Insegnare e imparare: una “strana pazienza”

Pubblichiamo la lettera di un ragazzo, Nicola. Ci scrive della sua idea di scuola e di società, delle sue aspirazioni. Una lettera bella e preziosa

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Pub­bli­chia­mo la let­te­ra di un ragaz­zo, Nico­la. Ci scri­ve del­la sua idea di scuo­la e di socie­tà, del­le sue aspi­ra­zio­ni. Una let­te­ra bel­la e pre­zio­sa, che ci per­met­te di con­ti­nua­re a par­la­re di scuo­la, di sogni e di visio­ni per il futu­ro. La pub­bli­chia­mo con una nostra rispo­sta, e cer­che­re­mo di rispon­de­re a chiun­que ci vor­rà rac­con­ta­re del­la sua espe­rien­za, di quel­lo che vede e vor­reb­be per la scuo­la, per sé, per i gio­va­ni, per i pro­pri figli. Ascol­te­re­mo, pro­ve­re­mo a capi­re e a infor­ma­re, a rac­co­glie­re idee.

 

Inse­gna­re e impa­ra­re: una “stra­na pazienza”

Mi chia­mo Nico­la, ho qua­si ven­t’an­ni e ven­go dal­le bel­lis­si­me e lace­ra­tis­si­me Mar­che. Sono appe­na usci­to dal­la scuo­la per stu­dia­re let­te­re clas­si­che, ma non vedo l’o­ra di ritor­nar­ci da inse­gnan­te, nono­stan­te non sia faci­le sen­tir­si ripe­te­re come una fila­stroc­ca assil­lan­te che sarà impossibile. 

Il mio ulti­mo salu­to al liceo l’ho dato scri­ven­do una tesi­na sul­la moder­nis­si­ma e pur­trop­po qua­si sco­no­sciu­ta peda­go­gia di Paso­li­ni, e l’ul­ti­ma paro­la del mio testo era l’ag­get­ti­vo “pos­si­bi­le”, accom­pa­gna­to al sostan­ti­vo “scuo­la”. Ho scrit­to quel lavo­ro che è par­te di me pen­san­do anche a voi, che indi­ret­ta­men­te mi ave­te aiu­ta­to a spe­ra­re in un sogno edu­ca­ti­vo possibile. 

Il con­for­to che mi ser­ve per affron­ta­re gli esa­mi lo tro­vo rileg­gen­do don Mila­ni, la for­za per con­ti­nua­re a cre­de­re in una scuo­la pos­si­bi­le cer­co di tro­var­la den­tro di me. Gli inse­gnan­ti appas­sio­na­ti cam­bia­no il mon­do, e ne ho cono­sciu­ti alcu­ni che han­no cam­bia­to me. 

Ma fin­ché gli inse­gnan­ti saran­no con­si­de­ra­ti alla stre­gua di impie­ga­ti aset­ti­ci e insen­si­bi­li, ese­cu­to­ri imper­so­na­li di pro­gram­mi sod­di­sfat­ti-o-rim­bor­sa­ti che spre­mo­no lo stu­den­te per far­gli acqui­si­re pre­sun­te abi­li­tà spen­di­bi­li, let­te­ral­men­te a fini di lucro, nel lavo­ro e nul­la più, o, anco­ra peg­gio, fin­ché saran­no esclu­si da qual­sia­si discor­so poli­ti­co coe­ren­te e sostan­zio­so, come mi è sem­bra­to recen­te­men­te, non avre­mo mai gio­va­ni adul­ti pen­san­ti e cri­ti­ci, cri­ti­ci nel suo signi­fi­ca­to essen­zia­le: dota­ti di capa­ci­tà di discer­ni­men­to. Per distin­gue­re la buo­na paro­la dal cat­ti­vo discor­so, la sostan­za dal­la forma. 

E oggi mi sem­bra dav­ve­ro urgen­te sogna­re insie­me una rete di scuo­le pos­si­bi­li, in cui i ragaz­zi sia­no aiu­ta­ti a cre­de­re che i loro sogni non sono solo pos­si­bi­li, ma desi­de­ra­bi­li e con­di­vi­si­bi­li, per­ché cre­do che nes­su­no voglia una socie­tà di indi­vi­dui ato­mi­ci, fru­stra­ti e auto­re­fe­ren­zia­li. Dob­bia­mo inse­gna­re a cre­de­re nel­le uto­pie: la real­tà che voglia­mo costrui­re insie­me può nasce­re solo da sogni irrealizzabili. 

 

Caro Nico­la,

è pro­prio il discor­so sui sogni e le uto­pie che va, con corag­gio, col­ti­va­to. Don Mila­ni, Dol­ci, lo stes­so Paso­li­ni — cui tu ti rife­ri­sci con la pas­sio­ne di chi ha stu­dia­to e nel­lo stu­dio ha tro­va­to un’i­dea e un sen­ti­men­to — e mol­ti altri anco­ra han­no col­ti­va­to pro­prio que­sto spi­ri­to che tu evo­chi, “astrat­to” o “sognan­te” solo in appa­ren­za. Non dob­bia­mo mai dimen­ti­ca­re. E non è, natu­ral­men­te, sol­tan­to un discor­so di memo­ria sto­ri­ca o tra­di­zio­ne cul­tu­ra­le, o peg­gio “eru­di­zio­ne”, di “cul­tu­ra” con la “C” maiu­sco­la. Tut­t’al­tro. Era for­se Bufa­li­no che dice­va: “la mafia sarà vin­ta solo un da un eser­ci­to di mae­stri elementari”. 

Per un inse­gnan­te è com­mo­ven­te ascol­ta­re paro­le come le tue: il “mestie­re” del­l’in­se­gnan­te è un mestie­re umi­le e fati­co­so, ed è raro tro­va­re di que­sti tem­pi un ragaz­zo, un gio­va­ne, che ha fra le pro­prie aspi­ra­zio­ni quel­la di insegnare.

La pro­fes­sio­ne inse­gnan­te non è una mis­sio­ne o una “voca­zio­ne”, è un lavo­ro, natu­ral­men­te: ma un lavo­ro mol­to par­ti­co­la­re. Que­sto lavo­ro non rie­sce a soste­ner­si, e per­si­no ad esse­re “effi­ca­ce” o “effi­cien­te”, sen­za il rife­ri­men­to ad una stra­da “di sen­so”: nono­stan­te le dif­fi­col­tà, la stan­chez­za, talo­ra il sen­ti­men­to di impo­ten­za, ed il con­fron­to costan­te con le gran­di e pic­co­le que­stio­ni orga­niz­za­ti­ve, buro­cra­ti­co-for­ma­li, con gli “adem­pi­men­ti” pol­ve­ro­si, e il rispet­to del­le isti­tu­zio­ni e dei con­te­sti, nor­ma­ti­vi e socio-edu­ca­ti­vi, dove si è chia­ma­ti ad ope­ra­re. Per pro­ve ed erro­ri, spes­so sba­glian­do, cer­can­do ogni gior­no un equi­li­brio e la pro­pria liber­tà. Inse­gna­re è bel­lo, impor­tan­te, una gran­de possibilità.

Inse­gna­re e impa­ra­re sono una stra­na pazien­za che si alter­na ad impe­to (un po’ di reto­ri­ca non gua­sta mai), sono curio­si­tà, la for­za di affron­ta­re fal­li­men­ti e disil­lu­sio­ni; sono l’impegno del­la quo­ti­dia­ni­tà e del­la cosid­det­ta “nor­ma­li­tà”. Non è mai pura ese­cu­zio­ne di un “com­pi­to”, di una “pro­ce­du­ra” o una di una “tec­ni­ca”, e non è cer­to buro­cra­zia o ana­li­si sta­ti­sti­ca. Inse­gna­re, così come impa­ra­re, è stu­dio, cioè pas­sio­ne, rela­zio­ne vita­le con per­so­ne, situa­zio­ni, “con­cet­ti”. Non può mai esse­re ridot­to ad un “uti­le” imme­dia­to, per­ché si rivol­ge a qual­co­sa che è sem­pre diver­so e in gran par­te sco­no­sciu­to. Una sto­ria che ser­ve è una sto­ria ser­va, dice­va Marc Bloch, in una feli­ce battuta

E se tut­to que­sto è anche in mini­ma par­te vero, allo­ra il discor­so sul­la scuo­la e nel­la scuo­la si lega inti­ma­men­te con quel­lo del sogno e del­le uto­pie: non nega né esclu­de il prin­ci­pio di real­tà, la “nor­ma”, la rifles­sio­ne sui “siste­mi”, sui “dati”, sui “pro­ces­si”, ma “fun­zio­na” solo e sol­tan­to se è in gra­do anco­ra di tene­re insie­me tut­ti i pez­zi del discor­so, com­pre­sa quel­l’al­tra real­tà che è l’in­di­vi­duo con­cre­to che cre­sce, con i suoi pos­si­bi­li sogni e le sue spe­ran­ze. Una socie­tà che non si occu­pa di tut­ti bam­bi­ni e le bam­bi­ne e dei “suoi” gio­va­ni non sarà mai vera­men­te demo­cra­ti­ca e giu­sta, e non avrà futuro. 

Daf­ne Murè – Pos­si­bi­le Scuo­la Rieti

(in col­la­bo­ra­zio­ne con Eula­lia Gril­lo)[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

La cannabis riguarda 5 milioni di consumatori, secondo alcuni addirittura 6, molti dei quali sono consumatori di lungo corso che ne fanno un uso molto consapevole, non pericoloso per la società. Preparate lo SPID! Sarà una campagna brevissima, difficile, per cui servirà tutto il vostro aiuto. Ma si può fare. Ed è giusto provarci.
La crisi delle precipitazioni, così come l’aumento di fenomeni temporaleschi più violenti in termini di quantità di acqua e tempi più ristretti e l’innalzamento della quota dello zero termico ci devono spingere, se non costringere, a cambiare radicalmente il nostro approccio al sistema “montagna”. E questo impone anche un cambio drastico nella gestione del territorio anche dal punto di vista delle infrastrutture viabilistiche e sciistiche.
Come illustrato da Legambiente, le spiagge libere in Toscana e in particolare di quelle delle province di Lucca e Massa Carrara sono praticamente assenti: così nella regione (come in altre parti d'Italia) si consuma una grave privazione di un bene pubblico e un forte stress ambientale.