La parità di genere è una grande questione culturale ed educativa: una mozione per ridurre la Tampon Tax

Questa è una battaglia di civiltà, una questione economica e sanitaria concreta che riguarda la parità di genere che è proprio uno dei compiti fondamentali che lo Stato deve garantire.

Cor­re­va l’an­no 2016 quan­do Pos­si­bi­le pre­sen­tò una pro­po­sta di leg­ge sul­la Tam­pon Tax. Da allo­ra tan­te cose sono cam­bia­te (il dibat­ti­to ora c’è, ad esem­pio) ma l’I­VA sui pro­dot­ti igie­ni­co-sani­ta­ri per il ciclo è rima­sta inva­ria­ta, pari a quel­la dei beni di lus­so. Allo­ra è il caso di non demor­de­re e insi­ste­re chie­den­do in ogni comu­ne ita­lia­no di appro­va­re una mozio­ne per l’ab­bas­sa­men­to del­l’a­li­quo­ta IVA sui pro­dot­ti igie­ni­co-sani­ta­ri. I comu­ni da soli non pos­so­no far­si cari­co eco­no­mi­ca­men­te di que­sta pale­se discri­mi­na­zio­ne frut­to di un decre­to del Pre­si­den­te del­la Repub­bli­ca del 1972 (che ha fis­sa­to le age­vo­la­zio­ni del­le ali­quo­te IVA e i beni essen­zia­li che han­no dirit­to a usu­fruir­ne) ma pos­so­no e devo­no fare la loro par­te sen­si­bi­liz­zan­do l’o­pi­nio­ne pub­bli­ca, incal­zan­do il Gover­no, con cam­pa­gne, pro­get­ti edu­ca­ti­vi e gesti sim­bo­li­ci (ripor­ta­ti nel­la mozione).

Que­sta è una bat­ta­glia di civil­tà, una que­stio­ne eco­no­mi­ca e sani­ta­ria con­cre­ta che riguar­da la pari­tà di gene­re che è pro­prio uno dei com­pi­ti fon­da­men­ta­li che lo Sta­to deve garan­ti­re: la rimo­zio­ne degli osta­co­li ”di ordi­ne eco­no­mi­co e socia­le, che, limi­tan­do di fat­to la liber­tà e l’e­gua­glian­za dei cit­ta­di­ni, impe­di­sco­no il pie­no svi­lup­po del­la per­so­na uma­na’’ (Art.3 del­la Costi­tu­zio­ne). Biso­gna abbat­te­re que­sto tabù, anda­re oltre gli ste­reo­ti­pi e costrui­re (final­men­te) una socie­tà che non sia a misu­ra solo maschi­le. Par­la­re di ridu­zio­ne del­la Tam­pon Tax signi­fi­ca par­la­re di ugua­glian­za, evi­tan­do di bana­liz­za­re la que­stio­ne, ed è fon­da­men­ta­le che a far­lo sia­no anche gli uomi­ni, per­ché ci riguar­da tutti.

Una diret­ti­va euro­pea (2006/112/CE) che per­met­te di ridur­re l’I­VA su bene essen­zia­li c’è da tem­po e via via sono sta­ti tan­ti i Pae­si che si sono con­for­ma­ti abbas­san­do­la o for­nen­do gra­tui­ta­men­te pro­dot­ti igie­ni­ci alle per­so­ne più biso­gno­se: i tem­pi sono matu­ri anche qui in Ita­lia, però ci vuo­le un inco­rag­gia­men­to ulte­rio­re per vin­ce­re la reti­cen­za del­la poli­ti­ca sugli assorbenti.

La pover­tà mestrua­le non spa­ri­sce facen­do fin­ta che non esi­sta o più sem­pli­ce­men­te non par­lan­do­ne, non sia­mo a Zugar­ra­mur­di, la poli­ti­ca ser­ve ad affron­ta­re i pro­ble­mi e pro­va­re a risol­ver­li, a par­ti­re anche da mozio­ni come questa.

SCARICA LA MOZIONE

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Era il 23 settembre quando il Presidente del Consiglio Mario Draghi, all’Assemblea di Confindustria, dice “Il governo non aumenterà le tasse, è il momento di dare non prendere”. Quello che viene da chiedersi, guardando la timidissima manovra, è a chi diamo, e soprattutto a chi non diamo.
La Ministra dell’Interno Lamorgese dovrebbe chiarire quale sia l’intenzione del governo circa la sorte degli ottocento precari rimasti in carico presso le sedi di servizio interessate dalle procedure di regolarizzazione e delle medesime istanze sospese.
La priorità è difendere la vittima, difendere chi denuncia, anche e soprattutto quando lo Stato chiede espressamente alla vittima di denunciare per poter intervenire.