La ricerca diventa ancora più precaria se al femminile

Barbara, da 15 anni ricercatrice precaria presso il dipartimento di Agraria a Grugliasco, non riceverà più la borsa di studio dopo aver annunciato che stava aspettando un figlio

[vc_row][vc_column][vc_column_text css=”.vc_custom_1497972512419{margin-top: 20px !important;}”][/vc_column_text][vc_column_text]Mercoledì 14 Giu­gno è sta­to inau­gu­ra­to pres­so il ret­to­ra­to lo spor­tel­lo pre­ca­rio, un pun­to di ascol­to per tutte le figu­re pre­ca­rie del­la ricer­ca del­l’U­ni­ver­si­tà di Tori­no. Nato dal con­ti­nuo e fon­da­men­ta­le impe­gno del­le ragaz­ze e dei ragaz­zi del Coor­di­na­men­to Ricer­ca­to­ri Non Strut­tu­ra­ti Uni­ver­si­ta­ri in col­la­bo­ra­zio­ne con Flc Cgil Tori­no, pun­ta a diven­ta­re uno spa­zio in cui for­ni­re sup­por­to e infor­ma­zio­ni sui dirit­ti e sul­le tute­le di que­sti “non lavo­ra­to­ri” (come li ha defi­ni­ti l’at­tua­le mini­stro del lavo­ro #Polet­ti).

E già all’a­per­tu­ra del­lo spor­tel­lo ci si tro­va davan­ti ad una gra­ve vicenda.

Bar­ba­ra, da 15 anni ricer­ca­tri­ce pre­ca­ria pres­so il dipar­ti­men­to di Agra­ria a Gru­glia­sco, non rice­ve­rà più la bor­sa di stu­dio dopo aver annun­cia­to che sta­va aspet­tan­do un figlio. Il suo lavo­ro in labo­ra­to­rio la met­te­reb­be in con­tat­to con sol­ven­ti che com­por­ta­no dei rischi per la gravidanza. 

Inve­ce di tro­va­re solu­zio­ni alter­na­ti­ve, pre­vi­ste per esem­pio nel caso del­le spe­cia­liz­za­zio­ni in medi­ci­na, la ricer­ca di Bar­ba­ra, il lavo­ro scien­ti­fi­co al qua­le ha dedi­ca­to 15 anni, si fer­me­ran­no.

A ciò si aggiun­ge la dif­fi­col­tà di una gio­va­ne ricer­ca­tri­ce, Bar­ba­ra, che ha davan­ti un futu­ro incer­to sen­za un lavo­ro retri­bui­to. E che, in quan­to bor­si­sta, non rice­ve­rà alcu­na pro­te­zio­ne socia­le (nean­che la Dis-Coll, anche se recen­te­men­te è sta­ta este­sa a dot­to­ran­di e assegnisti).

I nostri dipar­ti­men­ti uni­ver­si­ta­ri sono pie­ni di ricer­ca­tri­ci come Bar­ba­ra e gio­va­ni ricer­ca­to­ri tren­ten­ni e oltre che, in con­di­zio­ni sem­pre più pre­ca­rie con­du­co­no stu­di di alto livel­lo, con­tri­buen­do a ren­de­re com­pe­ti­ti­va la ricer­ca e la didat­ti­ca dei nostri atenei.

E anche loro han­no dirit­to ad un futu­ro, a crear­si una fami­glia se vor­ran­no, qui o altro­ve, a loro la scel­ta. Ma la scel­ta deve esse­re con­sa­pe­vo­le e spet­ta­re a loro, loro devo­no esse­re gli arte­fi­ci del pro­prio futu­ro. Loro e non un asse­gno o una bor­sa di ricer­ca non rin­no­va­ti, loro e non una tra­fi­la di con­trat­ti inter­val­la­ti da mesi di lavo­ro non paga­ti, loro e non una con­ti­nua man­can­za di finan­zia­men­ti all’Università.

Per que­sto con Pos­si­bi­le abbia­mo aper­to call per far­ci rac­con­ta­re da chi vive que­ste cosa pos­sia­mo fare di con­cre­to per il nostro siste­ma uni­ver­si­ta­rio, per lavo­ra­re insie­me su un’i­dea comu­ne di Uni­ver­si­tà, in modo tale da aiu­ta­re a por­ta­re i pro­ble­mi e le cri­ti­ci­tà del­l’u­ni­ver­si­tà pub­bli­ca ita­lia­na in cima alla lista di prio­ri­tà di chi avrà inten­zio­ne di gover­na­re il Pae­se.

La #pri­ma­co­sa, insom­ma, per pre­pa­ra­re #gior­ni­mi­glio­ri.

Valen­ti­na Sar­ti Man­to­va­ni[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.