Possibile e Diem25: un invito al confronto

Incontriamoci di nuovo, con i rappresentati italiani e europei di Diem25, per confrontarci sul piano politico programmatico e democratico, da subito

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Siamo nati con un pro­fi­lo dichia­ra­ta­men­te euro­pei­sta, un pro­fi­lo che è anche un’a­spi­ra­zio­ne a un’Eu­ro­pa diver­sa. Tan­to più demo­cra­ti­ca quan­to neces­sa­ria: una dimen­sio­ne non può pre­scin­de­re dal­l’al­tra, per­ché nel con­te­sto attua­le è solo un’U­nio­ne pro­fon­da­men­te diver­sa che può affron­ta­re le enor­mi sfi­de glo­ba­li che già ora si pre­sen­ta­no alle nostre por­te, sen­za che gli sta­ti abbia­no gli stru­men­ti ade­gua­ti per far­vi fronte.

Da tem­po dicia­mo che per supe­ra­re gli egoi­smi nazio­na­li e tro­va­re solu­zio­ni comu­ni a sfi­de comu­ni, ser­vo­no anche par­ti­ti più euro­pei, cor­pi inter­me­di più euro­pei, stam­pa e dibat­ti­to più euro­pei, piaz­ze più euro­pee. E per que­sto insi­stia­mo coi nostri part­ner euro­pei, come abbia­mo fat­to nel 2016 a Madrid ospi­ti di Pode­mos insie­me alla Lin­ke e alla squa­dra di Ber­nie San­ders, sul fat­to che ser­va una con­ver­gen­za del­le forze pro­gres­si­ste ed eco­lo­gi­ste euro­pee attor­no a una comu­ne visio­ne del futu­ro, a par­ti­re da bat­ta­glie mol­to con­cre­te da por­ta­re avan­ti insie­me attra­ver­so i confini.

Ecco per­ché a Bru­xel­les Elly Schlein ha lan­cia­to insie­me a tan­ti col­le­ghi di fami­glie poli­ti­che e par­ti­ti diver­si il Pro­gres­si­ve Cau­cus, che nasce pro­prio con que­sto sco­po. Ed ecco per­ché abbia­mo segui­to con mol­to inte­res­se il lavo­ro di Diem25, sin da subi­to, incon­tran­do Yanis Varou­fa­kis all’Acquario Roma­no due anni fa, in occa­sio­ne del­la pre­sen­ta­zio­ne ita­lia­na del movi­men­to. Un anno dopo di nuo­vo a Roma chie­den­do di par­ti­re insie­me dal­la bat­ta­glia per la giu­sti­zia fisca­le, «nel­la con­vin­zio­ne — scri­ve­va­mo allo­ra — che par­ti­ti e movi­men­ti deb­ba­no con­fron­tar­si nel rispet­to reci­pro­co e che l’errore più gran­de sareb­be quel­lo di non rico­no­sce­re che qual­cu­no sui temi che Varou­fa­kis sol­le­ci­ta si è già mos­so: a livel­lo euro­peo (pen­so ad alcu­ne que­stio­ni poste dai Ver­di, soprat­tut­to sul model­lo di svi­lup­po e sull’indirizzo da dare agli inve­sti­men­ti euro­pei, per una vera tran­si­zio­ne eco­lo­gi­ca) e a livel­lo nazionale».

Con le stes­se ragio­ni, dopo Mar­si­glia e Napo­li, lavo­ria­mo per la nasci­ta di que­sta sini­stra, per­ché «sol­tan­to se la sini­stra sarà euro­pea, con­di­vi­sa, sul­la base di bat­ta­glie con­cre­te che pos­sa­no diven­ta­re di tut­ti, attra­ver­sa­re un dibat­ti­to pub­bli­co final­men­te euro­peo, sarà una for­za poli­ti­ca degna di que­sto nome».

E l’ab­bia­mo ripe­tu­to anche duran­te la cam­pa­gna per le poli­ti­che quan­do, con Giu­sep­pe Civa­ti e Elly Schlein, abbia­mo rilan­cia­to «una “mul­ti­na­zio­na­le dei dirit­ti” che sap­pia fare poli­ti­ca alle pre­se con un mon­do dove il pote­re attra­ver­sa e supe­ra le nazio­ni, i par­la­men­ti e i gover­ni, dove que­sti ulti­mi sono spes­so a dispo­si­zio­ne dei poten­ti e sem­pre meno dei popo­li che dovreb­be­ro rappresentare».

A mag­gior ragio­ne oggi tor­nia­mo sul­l’ar­go­men­to: incon­tria­mo­ci di nuo­vo, con i rap­pre­sen­ta­ti ita­lia­ni e euro­pei di Diem25, per con­fron­tar­ci sul pia­no poli­ti­co pro­gram­ma­ti­co e demo­cra­ti­co, da subi­to. Con­si­de­ra­te­lo un invi­to uffi­cia­le, da Pos­si­bi­le a Diem25, a con­fron­tar­ci sul comu­ne obiet­ti­vo di costrui­re un fron­te pro­gres­si­sta ed eco­lo­gi­sta euro­peo, in gra­do di com­bat­te­re bat­ta­glie comu­ni attra­ver­so i con­fi­ni, e che sap­pia coglie­re la sfi­da del gover­no.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.