Armi all’Arabia Saudita: la condanna dell’Europa, il silenzio di Renzi

Il Parlamento europeo invita l’Alta rappresentante dell’Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza/Vicepresidente della Commissione «ad avviare un’iniziativa finalizzata all’imposizione da parte dell’UE di un embargo sulle armi nei confronti dell’Arabia Saudita», ciò alla luce delle gravi accuse di violazione del diritto umanitario internazionale perpetrate dall’Arabia Saudita nello Yemen e del continuo rilascio di licenze di vendita di armi all’Arabia Saudita che violerebbe la posizione comune 2008/944/PESC del Consiglio dell’8 dicembre 2008.

Il Parlamento europeo, perciò, rompe il silenzio rispetto a una delle più gravi crisi umanitarie odierne. Le bombe sganciate dall’Arabia Saudita hanno colpito e stanno colpendo città e villaggi in Yemen, causando almeno 20.000 morti e rendendo inaccessibili i servizi essenziali ad oltre l’80% della popolazione.

Il Parlamento europeo non resta a guardare, a differenza del nostro Paese e del nostro Governo.

AjtOq5mP0H_PfZxNPiNTSplv54zxPtB-HcxQeTncrzV7
Il voto di Elly Schlein

L’Italia è tra i paesi che hanno venduto armi all’Arabia Saudita ma, al contrario di quanto successo in Europa, un imbarazzante silenzio vige attorno al governo guidato da Matteo Renzi rispetto alle proprie responsabilità. Una responsabilità aggravata dal fatto che sistemi d’arma partiti dal nostro Paese sono stati recapitati in Arabia Saudita (ed utilizzate direttamente all’interno del conflitto in atto nella penisola arabica) a conflitto in corso, fattispecie vietata dalla legge 185/90.

Per questo motivo abbiamo rivolto otto domande a Matteo Renzi, che valgono tuttora. E oggi più che mai.

OTTO DOMANDE A MATTEO RENZI SULL’ESPORTAZIONE DI ARMI IN ARABIA SAUDITA

  • 2
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati