Il sistema di accoglienza emergenziale è un favore alla criminalità organizzata

Il tratto comune di questi veri e propri scandali nazionali è la gestione straordinaria, nelle mani delle prefetture, di centri di grandissime dimensioni: circa 1.300 persone a Crotone, oltre 3.000 a Mineo. Numeri che fanno soldi

[vc_row][vc_column][vc_column_text css=”.vc_custom_1495115202442{margin-top: 20px !important;}”][/vc_column_text][vc_column_text]«Il clas­si­co ban­do su misu­ra, costrui­to per esclu­de­re la con­cor­ren­za: man­ca­va sol­tan­to che indi­cas­se­ro anche il nome del vin­ci­to­re». Uti­liz­za que­ste paro­le Raf­fae­le Can­to­ne, a capo del­l’au­to­ri­tà nazio­na­le anti­cor­ru­zio­ne, per defi­ni­re il ban­do che ha por­ta­to all’ag­giu­di­ca­zio­ne del­la gestio­ne del Cen­tro di acco­glien­za per richie­den­ti asi­lo (Cara) di Mineo, in pro­vin­cia di Cata­nia. L’in­da­gi­ne avvia­ta dal­la pro­cu­ra di Cata­nia ha por­ta­to alla richie­sta di rin­vio a giu­di­zio per sedi­ci per­so­ne, tra i qua­li Luca Ode­vai­ne, in qua­li­tà di pre­si­den­te la com­mis­sio­ne aggiu­di­ca­tri­ce, e il sin­da­co di Mineo, Anna Aloi­si, men­tre «il sot­to­se­gre­ta­rio alle Poli­ti­che agri­co­le Giu­sep­pe Casti­glio­ne (NCD, n.d.a.), inda­ga­to in qua­li­tà di allo­ra sog­get­to attua­to­re del Cen­tro acco­glien­za richie­den­ti asi­lo più gran­de d’Eu­ro­pa […] ha chie­sto e otte­nu­to il giu­di­zio imme­dia­to». Paral­le­la­men­te, gra­zie al lavo­ro del­la Pro­cu­ra di Cal­ta­gi­ro­ne, è ini­zia­to in que­ste ore un pro­ces­so che ha come epi­cen­tro lo stes­so Cara di Mineo, «su una pre­sun­ta ‘Cam­pa­gna acqui­sti’ per soste­ne­re la mag­gio­ran­za con­si­lia­re al Comu­ne di Mineo, in cam­bio di posti di lavo­ro o di un assessorato».

Inda­gi­ni che sem­bra­no deli­nea­re un intrec­cio di dena­ri pub­bli­ci uti­liz­za­ti per fini pri­va­ti, con­trol­lo del ter­ri­to­rio e del voto, e quin­di dina­mi­che di pote­re. Trian­go­la­zio­ni non dis­si­mi­li da quel­le emer­se in que­sti gior­ni dal­l’inchie­sta che ha tra­vol­to il Cara di Cro­to­ne, del­la qua­le Can­to­ne ha par­la­to come «solo uno dei casi in cui è docu­men­ta­ta la pre­sen­za di orga­niz­za­zio­ni cri­mi­na­li ed è un qual­co­sa per sua natu­ra desti­na­to a ripe­ter­si».

Il trat­to comu­ne di que­sti veri e pro­pri scan­da­li nazio­na­li è la gestio­ne straor­di­na­ria, nel­le mani del­le pre­fet­tu­re, di cen­tri di gran­dis­si­me dimen­sio­ni: cir­ca 1.300 per­so­ne a Cro­to­ne, oltre 3.000 a Mineo. Nume­ri che fan­no sol­di,  se pen­sia­mo che le cifre del­l’ul­ti­mo ban­do per la gestio­ne del Cara di Cro­to­ne sono pari a 35 euro al gior­no a ospi­te. Il con­to è pre­sto fat­to: 16 milio­ni di euro all’an­no. Mas­se ingen­ti di dena­ro che atti­ra­no mol­to, e atti­ra­no anco­ra di più se i requi­si­ti di acces­so per la gestio­ne dei cen­tri si dimo­stra­no esse­re non suf­fi­cien­te­men­te selet­ti­vi, come rile­va­to anche da Can­to­ne: «ci sono rischi di pato­lo­gie che con gli enti del ter­zo set­to­re non han­no nul­la a che fare. I due pro­ble­mi fon­da­men­ta­li sono la strut­tu­ra del ban­do, e secon­do l’as­sen­za rea­le mec­ca­ni­smi di con­trol­lo visto che i paga­men­ti ven­go­no fat­ti su base migran­ti ospitati».

Le dina­mi­che sono sem­pre le stes­se e, pur­trop­po, pos­sia­mo benis­si­mo imma­gi­na­re che Mineo e Cro­to­ne non saran­no gli ulti­mi del­la lista, dato che la gestio­ne emer­gen­zia­le va ben oltre l’u­ni­ver­so dei Cara (Roma, 900 posti — Fog­gia, 1.400 posti — Bari, 1.600 posti: un tota­le di alme­no 8.000 posti), espan­den­do­si ai cosid­det­ti Cen­tri di acco­glien­za straor­di­na­ria (Cas) che copro­no qua­si 140mila posti, e che sono impos­si­bi­li da moni­to­ra­re, essen­do anche que­sti di gestio­ne pre­fet­ti­zia e varian­do tra cen­tri di pic­co­la acco­glien­za e cen­tri di dimen­sio­ni mol­to supe­rio­ri: far­ne un cen­si­men­to è pra­ti­ca­men­te impossibile.

Quel che sap­pia­mo di cer­to è che i pro­ble­mi sono (alme­no) due: i cen­tri di medie, gran­di, gran­dis­si­me dimen­sio­ni e la gestio­ne emer­gen­zia­le. Que­sti due fat­to­ri da un lato favo­ri­sco­no l’in­te­res­sa­men­to di enti che non han­no inte­res­se a for­ni­re ser­vi­zi di qua­li­tà ma a inta­sca­re par­te dei 30/35 euro che per­ce­pi­sco­no al gior­no per cia­scun migran­te e, dal­l’al­tro lato, la scar­sa “resa” di que­sti cen­tri in ter­mi­ni di inclu­sio­ne socia­le dei migran­ti: quan­ti casi potrem­mo docu­men­ta­re di per­so­ne rima­ste dodi­ci mesi in un Cas e che non sono in gra­do di pro­nun­cia­re due paro­le in italiano?

For­tu­na­ta­men­te esi­ste un siste­ma che, con tut­ti i suoi limi­ti, cer­ca di por­si oltre que­ste cri­ti­ci­tà. Si chia­ma Siste­ma pro­te­zio­ne richie­den­ti asi­lo e rifu­gia­ti (Sprar) e si basa sui prin­ci­pi del­l’acco­glien­za dif­fu­sa (sia a livel­lo nazio­na­le che in ter­mi­ni di pic­co­le strut­tu­re), su ban­di mol­to più selet­ti­vi e su una ren­di­con­ta­zio­ne asso­lu­ta­men­te pun­tua­le. Inu­ti­le dir­lo, lo Sprar non fa gola a chi vuo­le fare busi­ness. Chi vuo­le fare busi­ness pren­de altre stra­de. Al momen­to lo Sprar copre solo il 15% del tota­le dei posti in acco­glien­za (24mila su 176,5mila) dato che l’a­de­sio­ne al siste­ma avvie­ne su base volon­ta­ria da par­te dei comuni.

Can­to­ne ci rac­con­ta per­ciò, e per l’en­ne­si­ma vol­ta, di un siste­ma d’ac­co­glien­za schi­zo­fre­ni­co e in balia del­le mire di spe­cu­la­to­ri e cri­mi­na­li, cre­sciu­to a dismi­su­ra negli ulti­mi quat­tro o cin­que anni anni tan­to da non esse­re moni­to­ra­bi­le, a fron­te di un siste­ma (lo Sprar) che ha regi­stra­to buo­ni risul­ta­ti da tut­ti i pun­ti di vista e che è a tut­ti gli effet­ti un siste­ma, di cui si cono­sco­no dina­mi­che e limi­ti, che si ten­ta di cor­reg­ge­re. Ecco per­ché, mini­stro Min­ni­ti, pri­ma di annun­cia­re ispe­zio­ni a tap­pe­to nei cen­tri straor­di­na­ri biso­gne­reb­be agi­re per ridur­re all’os­so que­sti stes­si cen­tri, ren­den­do lo Sprar il vero siste­ma di acco­glien­za. Tut­to il resto sono annun­ci e buo­ne spe­ran­za, nel­l’at­te­sa che scop­pi il pros­si­mo scan­da­lo nazio­na­le, dopo Mineo e dopo Cro­to­ne.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il Clima entri nelle decisioni della Politica e la Politica si comporti in maniera coscienziosa, non guardando i sondaggi e pensando al prossimo appuntamento elettorale, ma guardi al futuro, alle generazioni future e a chi verrà dopo di loro.
Se scompaiono gli squali, l’Oceano muore. Quello stesso Oceano che produce il 50% dell’ossigeno che respiriamo, e assorbe il 25% dell’anidride carbonica che emettiamo. Se muore l’Oceano, moriamo noi.  Non ci resta, dunque, che salvare gli squali. 
500.000 firme per togliere risorse e giro d’affari alle mafie, per garantire la qualità e la sicurezza di cosa viene venduto e consumato, per mettere la parola fine a una criminalizzazione e a un proibizionismo che non hanno portato a nessun risultato. La cannabis non è una questione secondaria o risibile, ma un tema serio che riguarda milioni di italiani.