Vaccini: stanno continuando a brevettare il sole

photo5938521899040616989

È una pessima notizia, la mancata sospensione dei brevetti sui vaccini anti-covid. La proposta era stata avanzata all’Organizzazione Mondiale del Commercio da India e Sudafrica (in cui le campagne vaccinali non sono ancora partite), e bocciata ieri da una serie di Paesi ad alto reddito, compresi tutti quelli dell’UE, insieme al Brasile.

Non è solo una questione etica nei confronti dei paesi più poveri: l’attuale scarsità di vaccini è dovuta alla limitata capacità di produzione, dovuta anche al sistema dei brevetti esclusivi. Aumentare la possibilità di produzione significa permettere incrementare la capacità di vaccinare anche qui da noi. Senza contare che una campagna di vaccinazioni rapide potrebbe contribuire a evitare l’insorgere di nuove varianti.

Quando a Jonas Salk, il realizzatore del primo vaccino anti-poliomelite, chiesero di chi fosse il brevetto, la sua risposta fu lapidaria: “di nessuno, perché non si può brevettare il sole.”

Ecco, noi il sole continuiamo a brevettarlo, per ragioni di interesse economico. E non c’è nulla di normale in tutto questo.

Firma questa iniziativa dei cittadini europei per chiedere che la Commissione europea faccia tutto quanto in suo potere per rendere i vaccini e le cure anti-pandemiche un bene pubblico globale, accessibile gratuitamente a tutti e tutte.

  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait