La Regione Liguria all’attacco del parco del Beigua

La Regio­ne Ligu­ria, con un tem­pi­smo abba­stan­za scon­cer­tan­te e parec­chia dose di inco­scien­za ha deci­so di auto­riz­za­re la ricer­ca del tita­nio nel Geo­par­co Une­sco del Beigua.

Una ricer­ca che a det­ta anche del Mini­ste­ro del­la Tran­si­zio­ne Eco­lo­gi­ca in que­sto momen­to non deve esse­re pre­ven­ti­va­men­te valu­ta­ta con una Valu­ta­zio­ne di Impat­to Ambientale.

Una ricer­ca inva­si­va, con tut­ta una serie di con­se­guen­ze nega­ti­ve in cam­po ambien­ta­le sia duran­te la fase di pre­pa­ra­zio­ne dei vari can­tie­ri sia duran­te l’esecuzione dei lavo­ri di ricer­ca, all’interno di una zona natu­ra­li­sti­ca deci­sa­men­te uni­ca e impor­tan­te come il Geo­par­co del Beigua.

L’obiettivo fina­le è quel­lo di poter rea­liz­za­re una minie­ra in una real­tà ambien­ta­le impor­tan­te tra gli Appen­ni­ni e il mare.

Pro­prio su que­ste con­si­de­ra­zio­ni emer­ge l’assurdità del­la deci­sio­ne pre­sa da Toti. Abbia­mo un uni­cum ambien­ta­le fat­to da ambien­ti incon­ta­mi­na­ti, sen­tie­ri che ti por­ta­no a cono­sce­re la sto­ria e la cul­tu­ra del­la Ligu­ria, pro­po­ste cul­tu­ra­li, eno­ga­stro­no­mi­che e spor­ti­ve a diret­to con­tat­to con la natu­ra. Una real­tà impor­tan­te anche eco­no­mi­ca­men­te, per­ché una pro­po­sta turi­sti­ca seria e sana rie­sce a valo­riz­za­re le eccel­len­ze pic­co­le e gran­di che sono par­te inte­gran­te del tes­su­to socia­le di una real­tà come la Liguria.

Ha sen­so quin­di anda­re a mina­re que­sta real­tà viva da un pun­to di vista ambien­ta­le e anche eco­no­mi­co con un pro­get­to così deva­stan­te per l’intero parco?

Per­ché vera­men­te è dif­fi­ci­le com­pren­de­re la bon­tà di que­sta ini­zia­ti­va, men­tre è sicu­ra­men­te più faci­le com­pren­de­re la nega­ti­vi­tà ambien­ta­le, socia­le ed eco­no­mi­ca del­la deci­sio­ne di con­ce­de­re per 3 anni la pos­si­bi­li­tà di fare sag­gi e ricer­ca­re tita­nio e altri metal­li solidi.

Un sacri­fi­cio che non è asso­lu­ta­men­te accet­ta­bi­le, soprat­tut­to se la con­tro­par­ti­ta in ter­mi­ni di tita­nio estrat­to (solo il 6% del mate­ria­le cava­to è uti­liz­za­bi­le il restan­te 94% saran­no scar­ti da smal­ti­re) dimo­stra la non soste­ni­bi­li­tà eco­no­mi­ca ed ambien­ta­le di tut­ta que­sta operazione.

A que­sto va aggiun­ta una que­stio­ne non secon­da­ria rispet­to agli impat­ti sull’ambiente e sul­la salu­te uma­na. Il tita­nio nel­le con­for­ma­zio­ni geo­mor­fo­lo­gi­che del­le mon­ta­gne e del­le cime del Par­co è in sim­bio­si con l’amianto: quin­di per estrar­re il pri­mo, biso­gna estrar­re anche il secon­do. È del tut­to evi­den­te che duran­ti i sag­gi e l’estrazione si veri­fi­che­rà il feno­me­no del­la pol­ve­riz­za­zio­ne del­le roc­ce con la con­se­guen­za che nell’aria si disper­de­ran­no pol­ve­ri con­te­nen­ti amianto.

A fron­te di que­sti aspet­ti risul­ta vera­men­te incom­pren­si­bi­le la scel­ta di non sot­to­por­re il tut­to a Valu­ta­zio­ne di Impat­to Ambien­ta­le. Inol­tre la pre­sen­za dei siti del­la Rete Natu­ra 2000 del Par­co ren­de obbli­ga­to­ria la rea­liz­za­zio­ne anche di una Valu­ta­zio­ne di Inci­den­za spe­ci­fi­ca per ana­liz­za­re pre­ven­ti­va­men­te gli impat­ti sul­la com­po­nen­te bio­di­ver­si­tà.

Tra l’altro, assur­di­tà nell’assurdità, inda­gi­ni, ricer­che e sca­vi si con­cen­tre­ran­no in una del­le quat­tro zone facen­ti par­te del­la Rete Natu­ra 2000 la Zona di Spe­cia­le Con­ser­va­zio­ne ZSC “Bei­gua – Mon­te Den­te – Gar­gas­sa — Pavaglione”.

La ZSC è un sito di impor­tan­za comu­ni­ta­ria (SIC) isti­tui­to ai sen­si del­la Diret­ti­va 92/43/CEE “Habi­tat” e del­la Diret­ti­va 79/409/CEE “Uccel­li” cui sono sta­te appli­ca­te le misu­re di con­ser­va­zio­ne neces­sa­rie al man­te­ni­men­to o al ripri­sti­no degli habi­tat natu­ra­li e del­le popo­la­zio­ni del­le spe­cie per cui il sito è sta­to desi­gna­to dal­la Com­mis­sio­ne europea.

Il Par­co si tro­va lun­go la rot­ta migra­to­ria Afri­ca – Euro­pa uti­liz­za­ta da mol­tis­si­mi uccel­li migra­to­ri, tra cui il Bian­co­ne, il cui pas­sag­gio duran­te il ritor­no ver­so l’Europa dopo lo sver­na­men­to inver­na­le nel­la zona sub­sa­ha­ria­na avvie­ne pro­prio in que­sti gior­ni e atti­ra sul­le altu­re del Par­co nume­ro­si ricer­ca­to­ri e appas­sio­na­ti di bird­wat­ching.

Qua­si sicu­ra­men­te la giun­ta Toti igno­ra com­ple­ta­men­te il con­cet­to di con­ser­va­zio­ne del­la bio­di­ver­si­tà e del gran­de valo­re eco­si­ste­mi­co che que­sta comporta.

Ci mera­vi­glia, ma for­se nean­che più di tan­to, la posi­zio­ne favo­re­vo­le al pro­get­to del nuo­vo Mini­ste­ro del­la Tran­si­zio­ne Eco­lo­gi­ca. Un ini­zio deci­sa­men­te pre­oc­cu­pan­te e un cam­bio di rot­ta in peius rispet­to alla tute­la e con­ser­va­zio­ne del­la bio­di­ver­si­tà che oggi dovreb­be costi­tui­re uno degli asset fon­da­men­ta­li per la ripar­ten­za all’interno del­la cri­si socio-cli­ma­ti­co-ambien­ta­le che stia­mo vivendo.

Pie­no soste­gno da par­te nostra alle ammi­ni­stra­zio­ni loca­li, all’ente Par­co del Bei­gua Une­sco Glo­bal Geo­park, alle asso­cia­zio­ni e ai cit­ta­di­ni che stan­no difen­den­do con ogni mez­zo l’esistenza stes­sa del Par­co da que­sta assur­da decisione.

Auspi­chia­mo inol­tre, che a fron­te del­la mobi­li­ta­zio­ne di tan­tis­si­me cit­ta­di­ne e cit­ta­di­ni la Giun­ta Regio­na­le revo­chi l’autorizzazione alle inda­gi­ni e alla ricer­ca di titanio.

Wal­ter Girar­di Cat­ta­neo e Ligu­ria Possibile

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.