Anno Domini 2017

Il 17 maggio serve a ricordarci e a ricordare che la battaglia dei diritti e contro ogni discriminazione è una battaglia di tutte e tutti perché uno stato di diritto è tale se la legge riconosce uguaglianza in diritti, libertà, tutele e possibilità a tutti i suoi cittadini

[vc_row][vc_column][vc_column_text css=”.vc_custom_1495002525712{margin-top: 20px !important;}”][/vc_column_text][vc_column_text]A Reg­gio Emi­lia, in vista dei Gay Pri­de, si orga­niz­za una Pro­ces­sio­ne di Ripa­ra­zio­ne Pub­bli­ca. In altre real­tà i Comu­ni, anche quel­li che sono gover­na­ti da giun­te di cen­tro­si­ni­stra, nega­no i patro­ci­ni alle ini­zia­ti­ve dell’orgoglio LGBT, per i moti­vi più ete­ro­ge­nei, dall’ostentazione ecces­si­va al fat­to che non sia­no rico­no­sciu­te come mani­fe­sta­zio­ni istituzionali.

Sem­pre in que­sto stes­so anno in Cece­nia apro­no dei cam­pi di rie­du­ca­zio­ne per omo­ses­sua­li o pre­sun­ti tali. Dai rac­con­ti di chi li ha vis­su­ti emer­go­no vivi­de le imma­gi­ni di vio­len­ze che cal­pe­sta­no non solo la digni­tà ma anche i dirit­ti uma­ni. Sul­la que­stio­ne si stan­no espri­men­do diver­si lea­der euro­pei tra cui Ange­la Mer­kel e The­re­sa May; spe­ria­mo che anche il nostro Gover­no deci­da pre­sto di far sen­ti­re la pro­pria voce con­si­de­ra­to anche che l’attivista dell’associazione radi­ca­le “Cer­ti Dirit­ti”, Yuri Gua­ia­na, è sta­to arre­sta­to (e poi rila­scia­to) per un gior­no in Rus­sia quan­do si è pre­sen­ta­to insie­me all’associazione ALL OUT per con­se­gna­re una peti­zio­ne che chie­de­va il rispet­to dei dirit­ti uma­ni fon­da­men­ta­li in Cecenia.

Solo qual­che gior­no fa si par­la­va, nel­la nar­ra­zio­ne di una cer­ta stam­pa, del “flop” del­le Unio­ni civi­li ad un anno dall’entrata in vigo­re del­la leg­ge. Una discus­sio­ne sur­rea­le, come se i dirit­ti si pesas­se­ro sul­la bilan­cia, ren­den­do­li una mer­ce, sper­so­na­liz­zan­do il fat­to che die­tro ogni dirit­to ci sono per­so­ne, con la loro sto­ria e la loro dignità.

La que­stio­ne dei dirit­ti e vice­ver­sa del con­tra­sto ad ogni feno­me­no di odio e discri­mi­na­zio­ni (due fac­ce del­la stes­sa meda­glia, o meglio bat­ta­glia) non pos­so­no esse­re tra loro sle­ga­te ma devo­no anda­re avan­ti di pari pas­so. Come si può pen­sa­re anco­ra oggi che ci sia qual­co­sa da ripa­ra­re nel­le per­so­ne LGBT, come si può pen­sa­re di resta­re in silen­zio davan­ti a quel­lo che suc­ce­de alle por­te del nostro Pae­se o dell’Europa? E su que­sti temi come pos­sia­mo pen­sa­re di inne­sca­re una bat­ta­glia nor­ma­ti­va che non sia anche rivo­lu­zio­ne culturale?

Anche que­st’an­no il 17 mag­gio, gior­na­ta inter­na­zio­na­le con­tro l’omofobia, la bifo­bia e la tran­sfo­bia, è arri­va­to. Anche que­sto anno il nostro Pae­se regi­stre­rà il vuo­to nor­ma­ti­vo che lascia indi­fe­si i cit­ta­di­ni LGBT da cri­mi­ni di odio e discri­mi­na­zio­ne.

Abbia­mo soste­nu­to la bat­ta­glia di Ompha­los in Umbria che da 10 anni chie­de­va una leg­ge regio­na­le su que­sti temi e sia­mo feli­ci che alla fine, tra mil­le osta­co­li e rin­vii, si sia appro­va­ta que­sta nor­ma di civil­tà. Spe­ria­mo che in ogni Regio­ne si legi­fe­ri in tal sen­so per pro­muo­ve­re una cul­tu­ra del­la diver­si­tà basa­ta sul­la cono­scen­za, sul rispet­to ma soprat­tut­to sul­la con­dan­na deci­sa e sen­za ali­bi di ogni com­por­ta­men­to vio­len­to e discri­mi­na­to­rio e che que­sto ser­va come stru­men­to di pres­sio­ne per il Par­la­men­to per rimet­te­re mano, seria­men­te, alla Leg­ge Man­ci­no amplian­do­la anche a que­ste fat­ti­spe­cie.

Un pia­no serio e nazio­na­le di con­tra­sto alle discri­mi­na­zio­ni per orien­ta­men­to ses­sua­le ed iden­ti­tà di gene­re non può pre­scin­de­re da un’azione cul­tu­ra­le e for­ma­ti­va che par­te dal­le nuo­ve gene­ra­zio­ni per pre­ve­ni­re ed argi­na­re quei pri­mi feno­me­ni di bul­li­smo che spes­so han­no chia­ri rife­ri­men­ti all’omotransfobia. Anche su que­sto si può e si deve fare di più par­ten­do dall’ottimo lavo­ro che tan­te real­tà asso­cia­ti­ve stan­no facen­do in Italia.

Il nostro Pae­se ha tan­ta stra­da da fare per rag­giun­ge­re gli stan­dard rico­no­sciu­ti dal­le real­tà più avan­za­te d’Europa e del mon­do. Un per­cor­so che pas­sa dal con­tra­sto alle discri­mi­na­zio­ni ma anche dal­la cul­tu­ra; dai dirit­ti ma anche da un dibat­ti­to serio sul­la lai­ci­tà. Lai­ci­tà, que­sta sco­no­sciu­ta in Ita­lia dove trop­po spes­so ci si dimen­ti­ca che “Lo Sta­to e la Chie­sa cat­to­li­ca sono, cia­scu­no nel pro­prio ordi­ne, indi­pen­den­ti e sovra­ni” (arti­co­lo 7 del­la Costituzione).

Il 17 mag­gio ser­ve a ricor­dar­ci e a ricor­da­re che la bat­ta­glia dei dirit­ti e con­tro ogni discri­mi­na­zio­ne è una bat­ta­glia di tut­te e tut­ti per­ché uno sta­to di dirit­to è tale se la leg­ge rico­no­sce ugua­glian­za in dirit­ti, liber­tà, tute­le e pos­si­bi­li­tà a tut­ti i suoi cit­ta­di­ni. Ce lo dimen­ti­chia­mo trop­po spes­so lascian­do sola la comu­ni­tà LGBT nel­la lot­ta per la costru­zio­ne di un Pae­se più giu­sto; dimen­ti­chia­mo, sen­za ren­der­ce­ne nem­me­no più con­to, che il loro Pae­se è anche il nostro.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

E così il Governo ha deciso di abbassare l’Iva sugli assorbenti femminili al 10%, bene ma non benissimo visto che la misura corretta sarebbe quella del 4%, ma in più viene da chiedersi cosa stiano facendo esattamente i partiti in Parlamento se su una misura di questo tipo arrivano a farsi bagnare il naso da Draghi. Osservazioni simili si potrebbero fare a proposito di eutanasia e cannabis legale, e lo stesso ci si augura accada per la proposta di legge d'iniziativa popolare sul salario minimo su cui Possibile si impegna a raccogliere adesioni.
Dopo molti anni, ben 6 dalla proposta che facemmo con Giuseppe Civati e Possibile, se ne è colto il significato simbolico e però concretissimo. Un passo avanti, sicuramente. Anche se spiace per il tempo perso. E spiace perché l'IVA sugli assorbenti non è ancora al 4%, come quella per i prodotti di prima necessità, com'è giusto che sia. Perché le mestruazioni non sono un lusso. Continueremo a insistere.
Il tempo del bla bla bla è finito e bisogna agire: non c'è più tempo. Infine c’è da cambiare un paradigma e da riscrivere una storia: sembra che le decisioni sul clima le prendano in pochi e in tavoli decisamente ristretti con la presenza delle lobby del carbone. Va completamente ribaltato il tavolo, dando voce e ruolo a chi oggi subisce le conseguenze maggiori di questa crisi socio climatica e ambientale.