Chi si occupa del divario di genere nel settore digitale?

Sia la “Gior­na­ta inter­na­zio­na­le del­le don­ne e del­le ragaz­ze nel­la scien­za” del­lo scor­so 11 feb­bra­io sia la più nota “Gior­na­ta inter­na­zio­na­le dei dirit­ti del­la don­na” dell’8 mar­zo sono tra­scor­se con il con­sue­to stuo­lo di arti­co­li, ser­vi­zi gior­na­li­sti­ci e diret­te Face­book su alcu­ni casi di don­ne arri­va­te all’apice del­la car­rie­ra scien­ti­fi­ca. Ma se vi fos­se venu­ta voglia di cer­ca­re tra le sta­ti­sti­che annua­li per capi­re se dav­ve­ro qual­co­sa è cam­bia­to per le don­ne nei set­to­ri STEM (Scien­ce, Tech­no­lo­gy, Engi­nee­ring and Mathe­ma­tics) e Infor­ma­tion tech­no­lo­gy, vi sare­ste accor­ti inve­ce che tut­to è come al solito.

Infat­ti, per il Glo­bal Gen­der Gap Report 2020 del World Eco­no­mic forum, l’Italia è al 76mo posto su 153 pae­si per il diva­rio di gene­re, tut­ta­via nel­le pro­fes­sio­ni STEM il Gen­der Digi­tal Gap pre­sen­ta nume­ri ancor più preoccupanti.

Oggi il set­to­re è uno dei più maschi­li­sti e diseguali.

Secon­do Alma­Lau­rea nel 2018 su 76mila lau­rea­ti, il 27,3% sono STEM. Di que­sti, il 60% sono uomi­ni e il restan­te 40% don­ne, men­tre la quo­ta di ragaz­ze iscrit­te a cor­si di lau­rea STEM nell’anno acca­de­mi­co 2018/2019 è sta­ta pari al 17,7%, risul­ta­to che figu­ra addi­rit­tu­ra tra i miglio­ri da 10 anni a que­sta par­te (Osser­va­to­rio Talen­ts Ven­tu­re, 2019).

Dai report si evin­ce anche che le ragaz­ze fan­no regi­stra­re nel­lo stu­dio dei risul­ta­ti miglio­ri rispet­to ai col­le­ghi maschi, ma quan­do si trat­ta poi di entra­re nel mon­do del lavo­ro, dopo cin­que anni dal­la lau­rea — a fron­te di un tas­so di occu­pa­zio­ne medio dell’89% per i lau­rea­ti in disci­pli­ne scien­ti­fi­che -, gli uomi­ni sono a quo­ta 92% di occu­pa­ti con­tro l’85% del­le don­ne e gua­da­gna­no ben il 25% in più.

In Ita­lia, la dispa­ri­tà rag­giun­ge l’apice nel­le aree più inno­va­ti­ve e con più pro­spet­ti­ve di lavo­ro per il futu­ro: cloud com­pu­ting, gestio­ne dati e intel­li­gen­za arti­fi­cia­le, in cui le don­ne sono rispet­ti­va­men­te il 17%, il 19% e il 31%.

Oltre all’ingiustizia socia­le nei con­fron­ti del­le don­ne, abbia­mo la foto di un pae­se che non rie­sce a sta­re al pas­so con l’evoluzione del mer­ca­to del lavo­ro.

La cau­sa? Ste­reo­ti­pi cul­tu­ra­li sul­le pro­fes­sio­ni ICT e con­di­zio­ni del set­to­re ICT poco acco­glien­ti per le don­ne, oltre alla spin­ta dell’ambiente fami­lia­re: sono aspet­ti che ven­go­no spes­so sot­to­li­nea­ti da qua­si tut­te le orga­niz­za­zio­ni e dal­le per­so­ne coin­vol­te nel­la lot­ta con­tro il gen­der digi­tal gap.

Inol­tre, sap­pia­mo che la mater­ni­tà por­ta a inter­ru­zio­ni di car­rie­ra e dei per­cor­si pro­fes­sio­na­li. Que­sto fat­to è ancor vero nel mon­do ICT, che pro­ce­de velo­ce­men­te nel­la ricer­ca e svi­lup­po di sem­pre nuo­vi pro­dot­ti: i pro­get­ti sono da segui­re con assi­dui­tà e le date di con­se­gna devo­no esse­re cer­te, i clien­ti richie­do­no di viag­gia­re spes­so per ese­gui­re instal­la­zio­ni e manu­ten­zio­ni e que­ste con­di­zio­ni sono di osta­co­lo all’affidamento del­le atti­vi­tà a una donna.

E allo­ra si scri­vo­no libri sull’argomento, si pro­pon­go­no tavo­le roton­de, con­ve­gni, semi­na­ri, talk show dove si discet­ta ama­bil­men­te sul­la que­stio­ne, o per meglio dire, dove un grup­po di uomi­ni discu­te ama­bil­men­te la questione.

Sono neces­sa­rie alcu­ne azio­ni chia­ve per dare un rea­le svol­ta a que­sta ten­den­za. Si deve agi­re un cam­bio cul­tu­ra­le che par­ta dai ban­chi di scuo­la per sup­por­ta­re fami­glie e stu­den­tes­se in un orien­ta­men­to sco­la­sti­co libe­ro dagli ste­reo­ti­pi del­le “mate­rie da maschi” e del­le “mate­rie da fem­mi­ne”.

Occor­re cam­bia­re a livel­lo socia­le l’immagine di chi si occu­pa di infor­ma­ti­ca, spes­so asso­cia­ta alla figu­ra del nerd, un ado­le­scen­te bru­fo­lo­so maschio. Ma anche l’idea di una scar­sa capa­ci­tà fem­mi­ni­le nel­la mate­ma­ti­ca e nel­la tec­no­lo­gia deve esse­re eradicata.
Il cam­bio cul­tu­ra­le è neces­sa­rio anche nel­le azien­de che si devo­no ren­de­re con­to, tra le altre cose, che la diver­si­tà per­met­te­reb­be di osser­va­re un pro­ble­ma da pro­spet­ti­ve dif­fe­ren­ti, aumen­tan­do la pos­si­bi­li­tà di tro­va­re solu­zio­ni e alter­na­ti­ve migliori.

Que­sto è un com­pi­to che il nuo­vo gover­no, nel­la sua “Stra­te­gia Nazio­na­le sul­la pari­tà di gene­re” pro­mos­sa dal­la Mini­stra per le Pari Oppor­tu­ni­tà e la Fami­glia, ha già indi­vi­dua­to, non è vero?

Cri­sti­na Cazzulo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

La cannabis riguarda 5 milioni di consumatori, secondo alcuni addirittura 6, molti dei quali sono consumatori di lungo corso che ne fanno un uso molto consapevole, non pericoloso per la società. Preparate lo SPID! Sarà una campagna brevissima, difficile, per cui servirà tutto il vostro aiuto. Ma si può fare. Ed è giusto provarci.
La crisi delle precipitazioni, così come l’aumento di fenomeni temporaleschi più violenti in termini di quantità di acqua e tempi più ristretti e l’innalzamento della quota dello zero termico ci devono spingere, se non costringere, a cambiare radicalmente il nostro approccio al sistema “montagna”. E questo impone anche un cambio drastico nella gestione del territorio anche dal punto di vista delle infrastrutture viabilistiche e sciistiche.
Come illustrato da Legambiente, le spiagge libere in Toscana e in particolare di quelle delle province di Lucca e Massa Carrara sono praticamente assenti: così nella regione (come in altre parti d'Italia) si consuma una grave privazione di un bene pubblico e un forte stress ambientale.