Accoglienza: il ministero rimuove dal suo sito web dati fondamentali per la trasparenza del sistema

Nello stesso momento in cui Minniti annuncia ispezioni nei centri di accoglienza a causa di problemi di infiltrazione mafiosa, dal sito del Ministero dell’Interno spariscono dati fondamentali per la trasparenza del nostro sistema di accoglienza

[vc_row][vc_column][vc_column_text css=”.vc_custom_1494413747954{margin-top: 20px !important;}”][/vc_column_text][vc_column_text]«Nello stes­so momen­to in cui Min­ni­ti annun­cia ispe­zio­ni nei cen­tri di acco­glien­za a cau­sa di pro­ble­mi di infil­tra­zio­ne mafio­sa, dal sito del Mini­ste­ro dell’Interno (Dipar­ti­men­to Liber­tà civi­li e immi­gra­zio­ne) spa­ri­sco­no dati fon­da­men­ta­li per la tra­spa­ren­za del nostro siste­ma di acco­glien­za». La noti­zia del­la rimo­zio­ne dei dati arri­va diret­ta­men­te dai par­la­men­ta­ri di Pos­si­bi­le Giu­sep­pe Civa­ti e Andrea Mae­stri che, impe­gna­ti in un costan­te moni­to­rag­gio del siste­ma di acco­glien­za, denun­cia­no la spa­ri­zio­ne di infor­ma­zio­ni: «Sia­mo impe­gna­ti da sem­pre nel rac­co­glie­re dati rispet­to ai trend dell’accoglienza attra­ver­so i qua­li abbia­mo moni­to­ra­to l’esplosione dei cen­tri straor­di­na­ri di acco­glien­za, di gestio­ne pre­fet­ti­zia (CAS), sui qua­li spes­so si sono con­cen­tra­te le atten­zio­ni pub­bli­che per pro­ble­mi di pes­si­ma gestio­ne e di sovraf­fol­la­men­to, e ora venia­mo a sco­pri­re che dal sito del Mini­ste­ro sono sta­ti rimos­si i dati ine­re­ren­ti alla sud­di­vi­sio­ne tra posti CAS e posti nel Siste­ma pro­te­zio­ne richie­den­ti asi­lo e rifu­gia­ti (SPRAR), siste­ma che offre sen­za dub­bio mag­gio­ri garan­zie da tut­ti i pun­ti di vista, anche quel­lo del­la lega­li­tà». «Si trat­ta di una vera e pro­pria rimo­zio­ne, fat­ta attra­ver­so la sosti­tu­zio­ne di file sul sito, pas­sa­ti da dodi­ci a nove pagi­ne. In par­ti­co­la­re sono sta­ti rimos­si i dati riguar­dan­ti il trend, a par­ti­re dal 2014, del tota­le del nume­ro dei posti, così come la già cita­ta sud­di­vi­sio­ne tra CAS e SPRAR: attra­ver­so i nuo­vi docu­men­ti non si rie­sce nep­pu­re a sape­re quan­ti sono i posti tota­li nel siste­ma di acco­glien­za».

«Al momen­to — pro­se­guo­no i par­la­men­ta­ri di Pos­si­bi­le – sono rag­giun­gi­bi­li dal sito dei file che al loro ter­mi­ne pre­sen­ta­no i carat­te­ri “_0”: è suf­fi­cien­te eli­mi­na­re que­sti carat­te­ri per poter acce­de­re ai file ori­gi­na­li, che evi­den­te­men­te sono diven­ta­ti irrag­giun­gi­bi­li attra­ver­so il sito ma non sono sta­ti posti offli­ne».

La pagi­na 5/12 del “vec­chio” file di mar­zo, con­te­nen­te la tabel­la con la sud­di­vi­sio­ne per posti e regioni.
La pagi­na 5/9 del “nuo­vo” file di marzo.
La cache ha memo­riz­za­to l’in­di­riz­zo pre­ce­den­te­men­te asse­gna­to al link, che non cor­ri­spon­de con l’in­di­riz­zo attuale.

«Un mini­stro che dichia­ra di voler fare del­la lega­li­tà e del­la gestio­ne strut­tu­ra­le del­le migra­zio­ni in manie­ra rigo­ro­sa la pro­pria ban­die­ra si sta ren­den­do respon­sa­bi­le di un’operazione ver­go­gno­sa, che ridu­ce la tra­spa­ren­za e le pos­si­bi­li­tà di infor­ma­zio­ne da par­te dei cit­ta­di­ni: le ispe­zio­ni dovreb­be­ro esse­re pre­ve­nu­te, attra­ver­so poli­ti­che rigo­ro­se che pas­sa­no dall’obbligatorietà del­la gestio­ne SPRAR e la mas­si­ma tra­spa­ren­za».

Al momen­to i dati in nostro pos­ses­so, rica­va­ti dal­la rie­la­bo­ra­zio­ne dei dati pub­bli­ca­ti sul mede­si­mo por­ta­le, resti­tui­sco­no tale situa­zio­ne: a fron­te di una sostan­zia­le sta­zio­na­rie­tà dei post SPRAR, abbia­mo assi­sti­to a una vera e pro­pria esplo­sio­ne dei posti CAS.

Tota­le del­le pre­sen­ze nei cen­tri di acco­glien­za italiani.

Da nota­re che già al momen­to del­la pub­bli­ca­zio­ne risul­ta­va­no assen­ti tali dati dal ren­di­con­to di apri­le, che è comun­que sta­to sosti­tui­to con un file “_0”.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il dare una pacca sul sedere a una donna non è percepito dalla maggioranza dell’opinione pubblica, e intendo non solo maschile, come una cosa grave, come un reato, ma solo, al massimo, come una sciocchezza, uno scherzo, un piccolo, insignificante, errore in una carriera di vita immacolata.