Per le riforme che servono, noi ci siamo sempre

E’ chia­ro a tut­ti, seguen­do il mesto dibat­ti­to poli­ti­co di que­sti gior­ni (di que­sti anni?) che la divi­sio­ne tra i due fron­ti refe­ren­da­ri che si vuo­le rap­pre­sen­ta­re è tan­to sem­pli­ci­sti­ca­men­te mani­chea quan­to grot­te­sca­men­te cari­ca­tu­ra­le: da un lato i gio­va­ni inno­va­to­ri del fron­te del sì, quel­li che voglio­no toglie­re l’Italia dal­le sec­che dopo trent’anni di immo­bi­li­smo; dall’altro i vec­chi con­ser­va­to­ri del fron­te del no, che voglio­no tene­re il Pae­se bloc­ca­to per pau­ra di cam­bia­re o per vili inte­res­si di casta.

Ci scu­se­ran­no se le nostre paro­le fini­ran­no per rovi­na­re que­sto qua­dret­to, ma vor­rem­mo som­mes­sa­men­te (ma nean­che tan­to) dire che non è così che stan­no le cose.
C’è per lo meno un pez­zo del fron­te del no, di cui ci sen­tia­mo par­te, anche se non abbia­mo l’ardire di rap­pre­sen­tar­lo inte­ra­men­te, che si oppo­ne a que­sta rifor­ma sem­pli­ce­men­te per­ché ritie­ne che di cam­bia­men­to ci sia biso­gno, ma non que­sto. Il nostro Pae­se ha biso­gno di cam­bia­re, le nostre isti­tu­zio­ni potreb­be­ro cer­ta­men­te fun­zio­na­re meglio, ma per pia­ce­re uscia­mo dal gos­sip e andia­mo al testo: la pro­po­sta su cui ci si chie­de di vota­re il 4 dicem­bre non fareb­be che peg­gio­ra­re la situa­zio­ne.

E a noi non basta esse­re quel­li del “fare”, voglia­mo esse­re quel­li del fare bene, del fare ciò che ser­ve.

La “gran­de rifor­ma” del­la Costi­tu­zio­ne che ci vie­ne pro­po­sta è, infat­ti, l’opposto di ciò che serve.

Ser­vi­reb­be sem­pli­fi­ca­zio­ne. Que­sta revi­sio­ne costi­tu­zio­na­le com­pli­ca. Com­pli­ca i pro­ce­di­men­ti deci­sio­na­li (a mano che il Gover­no non impon­ga il voto a data cer­ta) e com­pli­ca (di nuo­vo e di più) i rap­por­ti tra lo Sta­to e le Regioni.

Ser­vi­reb­be par­te­ci­pa­zio­ne. Que­sta revi­sio­ne costi­tu­zio­na­le chiu­de la poli­ti­ca nei palaz­zi. Toglie ai cit­ta­di­ni la sche­da per eleg­ge­re i sena­to­ri, con­se­gna­ta ai con­si­glie­ri regio­na­li (il nuo­vo art. 57, com­ma 2, infat­ti, reci­te­reb­be «I Con­si­gli regio­na­li e i Con­si­gli del­le Pro­vin­ce auto­no­me di Tren­to e di Bol­za­no eleg­go­no, con meto­do pro­por­zio­na­le, i sena­to­ri»), abbas­sa il quo­rum dei refe­ren­dum solo se pro­po­sti da gran­di asso­cia­zio­ni e par­ti­ti, pro­met­te ma non man­tie­ne refe­ren­dum pro­po­si­ti­vi e inter­vie­ne diret­ta­men­te sul­le leg­gi di ini­zia­ti­va popo­la­re solo per aumen­tar­ne le firme.

Ora, la sem­pli­fi­ca­zio­ne e la par­te­ci­pa­zio­ne pas­sa­no, inve­ce, attra­ver­so alcu­ne rifor­me mira­te, mol­te del­le qua­li han­no già un ampio gra­do di con­di­vi­sio­ne, che ne avreb­be con­sen­ti­to – e ne con­sen­ti­reb­be in caso di vit­to­ria del NO – una rapi­da appro­va­zio­ne, sen­za divisioni.

Per que­sto rite­nia­mo uti­le par­ti­re dal docu­men­to pre­sen­ta­to alcu­ne set­ti­ma­ne fa da quat­tro stu­dio­si ai qua­li spes­so ci sia­mo affi­da­ti per le nostre pro­po­ste in mate­ria, Pasqui­no, Per­ti­ci, Viro­li e Zac­ca­ria, e che infat­ti abbia­mo imme­dia­ta­men­te fat­to nostro, con­di­vi­den­do­lo anche con D’Alema, che, a par­ti­re anche da que­sto, ieri ha con­vo­ca­to un’assemblea pubblica.

In que­sto docu­men­to notia­mo due pun­ti che sono con­di­vi­si da tut­ti – per­fi­no dal Gover­no – e che quin­di pro­po­nia­mo di appro­va­re subi­to pra­ti­ca­men­te all’una­ni­mi­tà:

  • la eli­mi­na­zio­ne del CNEL;
  • la fidu­cia al Gover­no espres­sa dal­la sola Came­ra dei deputati.

Altri due pun­ti di quel docu­men­to, di gran­de impor­tan­za nel­la loro effi­ca­cia, su cui abbia­mo tro­va­to in par­ti­co­la­re la for­te con­di­vi­sio­ne di D’Alema e la fon­da­zio­ne Ita­lia­nie­ru­ro­pei sono:

  • la ridu­zio­ne del nume­ro dei depu­ta­ti e dei sena­to­ri, tut­ti da eleg­ge­re a suf­fra­gio uni­ver­sa­le diret­to (con col­le­ga­ta ridu­zio­ne del­le inden­ni­tà e degli altri emo­lu­men­ti, su cui abbia­mo con­cre­ta­men­te pre­sen­ta­to una proposta);
  • la sem­pli­fi­ca­zio­ne del pro­ce­di­men­to legi­sla­ti­vo, non solo attra­ver­so un inter­ven­to (che con­ti­nua ad esse­re rin­via­to) sui rego­la­men­ti par­la­men­ta­ri, ma anche e soprat­tut­to attra­ver­so la intro­du­zio­ne di una com­mis­sio­ne pari­te­ti­ca di depu­ta­ti e sena­to­ri capa­ce di supe­ra­re i pochi casi in cui le leg­gi ven­go­no rin­via­te da un Came­ra all’altra sen­za tro­va­re una conclusione.

Un ulti­mo pun­to del docu­men­to sta par­ti­co­lar­men­te a cuo­re a Pos­si­bi­le – come ricor­da­to anche ieri  – ma tro­va cer­ta­men­te ampia con­di­vi­sio­ne soprat­tut­to tra i cit­ta­di­ni: si trat­ta del­la par­te­ci­pa­zio­ne e in par­ti­co­la­re di modi­fi­che capa­ci di por­ta­re a:

  • l’abbassamento del quo­rum per il refe­ren­dum abrogativo
  • l’obbligo per le Came­re di discu­te­re e appro­va­re entro un cer­to ter­mi­ne le leg­gi di ini­zia­ti­va popo­la­re che sareb­be­ro altri­men­ti sot­to­po­ste diret­ta­men­te al voto dei cit­ta­di­ni con un referendum.

Per que­sto, nel­la con­sa­pe­vo­lez­za che non ricor­re nes­sun pre­sup­po­sto per una sta­gio­ne “costi­tuen­te”, abbia­mo pro­po­sto una con­di­vi­sio­ne per pun­ti, che pos­so­no esse­re appro­va­ti anche sepa­ra­ta­men­te, e che cer­ta­men­te con­tri­bui­reb­be­ro a ren­de­re l’Italia un Pae­se più sem­pli­ce e più par­te­ci­pa­to dai cittadini.

Per que­sto noi ci sia­mo, come ci sia­mo sem­pre sta­ti dall’inizio di que­sta legi­sla­tu­ra, con pro­po­ste chia­re e tra­spa­ren­ti, che si oppon­go­no a quel­le can­gian­ti che ci ven­go­no pro­po­ste (ad esem­pio che vor­reb­be­ro sena­to­ri non elet­ti ma anche elet­ti). Su que­sto auspi­chia­mo, nel meri­to, la più ampia con­di­vi­sio­ne possibile.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.