E’ tutta colpa del bicameralismo perfetto (sì, ciao)

Il fatto è che quando una maggioranza parlamentare vuole approvare una legge lo fa. Spedita. Ricordate il lodo Alfano? Approvato in un mese; il Porcellum? In meno di tre mesi; la "buona scuola" in questa legislatura è andata veloce veloce: presentata a fine marzo del 2015, nel luglio dello stesso anno era già legge.

I soste­ni­to­ri del Sì, a cui nor­mal­men­te #bastaun­sì, si appli­ca­no in un esa­me stru­men­ta­le del­l’at­ti­vi­tà legi­sla­ti­va del­le Came­re per pro­va­re a soste­ne­re che se oggi non abbia­mo una leg­ge sul­la tor­tu­ra, la con­cor­ren­za, la pre­scri­zio­ne, l’o­mo­fo­bia, ecce­te­ra è col­pa del bica­me­ra­li­smo per­fet­to. Natu­ral­men­te non sono sfio­ra­ti nep­pu­re dal­l’i­dea di anda­re a vede­re se que­ste leg­gi “bloc­ca­te”, secon­do loro, dal fat­to di dover esse­re appro­va­te da due Came­re, sareb­be­ro buo­ne o cat­ti­ve. Sareb­be pre­ten­de­re trop­po da chi sostie­ne le rifor­me per le rifor­me, al gri­do del “cam­bia­men­to”, che ci vie­ne urla­to con­tro da ormai qua­si tre anni (essen­do­si fat­to un po’ vec­chio, dicia­mo) sen­za ave­re pro­dot­to rea­li bene­fi­ci per i cittadini.

Ma seguia­mo il loro ragio­na­men­to: il famo­so “ping pong” del­le leg­gi ha riguar­da­to nel­la scor­sa legi­sla­tu­ra 90 leg­gi su 390 e in que­sta — al 30 giu­gno — una qua­ran­ti­na su 220. Qua­le “ping pong”?

Il fat­to è che quan­do una mag­gio­ran­za par­la­men­ta­re vuo­le appro­va­re una leg­ge lo fa. Spe­di­ta. Ricor­da­te il lodo Alfa­no? Appro­va­to in un mese; il Por­cel­lum? In meno di tre mesi; la “buo­na scuo­la” in que­sta legi­sla­tu­ra è anda­ta velo­ce velo­ce: pre­sen­ta­ta a fine mar­zo del 2015, nel luglio del­lo stes­so anno era già legge.

Sono sta­te insab­bia­te quel­le leg­gi che non si voglio­no chia­ra­men­te appro­va­re. La con­cor­ren­za non è insab­bia­ta dal bica­me­ra­li­smo, ma dal­la pro­te­zio­ne per i soli­ti pochi grup­pi ami­ci del pote­re, l’o­mo­fo­bia da un con­for­mi­smo e un con­ser­va­to­ri­smo sen­za pari… e che que­sta leg­ge sareb­be sta­ta insab­bia­ta al Sena­to era chia­ro se si ascol­ta­va il dibat­ti­to che si svol­se alla Came­ra, dove alcu­ni inter­ven­ti sem­bra­va­no pro­nun­cia­ti da per­so­nag­gi de “Il nome del­la rosa”. Il con­flit­to di inte­res­si vie­ne con­si­de­ra­to così scon­cio che non è nep­pu­re ricor­da­to tra le leg­gi insab­bia­te, da colo­ro ai qua­li #bastaun­sì.

E a que­sto pro­po­si­to ricor­dia­mo che la leg­ge in mate­ria ades­so è in Sena­to dopo ave­re fat­to un ping pong già inter­no alla Came­ra: dal­la Com­mis­sio­ne all’au­la e dal­l’au­la alla Com­mis­sio­ne (ping-pong, ping-pong…). A dimo­stra­zio­ne di come si pos­sa insab­bia­re anche in una sola Came­ra, se si vuole.

Ricor­dia­mo, però, per fini­re — e per evi­ta­re di rac­con­tar­ci sto­rie ine­si­sten­ti — che ci sono sta­te leg­gi che appro­va­te da una Came­ra, con la con­sue­ta fret­ta, casua­li­tà e appros­si­ma­zio­ne, han­no dovu­te esse­re cor­ret­te dal­l’al­tra: dal voto di scam­bio alla respon­sa­bi­li­tà civi­le dei magi­stra­ti. In que­sto caso cosa sareb­be acca­du­to sen­za il bicameralismo?

In ogni caso, noi non sia­mo, come abbia­mo spie­ga­to e rispie­ga­to per anni ormai (dal­l’i­ni­zio di que­sta legi­sla­tu­ra), per man­te­ne­re il bica­me­ra­li­smo così com’è, ma per cor­reg­ger­lo come real­men­te ser­ve. Per miglio­ra­re il siste­ma e non per com­pli­car­lo e ren­der­lo più appros­si­ma­ti­vo, minan­do la cer­tez­za del dirit­to. Per que­sto rite­nia­mo che la pre­vi­sio­ne di una com­mis­sio­ne pari­te­ti­ca di depu­ta­ti e sena­to­ri capa­ce di supe­ra­re i rari casi di ping pong sareb­be la solu­zio­ne. Sem­pli­ce e linea­re. Come pia­ce a noi. Per­ché rara­men­te le cose com­pli­ca­te sono le migliori. 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.