La Marina Militare italiana viola la Convenzione di Ginevra

Il Giu­di­ce per le Inda­gi­ni Pre­li­mi­na­ri di Cata­nia ha con­va­li­da­to il seque­stro del­la nave del­la ong spa­gno­la Open Arms ma ha scon­fes­sa­to cla­mo­ro­sa­men­te l’odiosa e infon­da­ta ipo­te­si accu­sa­to­ria di asso­cia­zio­ne a delin­que­re fina­liz­za­ta all’immigrazione clan­de­sti­na for­mu­la­ta dal Pro­cu­ra­to­re Zuc­ca­ro.

Ave­va­mo spie­ga­to fin dal­le pri­me bat­tu­te di que­sta incre­scio­sa vicen­da che il rea­to con­te­sta­to era insus­si­sten­te, per­ché sal­va­re per­so­ne in mare è un pre­ci­so dove­re giu­ri­di­co (se non bastas­se un basi­la­re impe­ra­ti­vo eti­co) e per­ché impe­di­re il respin­gi­men­to (refou­le­ment) “in qual­sia­si modo” (come dice chia­ris­si­ma­men­te la Con­ven­zio­ne di Gine­vra sul­la pro­te­zio­ne dei rifu­gia­ti) di richie­den­ti asi­lo ver­so pae­si, come la Libia, che non han­no rati­fi­ca­to det­ta Con­ven­zio­ne, costi­tui­sce una dove­ro­sa appli­ca­zio­ne dell’art. 10 del­la Costi­tu­zio­ne italiana.

Ma dall’ordinanza del GIP — come ripor­ta­to pun­tual­men­te dal sito famigliacristiana.it — emer­ge un qua­dro di inau­di­ta gra­vi­tà. Die­tro la richie­sta di con­se­gna­re i migran­ti sal­va­ti in mare alla guar­dia costie­ra libi­ca c’è nien­te­me­no che la Mari­na Mili­ta­re ita­lia­na, che con una sua uni­tà nava­le al lar­go di Tri­po­li sta­reb­be coor­di­nan­do le mili­zie tri­po­li­ta­ne in fun­zio­ne anti-sbar­chi.

Ci tro­via­mo di fron­te ad una fla­gran­te vio­la­zio­ne dell’art. 33 del­la Con­ven­zio­ne di Gine­vra che con­tem­pla il fon­da­men­ta­le prin­ci­pio di dirit­to uma­ni­ta­rio noto come non-refou­le­ment: “Nes­su­no Sta­to Con­traen­te espel­le­rà o respin­ge­rà, in qual­sia­si modo, un rifu­gia­to ver­so i con­fi­ni di ter­ri­to­ri in cui la sua vita o la sua liber­tà sareb­be­ro minac­cia­te a moti­vo del­la sua raz­za, del­la sua reli­gio­ne, del­la sua cit­ta­di­nan­za, del­la sua appar­te­nen­za a un grup­po socia­le o del­le sue opi­nio­ni politiche.”

Noi sia­mo con Open Arms, noi sia­mo Open Arms: noi denun­cia­mo al Pre­si­den­te Mat­ta­rel­la e alle auto­ri­tà dell’Unione Euro­pea que­sta igno­mi­nio­sa bar­ba­rie, que­sto vio­len­to strap­po alla Costi­tu­zio­ne e al dirit­to uma­ni­ta­rio inter­na­zio­na­le. Noi chie­dia­mo che la Mini­stra del­la Dife­sa rife­ri­sca imme­dia­ta­men­te al Par­la­men­to. Noi chie­dia­mo che la Magi­stra­tu­ra incri­mi­ni chi sta com­met­ten­do cri­mi­ni con­tro l’umanità (in Libia i migran­ti trat­te­nu­ti o respin­ti sono pri­va­ti del­la liber­tà per­so­na­le, tor­tu­ra­ti, abu­sa­ti, vio­len­ta­ti, ven­du­ti come schia­vi) per inter­po­ste mili­zie tripolitane.

Giu­sep­pe Civati
Andrea Mae­stri

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.