La politica dei CAS: perché il Cara di Crotone è solo la punta dell’iceberg

Il Cara di Crotone ci racconta di un sistema criminale concentrato attorno ad alcuni centri di potere. Quel che dobbiamo superare è l'intero sistema straordinario di accoglienza

[vc_row][vc_column][vc_column_text css=”.vc_custom_1494946728720{margin-top: 20px !important;}”][/vc_column_text][vc_column_text]Non c’è nien­te di cui stu­pir­si, ma pro­prio nien­te. La cro­na­ca ci rac­con­ta quo­ti­dia­na­men­te di casi di malaf­fa­re lega­ti alla gestio­ne dei migran­ti, su pic­co­la o lar­ga sca­la, così come quo­ti­dia­ni sono gli sfor­zi di chi, occu­pan­do­si di acco­glien­za, denun­cia le distor­sio­ni crea­te dal siste­ma emer­gen­zia­le attra­ver­so il qua­le gestia­mo oltre l’80% dei posti dispo­ni­bi­li. Solo pochi gior­ni fa denun­cia­va­mo la rimo­zio­ne di que­sti dati dal sito del Mini­ste­ro del­l’In­ter­no: dati fon­da­men­ta­li, per­ché resti­tui­sco­no la dimen­sio­ne del­la gestio­ne straor­di­na­ria, esat­ta­men­te lad­do­ve si col­lo­ca­no spa­zi per chi ha inten­zio­ne di fare busi­ness sul­l’ac­co­glien­za, maga­ri per­se­guen­do pro­fit­ti leci­ti o maga­ri per­se­guen­do profit­ti ille­ci­ti, come emer­so nel caso del Cara di Crotone.

Dal­le rico­stru­zio­ni emer­ge chia­ra­men­te e pla­sti­ca­men­te uno sche­ma di estra­zio­ne di risor­se pub­bli­che da far con­flui­re ver­so clan affi­lia­ti alla ‘ndran­ghe­ta e una capa­ci­tà di infil­tra­zio­ne nel tes­su­to socia­le, e quin­di di con­trol­lo elet­to­ra­le, tipi­co dei siste­mi mafiosi.

Pos­sia­mo descri­ver­lo così: la pre­fet­tu­ra indi­ce una gara per la gestio­ne di un cen­tro di acco­glien­za gran­dis­si­mo, in gra­do di ospi­ta­re un miglia­io per­so­ne, ponen­do come base d’a­sta (leg­gia­mo il ban­do 2012) 30 euro pro-capi­te pro-die a ospi­te per tre anni, per un tota­le di 28 milio­ni di euro. Tan­ti, tan­tis­si­mi sol­di, soprat­tut­to se, come riscon­tra­bi­le dal capi­to­la­to d’ap­pal­to, l’en­te che si assi­cu­re­rà la gestio­ne del­la strut­tu­ra non sarà tenu­to né a offri­re ser­vi­zi per i qua­li si indi­ca­no det­ta­gli pun­tua­li e nep­pu­re a una ren­di­con­ta­zio­ne pun­tua­le. Di con­se­guen­za, oltre a gesti­re una mas­sa ingen­te di dena­ro che si può far rica­de­re a casca­ta sul ter­ri­to­rio attra­ver­so siste­mi di subap­pal­to che pos­so­no apri­re a dina­mi­che di dipen­den­za e con­trol­lo (anche del voto, come sem­bra tra­spa­ri­re dal­l’in­chie­sta riguar­dan­te il Cara di Mineo), si apro­no anche spa­zi per vei­co­la­re risor­se ver­so altri cen­tri di pote­re, anche di natu­ra criminale.

Venen­do al cen­tro di acco­glien­za di Cro­to­ne, il ban­do 2012 pre­ve­de­va la gestio­ne di 853 ospi­ti nel­la mede­si­ma strut­tu­ra, sita in loca­li­tà San­t’An­na, dei qua­li 601 in un Cen­tro di acco­glien­za (Cda), 128 in un Cara e 124 in un Cie. Nel­la sche­da riguar­dan­te l’of­fer­ta tec­ni­ca per il Cda (601 posti), così come quel­la rela­ti­va al Cie (124 posti), non si tro­va trac­cia di cor­si di lin­gua ita­lia­na men­tre si spe­ci­fi­ca che «par­ti­co­la­re riguar­do sarà pre­sta­to a tut­te le situa­zio­ni che richie­do­no inter­ven­ti spe­cia­li­sti­ci come quel­li che pos­so­no esse­re neces­sa­ri nel caso di vit­ti­me di tor­tu­ra, vit­ti­me di violenza/abusi, mino­ri, por­ta­to­ri di han­di­cap, por­ta­to­ri di disa­gio men­ta­le o socia­le e anzia­ni. In par­ti­co­la­re, dovrà esse­re pre­vi­sto l’im­pie­go di media­to­ri lin­gui­sti­co cul­tu­ra­li don­ne nel caso di ospi­ti fem­mi­ni­le, spe­cial­men­te se appar­te­nen­ti a cate­go­rie vul­ne­ra­bi­li». Tut­to qua, per per­so­ne in sta­to di estre­ma vul­ne­ra­bi­li­tà. Al con­tra­rio, nel­la sche­da tec­ni­ca rife­ri­ta al Cara (128 posti) si pre­ve­de l’in­se­gna­men­to del­la lin­gua ita­lia­na «per un mon­te ore pro­por­zio­na­le al nume­ro di ospi­ti pre­sen­ti nel cen­tro». Cri­te­rio di aggiu­di­ca­zio­ne: offer­ta eco­no­mi­ca più vantaggiosa.

Nel 2016 è sta­ta nuo­va­men­te mes­sa a gara la gestio­ne del cen­tro di acco­glien­za, per 1246 posti: 1216 per l’Hub regio­na­le e 30 per il Cie. Que­sta vol­ta già nel­l’av­vi­so pub­bli­co vie­ne cita­to, solo per l’Hub, il ser­vi­zio di inse­gna­men­to del­la lin­gua ita­lia­na, «garan­ti­to per un mon­te ore pro­por­zio­na­le al nume­ro di ospi­ti pre­sen­ti nel cen­tro». La dota­zio­ne mini­ma di per­so­na­le per l’in­se­gna­men­to del­l’i­ta­lia­no vie­ne quan­ti­fi­ca­ta in 72 ore set­ti­ma­na­li, per inse­gna­re l’i­ta­lia­no a 1216 per­so­ne pro­ve­nien­ti dai pae­si più dispa­ra­ti e dal­le situa­zio­ni più dif­fe­ren­ti. La base d’a­sta vie­ne aumen­ta­ta a 35 euro. L’im­por­to tota­le del­l’ap­pal­to sale a qua­si 16 milio­ni di euro annui.

Di fron­te a un’of­fer­ta non esat­ta­men­te strin­gen­te nei vin­co­li di tra­spa­ren­za e nel­le richie­ste tec­ni­che, che pre­ve­de la sor­ve­glian­za del­la pre­fet­tu­ra e cioè del­lo stes­so ente affi­da­ta­rio, di fron­te a un ammon­ta­re di dena­ro tan­to ele­va­to, è faci­le aspet­tar­si che mol­ti saran­no atti­ra­ti e non sem­pre per per­se­gui­re fini uma­ni­ta­ri, esat­ta­men­te come la cro­na­ca ci sta raccontando.

A pre­scin­de­re dai risvol­ti giu­di­zia­ri, non è suf­fi­cien­te pren­de­re in esa­me sola­men­te i gran­di cen­tri. Sono tan­ti i cen­tri di acco­glien­za straor­di­na­ri (Cas) che pur­trop­po ven­go­no gesti­ti in una manie­ra non otti­ma­le, per­ché non ven­go­no ero­ga­ti ser­vi­zi di base, per­ché non vi è una pre­sa in cari­co indi­vi­dua­le del­la per­so­na, per­ché si inne­sca­no dina­mi­che con­flit­tua­li con la popo­la­zio­ne residente.

Il trat­to comu­ne di que­sta gestio­ne è, appun­to, la gestio­ne emer­gen­zia­le e straor­di­na­ria, che negli ulti­mi anni è let­te­ral­men­te esplo­sa, a fron­te di una sostan­zia­le sta­bi­li­tà dei posti dispo­ni­bi­li nel Siste­ma pro­te­zio­ne richie­den­ti asi­lo e rifu­gia­ti (Sprar) che, come dice il nome stes­so, è un vero e pro­prio siste­ma, coor­di­na­to a livel­lo cen­tra­le, cre­sciu­to dal bas­so nel tem­po, e che garan­ti­sce pesi e con­trap­pe­si tipi­ci di un siste­ma, con una ren­di­con­ta­zio­ne pun­tua­le, con para­me­tri di acco­glien­za defi­ni­ti a livel­lo cen­tra­le (sia rispet­to all’e­ro­ga­zio­ne dei ser­vi­zi che alle dimen­sio­ni del­le strut­tu­re, tipi­ca­men­te appar­ta­men­ti) ma che, al momen­to attua­le, ha un gros­so limi­te: allo Sprar si ade­ri­sce sola­men­te su base volon­ta­ria. Deve esse­re l’am­mi­ni­stra­zio­ne loca­le a mani­fe­sta­re tale volon­tà, e se pote­va esse­re una stra­te­gia meri­te­vo­le negli anni pas­sa­ti, ora la libe­ra ade­sio­ne non basta più dato che ci tro­via­mo ad affron­ta­re un feno­me­no migra­to­rio che si pre­sen­ta in dimen­sio­ni più ampie e con carat­te­ri­sti­che diver­se rispet­to al pas­sa­to ma che pre­sen­ta anche ele­men­ti di strut­tu­ra­li­tà e matu­ri­tà, inte­sa come com­pen­sa­zio­ne tra nuo­vi arri­va­ti e acqui­si­zio­ni di cittadinanza. 

Tota­le del­le pre­sen­ze nei cen­tri di acco­glien­za italiani.

Ecco per­ché chi vuo­le fare busi­ness con­cen­tra le pro­prie atten­zio­ni sui cen­tri straor­di­na­ri e non sui cen­tri Sprar.

Inve­ce di par­la­re di puli­zia etni­ca a spro­po­si­to e di dedi­ca­re gior­na­te inte­re all’ar­go­men­to, dovrem­mo tut­ti noi spen­der­ci per­ché lo Sprar diven­ti un ser­vi­zio ero­ga­to da cia­scun comu­ne. Dovrem­mo spen­der­ci per­ché ven­ga rifor­ma­ta la Bos­si-Fini, una leg­ge fol­le, gene­ra­tri­ce scien­ti­fi­ca di irre­go­la­ri­tà. Dovrem­mo spen­der­ci per rifor­ma­re il rego­la­men­to di Dubli­no. E dovrem­mo spen­der­ci, per ulti­mo ma non meno impor­tan­te, anzi, per­ché le per­so­ne non sia­no più costret­te a scap­pa­re dai luo­ghi in cui vivo­no, ponen­do un’at­ten­zio­ne quo­ti­dia­na alla poli­ti­ca este­ra del nostro pae­se, soprat­tut­to nei lega­mi com­mer­cia­li (leg­gi: armi) con pae­si in sta­to di con­flit­to o in cui non è garan­ti­to il rispet­to dei dirit­ti umani.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?