Cinquanta sfumature di Expo

Il sipario è sceso su un’esposizione internazionale che ha lasciato diverse ombre su Milano. E che ha lasciato anche un grande vuoto. Il vuoto di un’area inutilizzata da ormai due anni e per la quale è necessario trovare un nuovo scopo.

[vc_row][vc_column][vc_column_text css=”.vc_custom_1498042165139{margin-top: 20px !important;}”][/vc_column_text][vc_column_text]Expo è fini­ta. Il sipa­rio è sce­so su un’esposizione inter­na­zio­na­le che ha lascia­to diver­se ombre su Mila­no. E che ha lascia­to anche un gran­de vuo­to. Il vuo­to di un’area inu­ti­liz­za­ta da ormai due anni e per la qua­le è neces­sa­rio tro­va­re un nuo­vo sco­po. Il gran­de even­to dà così il via a un sequel e nasce l’idea da par­te del Gover­no Ren­zi di tra­sfe­ri­re le facol­tà scien­ti­fi­che del­la Sta­ta­le da Cit­tà Stu­di sull’area ex Expo, a fare da corol­la­rio al pro­get­to di Human Tech­no­po­le. Costo sti­ma­to dell’operazione: cir­ca 380 milio­ni di euro al net­to del­le spe­se per boni­fi­ca, tra­slo­co, attrez­za­tu­re e arre­di tec­ni­ci neces­sa­ri per didat­ti­ca e ricer­ca.

Di que­sti, 130 milio­ni sono a cari­co di Gover­no e Regio­ne. L’Università degli Stu­di di Mila­no si impe­gna per il resto. Come? Cir­ca 130 milio­ni dovreb­be­ro deri­va­re dall’alie­na­zio­ne degli sta­bi­li di pro­prie­tà dell’Università. I restan­ti 120 milio­ni cir­ca sareb­be­ro coper­ti sem­pre dall’Università con un pre­sti­to da richie­de­re a Cas­sa Depo­si­ti e Pre­sti­ti.

Chi cono­sce le facol­tà scien­ti­fi­che di Cit­tà Stu­di sa che alcu­ne di esse han­no la rea­le esi­gen­za di nuo­vi spa­zi. Recen­te­men­te, infat­ti, la Sta­ta­le ha ini­zia­to a tro­va­re del­le solu­zio­ni all’interno del quar­tie­re di Cit­tà Stu­di, rea­liz­zan­do una nuo­va palaz­zi­na desti­na­ta alla facol­tà di Infor­ma­ti­ca (costo sti­ma­to 21 milio­ni di euro).

Improv­vi­sa­men­te, però, l’area su cui si tro­va­no le facol­tà scien­ti­fi­che del­la Sta­ta­le si ritie­ne ina­de­gua­ta per lo svi­lup­po del­le stes­se, sen­za pro­dur­re alcun pro­spet­to di com­pa­ra­zio­ne eco­no­mi­ca rispet­to al tra­sfe­ri­men­to in area ex-Expo. E nono­stan­te pro­prio l’area di Cit­tà Stu­di sarà inte­res­sa­ta a bre­ve dal­la riqua­li­fi­ca­zio­ne del­lo Sca­lo Lam­bra­te, che per mol­ti è il natu­ra­le polo ver­so cui indi­riz­za­re l’espansione dell’Università Sta­ta­le, essen­do la stes­sa pro­prie­ta­ria di ter­re­ni nel­la limi­tro­fa zona di Rubat­ti­no che, pro­prio con la riqua­li­fi­ca del­lo Sca­lo, potreb­be final­men­te col­le­gar­si in modo effi­ca­ce al quar­tie­re di Cit­tà Stu­di e fare da vola­no a una peri­fe­ria vici­na ma oggi poco attraen­te e caren­te di ser­vi­zi. E nono­stan­te nel­la zona si ven­ga­no a libe­ra­re gli spa­zi pri­ma occu­pa­ti dall’Istituto Besta e dall’Istituto Ita­lia­no dei Tumo­ri, desti­na­ti a tra­sfe­rir­si nel­la nuo­va Cit­tà del­la Salu­te, volu­ta dal­la Regio­ne, a Sesto San Giovanni.

Si leva­no per­tan­to le voci di pro­te­sta dei sog­get­ti desti­na­ti a subi­re la deci­sio­ne, cala­ta dall’alto, di que­sto tra­sfe­ri­men­to. Nasco­no due asso­cia­zio­ni di cit­ta­di­ni, si mani­fe­sta la pre­oc­cu­pa­zio­ne dei com­mer­cian­ti del­la zona, si met­to­no in moto stu­den­ti, pro­fes­so­ri, lavo­ra­to­ri del­la Sta­ta­le, par­ti­ti, associazioni.

Il Comu­ne di Mila­no cer­ca di pla­ca­re gli ani­mi dichia­ran­do che la fun­zio­ne uni­ver­si­ta­ria sarà con­fer­ma­ta nel quar­tie­re attra­ver­so lo sposta­men­to di altri dipar­ti­men­ti del­la Sta­ta­le e di altre uni­ver­si­tà, e che si cree­rà nell’area anche un polo dell’Amministrazione Pub­bli­ca. Dichia­ra­zio­ni che non com­pen­sa­no la man­can­za di un serio pro­get­to né per il quar­tie­re né per il nuo­vo polo uni­ver­si­ta­rio da rea­liz­za­re sull’ex area Expo.

Nel cor­so di que­sti mesi Pos­si­bi­le a Mila­no ha ascol­ta­to le voci radi­ca­li e ragio­ne­vo­li di chi ha affron­ta­to con serie­tà la que­stio­ne e, dal bas­so, ha rea­liz­za­to ana­li­si accu­ra­te sui moti­vi per i qua­li resta­re in Cit­tà Stu­di sareb­be l’alternativa più van­tag­gio­sa per l’Università.

Una rico­gni­zio­ne atten­ta, rea­liz­za­ta attra­ver­so l’impegno di per­so­ne che met­to­no il buon sen­so davan­ti agli inte­res­si poli­ti­ci e che han­no gua­da­gna­to un cre­scen­te consenso.

Abbia­mo rac­col­to le ragio­ni che han­no mos­so diver­si pro­fes­so­ri a vota­re con­tro il pro­get­to di spo­sta­men­to in Sena­to Acca­de­mi­co, coglien­do anche la pre­oc­cu­pa­zio­ne sul­la poca tra­spa­ren­za adot­ta­ta dal Ret­to­re Vago nel­la gestio­ne di que­sto pro­get­to all’interno degli orga­ni uni­ver­si­ta­ri pre­po­sti a deli­be­ra­re que­sta scelta.

In occa­sio­ne dei lavo­ri dell’Assemblea Pub­bli­ca orga­niz­za­ta da Mila­no in Comu­ne lo scor­so 18 mag­gio, Pos­si­bi­le, con l’impegno del nostro Segre­ta­rio Pip­po Civa­ti, si è resa dispo­ni­bi­le a pre­sen­ta­re un’interrogazione par­la­men­ta­re rivol­ta al MIUR e al MEF.

L’On. Andrea Mae­stri di Pos­si­bi­le pre­sen­te­rà le richie­ste con­te­nu­te nell’interrogazione in una con­fe­ren­za stam­pa il pros­si­mo 23 giu­gno alle 11:30 pres­so la Sala dei Grup­pi Con­si­lia­ri di Via Mari­no 7, alla qua­le par­te­ci­pe­ran­no tut­ti i sog­get­ti con cui abbia­mo lavo­ra­to in que­sti mesi.

Rimar­re­mo in atte­sa di rispo­ste ade­gua­te e ter­re­mo alto il nostro livel­lo di atten­zio­ne su tut­ti gli svi­lup­pi di que­sta que­stio­ne. Per gli stu­den­ti, per i cit­ta­di­ni, per i lavo­ra­to­ri e i pro­fes­so­ri del­la Sta­ta­le, per Cit­tà Studi.

Per­ché il lavo­ro che que­sta comu­ni­tà ha svol­to in que­sti mesi e che tut­to­ra pro­se­gue con pas­sio­ne e impe­gno è straor­di­na­rio. Dare voce a chi ha a cuo­re il Bene pub­bli­co deve esse­re #Pos­si­bi­le.

Pos­si­bi­le Mila­no[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.