Migranti, Brignone: Salvini padre di famiglia? Separa genitori da figli

#
“Il ministro dell’Interno Salvini, mentre al Cara di Castelnuovo è in atto una nuova deportazione, dice che chi lo critica deve vergognarsi. E invece è lui che non conosce il senso della parola vergogna: ci sono uomini e donne che, come ha detto bene la deputata Rossella Muroni, hanno delle storie: sono persone, non numeri. Non sono quelle cifre che elenca nei suoi deliri, come fossero merce da spostare da un magazzino all’altro. E le persone hanno diritto a trattamenti umani, devono sapere qual è la loro destinazione se vengono cacciati da un centro che li stava accogliendo: altrimenti è legittimo, anzi doveroso, parlare di deportazione“. Lo dichiara la segretaria di Possibile, Beatrice Brignone, replicando alle parole di ministro dell’Interno.
 
“Quando Salvini dice di comportarsi da padre di famiglia – aggiunge Brignone – lo fa da padre di famiglia da cui non prendere esempio, perché i padri di famiglia li separa dai loro bambini e li butta in mezzo a una strada solo per un calcolo elettorale. Questo è un comportamento privo di buonsenso, al contrario di quanto racconta con la sua propaganda pregna di fake news: è una bomba sociale che sta mettendo nelle comunità italiane, mettendone a rischio la tenuta”.
  • 166
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati