La scuola di Greta

Gre­ta Thun­berg ha ini­zia­to il 20 ago­sto 2018 con il suo scio­pe­ro dal­la scuola.

Per que­sto lei e i ragaz­zi che l’hanno segui­ta sono sta­ti attac­ca­ti da alcu­ni gover­ni, quel­lo austra­lia­no, per pri­mo, e quel­lo ingle­se, recen­te­men­te. Non va bene che i bam­bi­ni non vada­no a scuo­la, dico­no. Ed è cer­ta­men­te così. E Gre­ta lo sa benis­si­mo, se è vero che la sua ini­zia­ti­va par­te dagli stu­di scien­ti­fi­ci, dai rap­por­ti inter­na­zio­na­li, da uno stu­dio com­piu­to in fami­glia, come rac­con­ta, accom­pa­gna­to anche da alcu­ne pre­ci­se e impe­gna­ti­ve scel­te per­so­na­li (i Thun­berg non pren­do­no più l’ae­reo, non man­gia­no car­ne, han­no instal­la­to pan­nel­li sola­ri e crea­to un orto nel cor­ti­le, scel­go­no insom­ma com­por­ta­men­ti coe­ren­ti con il mes­sag­gio che ogni vener­dì Gre­ta offre al mon­do). E la sua ini­zia­ti­va por­ta agli stu­di scien­ti­fi­ci, se è vero che, come ha ricor­da­to qual­che gior­no fa ai lea­der e ai com­mis­sa­ri Ue, la loro richie­sta non è che i poten­ti ascol­ti­no Gre­ta e le ragaz­ze e i ragaz­zi per il cli­ma, ma che ascol­ti­no gli scien­zia­ti, final­men­te, dopo anni di erro­ri e di distrazioni.

E allo­ra la nostra pro­po­sta è che a par­ti­re dal 15 mar­zo si par­ta dal­le scuo­le, quel­le di Gre­ta e dei nostri figli.

Per­ché, oltre alle mani­fe­sta­zio­ni, ci vuo­le una pro­po­sta. Imme­dia­ta, con­cre­ta. Neces­sa­ria e urgen­te, come vor­reb­be la nostra Costi­tu­zio­ne. E da dove si par­te, se non dal­la scuola?

Inve­stia­mo nel­le scuo­le, dal pun­to di vista fisi­co e strut­tu­ra­le, ren­dia­mo­le effi­cien­ti ener­ge­ti­ca­men­te, fac­cia­mo­le diven­ta­re pic­co­le cen­tra­li di pro­du­zio­ne di ener­gia puli­ta. I sol­di che ser­vo­no si recu­pe­re­ran­no in pochi anni. È suf­fi­cien­te inve­sti­re ora. Anche per ren­der­le più sicu­re, tut­te, sen­za eccezioni.

La solu­zio­ne ope­ra­ti­va con­si­ste nel­l’i­sti­tu­zio­ne di un fon­do in capo al Mini­ste­ro dell’Ambiente per un pia­no qua­drien­na­le di inve­sti­men­ti in ‘Ener­gia Puli­ta per gli Edi­fi­ci Pub­bli­ci’, ini­zian­do dal­le scuo­le. Un pia­no che pre­ve­da il sup­por­to alle ammi­ni­stra­zio­ni pub­bli­che per rea­liz­za­re una ana­li­si ener­ge­ti­ca appro­fon­di­ta del­le scuo­le e nel­le strut­tu­re che ne sia­no anco­ra pri­ve, che indi­vi­dui gli inter­ven­ti più urgen­ti per ini­zia­re a rispar­mia­re ener­gia e dena­ro pub­bli­co, e che pre­ve­da sia l’installazione di 0,5 GW di impian­ti foto­vol­tai­ci all’an­no sui tet­ti degli edi­fi­ci, sia la pos­si­bi­li­tà per le ammi­ni­stra­zio­ni di esse­re accom­pa­gna­te nell’accesso agli stru­men­ti di incen­ti­va­zio­ne e sup­por­to agli inve­sti­men­ti già esi­sten­ti (con­to ter­mi­co, ban­di regio­na­li, fon­di di rota­zio­ne etc).
La spe­sa che pre­ve­dia­mo è pari 700 milio­ni di € l’anno e la coper­tu­ra andreb­be indi­vi­dua­ta dal mede­si­mo Mini­ste­ro dell’Ambiente nel­la revi­sio­ne dei cosid­det­ti sus­si­di ambien­ta­li dannosi.

Inve­stia­mo nel­le scuo­le, facen­do par­te­ci­pa­re i ragaz­zi e le loro fami­glie a un per­cor­so col­let­ti­vo di sen­si­bi­liz­za­zio­ne. Non una mate­ria in più, ma un approc­cio che non può (più) mancare.

E inve­stia­mo nel­la scuo­la e nel­la ricer­ca, per­ché per sal­va­re il mon­do e per sal­va­re anche i nostri pic­co­li, l’unica cosa che con­ta e con­te­rà sem­pre di più è la qua­li­tà del­la for­ma­zio­ne, gli inve­sti­men­ti in ricer­ca, la costru­zio­ne di un che sap­pia ren­der­ci più for­ti e consapevoli.

Fac­cia­mo­lo, for­ze poli­ti­che, asso­cia­zio­ni, grup­pi par­la­men­ta­ri, Par­la­men­to e gover­no. Fac­cia­mo­lo, però, cia­scu­no di noi, nel­le nostre scuo­le, con le nostre fami­glie, con i nostri ragazzi.
Al Gran­de Scon­vol­gi­men­to si dovreb­be rispon­de­re pri­ma di tut­to con una paro­la: cono­scen­za. Una socie­tà che pun­ta tut­to sul­la for­ma­zio­ne — pub­bli­ca! — e sul rin­no­vo costan­te del­le com­pe­ten­ze del­la pro­pria for­za lavo­ro, è meno vul­ne­ra­bi­le al cam­bia­men­to cli­ma­ti­co, alle tra­sfor­ma­zio­ni demo­gra­fi­che, finan­che alle tra­sfor­ma­zio­ni che la robo­tiz­za­zio­ne appor­te­rà al mer­ca­to del lavoro.
Se non inter­ver­re­mo, la mag­gio­re disu­gua­glian­za futu­ra si sovrap­por­rà a quel­la del pre­sen­te, incre­men­tan­do il livel­lo di rischio socia­le. La distri­bu­zio­ne del red­di­to in Ita­lia è già carat­te­riz­za­ta da una for­te dif­for­mi­tà e il ‘cli­ma­te chan­ge’ non potrà che raf­for­za­re e amplia­re tale diva­rio, ope­ran­do una pro­fon­da sepa­ra­zio­ne fra chi detie­ne i mez­zi per affron­ta­re il dilu­vio e chi no.

Giu­sep­pe Civati
Anna­li­sa Corrado
Eula­lia Grillo
Davi­de Serafin

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Ci vediamo a Roma, il 23 e 24 ottobre, Largo Venue, con la nostra Scuola di Politica. Non abbiamo mai smesso di studiare, ma ora torniamo a farlo tutti e tutte insieme, di persona, finalmente.
Mentre sono sicura che si potrà fare a meno di benzina per qualche giorno (il benzinaio più vicino mi ha detto di riprovare lunedì o martedì), o dell’acqua sugli scaffali dei supermercati, o mangiare qualche verdura in meno per adesso, la situazione diventerà ancora più insostenibile per i diritti di chi lavora in questi settori e di conseguenza per l’intero paese, che, nel frattempo, raziona anche un dibattito profondo sull’impatto della Brexit.