­fu­sa apo­li­dia di cit­ta­di­ni ed elet­to­ri già di sini­stra che non han­no più una casa pro­pria e che paga­no un affit­to caris­si­mo ad altri par­ti­ti per ave­re un tet­to dove dare tem­po­ra­neo rifu­gio al pro­prio voto.

Si com­pren­de, allo­ra, age­vol­men­te che il lavo­ro che atten­de le sini­stre spar­se non è un mero eser­ci­zio tat­ti­co di coa­gu­lo elet­to­ra­le ma la rico­stru­zio­ne di una casa ine­vi­ta­bil­men­te lon­ta­na e altra da quel­la demo­cra­ti­ca.

Più che una casa, un arci­pe­la­go che lasci spa­zio al mare ed inter­sti­zi libe­ri al ven­to, dove il pen­sie­ro sia pro­fu­go e migran­te, fat­to di radi­ci ma anche di per­cor­si ine­di­ti e mai esauriti.

Dove il pen­sie­ro sia ela­bo­ra­zio­ne di nuo­va cul­tu­ra intor­no alle fra­gi­li­tà del­la Repub­bli­ca, cul­tu­ra dei dirit­ti uma­ni dif­fu­sa e con­ta­mi­nan­te, cul­tu­ra del dirit­to e del­la pro­te­zio­ne del debo­le, cul­tu­ra del rispet­to e del­la valo­riz­za­zio­ne del­le dif­fe­ren­ze, cul­tu­ra dell’ecosistema fisi­co e cul­tu­ra dei beni comu­ni immateriali.

Ser­vo­no bat­ta­glie, pic­co­le e gran­di, ma radi­cal­men­te con­cre­te, di cui una nuo­va visio­ne poli­ti­ca sap­pia coglie­re il signi­fi­ca­to uni­ver­sa­le e raccontarlo.

Tut­to que­sto si tie­ne se si rie­sce a col­ti­var­ne il tes­su­to con­net­ti­vo: la soli­da­rie­tà, paro­la anti­ca ma sen­za tem­po, che il tem­po ha con­su­ma­to, rela­ti­viz­zan­do­la, o meglio attri­buen­do­le un valo­re relativo.

Si dice che se ha un costo (che gra­va sul­la fisca­li­tà gene­ra­le in ter­mi­ni di vero e pro­prio dirit­to e sul siste­ma pri­va­ti­sti­co sus­si­dia­rio in ter­mi­ni di bene­fi­cen­za o cari­tà), la soli­da­rie­tà può esse­re, come tut­ti i costi, mini­miz­za­ta o con­di­zio­na­ta, per­si­no sospesa.

E inve­ce no, per­ché la Costi­tu­zio­ne ci richia­ma nien­te­me­no che ai dove­ri “inde­ro­ga­bi­li” di soli­da­rie­tà poli­ti­ca, eco­no­mi­ca e sociale.

Quei dove­ri, pro­prio per­ché inde­ro­ga­bi­li, non sof­fro­no le ristret­tez­ze dei con­fi­ni nazio­na­li, respi­ra­no in una dimen­sio­ne mate­rial­men­te pla­ne­ta­ria, eti­ca­men­te universale.

Ricor­dia­mo­ce­ne oggi più che mai, nel­la Gior­na­ta Mon­dia­le del Rifugiato.

Ricor­dia­mo­ci (e testi­mo­nia­mo con­tro e mobi­li­tia­mo­ci con­tro) le gab­bie di bam­bi­ni al con­fi­ne di Texas e Messico.

Ricor­dia­mo­ci (e testi­mo­nia­mo con­tro e mobi­li­tia­mo­ci con­tro) i respin­gi­men­ti col­let­ti­vi di richie­den­ti asi­lo nel Medi­ter­ra­neo per­pe­tra­ti dal gover­no italiano.

Ricor­dia­mo­ci (e testi­mo­nia­mo con­tro e mobi­li­tia­mo­ci con­tro) i cam­pi di deten­zio­ne libi­ci, il muro tur­co di 760 km al con­fi­ne con la Siria, il muro e il filo spi­na­to che iso­la la Stri­scia di Gaza e impri­gio­na il popo­lo palestinese…

Ricor­dia­mo­ci (e testi­mo­nia­mo per e mobi­li­tia­mo­ci per) il dove­re inde­ro­ga­bi­le di soli­da­rie­tà.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?