La risposta che non risponde #Pinottirisponda

Una risposta che non risponde, quella della ministra Roberta Pinotti durante il question time alla Camera del 12 ottobre. La trovate per intero a pagina 71 del resoconto stenografico della seduta.

L’interrogazione della deputata Corda faceva riferimento in particolare a una foto pubblicata su Famiglia Cristiana ritraente una bomba inerte ritrovata a Sana’a, capitale dello Yemen bombardato dall’Arabia Saudita. Dall’analisi – fatta dal settimanale – dei codici presenti sull’ordigno si ricava che questo sia stato nelle mani di due fabbriche di armi (IMZ di Vicenza e RWM di Domus Novas), transitando attraverso la Direzione Armamenti del nostro Ministero della Difesa. «Com’è possibile? – si interroga l’autore dell’articolo, Luigi Grimaldi -. E perché è stata poi ceduta a Rwm che, a sua volta, l’ha venduta ai sauditi?». Sono le domande che ci poniamo tutti e che aprono interrogativi sulla recentissima visita della ministra al governo saudita.

Come abbiamo ripetuto più volte, la legge 185/1990 vieta l’esportazione di armi verso paesi in conflitto. Eppure, la ministra Pinotti pare non preoccuparsene: «La ditta Rwm – ha dichiarato in Aula – ha esportato in Arabia Saudita in forza di una licenza rilasciata in base alla normativa vigente, come ho citato in premessa». La normativa vigente sarebbe esattamente la legge 185/1990: forse il governo non è al corrente dei bombardamenti con cui da mesi l’Arabia Saudita colpisce lo Yemen?

«Il Governo è più volte intervenuto – ha proseguito la ministra – , in risposta ad atti di sindacato ispettivo, sottolineando come l’Arabia Saudita non sia oggetto di alcuna forma di embargo, sanzione o restrizione internazionale, ONU o di Unione europea, nel settore delle vendite di materiale e di armamento». In questo caso siamo di fronte a una fallacia logica: non esiste alcun embargo internazionale sulla vendita di armi all’Arabia Saudita, è vero, ma esiste la legge 185/1990, legge del nostro Stato tuttora vigente.

E comunque, pur non essendoci un embargo vigente, nei mesi scorsi il Parlamento europeo ha invitato l’Alta rappresentante dell’Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza/Vicepresidente della Commissione «ad avviare un’iniziativa finalizzata all’imposizione da parte dell’UE di un embargo sulle armi nei confronti dell’Arabia Saudita». Ma – ripetiamo – il problema non è l’embargo o il non embargo: il problema è il rispetto della normativa italiana.

«Questo certamente non vuol dire che il Governo non sia preoccupato per quello che sta avvenendo nello Yemen». Speriamo davvero che sia così, dato che i bombardamenti sauditi stanno causando stragi inaudite di civili. Quel che ci aspetteremmo sono azioni conseguenti.

Riguardo la visita al governo saudita di inizio ottobre, Pinotti ha dichiarato che è stata «una visita di Stato: si è discusso della lotta al terrorismo internazionale […];  si è discusso anche dei conflitti in atto ed è stato portato il punto di vista italiano, che certamente ha punti di differenza, e anche su alcune questioni notevoli, con quelli del Governo dell’Arabia Saudita; e si è discusso di sicurezza marittima, su cui l’Italia è leader». Sono solo parole, appunto. Vorremmo capire quali sono i punti di differenza rispetto alla visione saudita, dato che sul suolo yemenita, tra i civili, cadono bombe esportate dall’Italia. E vorremmo sapere in cosa consiste la discussione sulla «sicurezza marittima, su cui l’Italia è leader»: addestreremo personale? Venderemo tecnologia? Affiancheremo in qualche modo la marina saudita? E nel caso, come si concilierebbe con la presunta differente visione del governo italiano?

La ministra conclude così: «Non è stata né una visita commerciale né sono stati sottoscritti contratti, dei quali, peraltro, ci sarebbe traccia, e nel caso, anche in questo caso, sarebbero sottoposti alla legge n. 185». Tocca ribadirlo: contratti commerciali con l’Arabia Saudita – legge 185/1990 in vigore – non possono essere sottoscritti perché l’Arabia Saudita è un paese in guerra. A prescindere da tutto il resto.

Le nostre domande sono ancora tutte lì.

  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati