Oggi a Marsiglia con tanti partiti e movimenti della sinistra europea

Sin dal­la fon­da­zio­ne di Pos­si­bi­le abbia­mo insi­sti­to sul fat­to che una for­za di sini­stra moder­na non pos­sa dir­si tale sen­za pro­iet­tar­si imme­dia­ta­men­te in una dimen­sio­ne euro­pea.
Per que­sto con il segre­ta­rio Giu­sep­pe Civa­ti abbia­mo ade­ri­to all’appello per la crea­zio­ne di un Forum per­ma­nen­te del­lo for­ze pro­gres­si­ste euro­pee, che tro­va­te qui sot­to, par­ten­do da una con­si­de­ra­zio­ne mol­to sem­pli­ce, che abbia­mo spes­so con­di­vi­so anche con Varou­fa­kis e gli ami­ci di Diem25: l’“Internazionale nazio­na­li­sta” sta usan­do lo stes­so discor­so d’odio in tan­ti diver­si con­te­sti nazio­na­li. Lo sta facen­do con nuo­vi pro­ta­go­ni­sti che si raf­for­za­no a vicen­da, da Trump a Le Pen, da Sal­vi­ni a Farage.
Per con­tra­star­li effi­ca­ce­men­te c’è la neces­si­tà asso­lu­ta che la sini­stra rispon­da con un fron­te pro­gres­si­sta euro­peo, capa­ce di comu­ni­ca­re una visio­ne comu­ne del futu­ro del­le nostre socie­tà, a par­ti­re da bat­ta­glie con­cre­te e con­di­vi­se sul­le gran­di sfi­de che ci tro­via­mo di fron­te, nes­su­na del­le qua­li può esse­re più risol­ta entro i ristret­ti con­fi­ni nazionali.

Oggi e doma­ni sarò a Mar­si­glia, in rap­pre­sen­tan­za di Pos­si­bi­le, al Mar­seil­le Euro­pean Forum dove, insie­me a tan­ti altri par­ti­ti e movi­men­ti del­la sini­stra euro­pea, rimar­che­re­mo la neces­si­tà di fare fron­te comu­ne rispet­to a sfi­de e dif­fi­col­tà che sono comu­ni, a par­ti­re da bat­ta­glie con­cre­te come quel­la con­tro le dise­gua­glian­ze, con­tro l’eva­sio­ne ed elu­sio­ne fisca­le, per un’acco­glien­za degna, per un’Euro­pa socia­le e per la tran­si­zio­ne eco­lo­gi­ca sem­pre più irrimandabile.

Un pro­ces­so vivo anche al Par­la­men­to euro­peo, dove con col­le­ghi di altri par­ti­ti e movi­men­ti del­la sini­stra euro­pea, abbia­mo dato vita tem­po fa al Pro­gres­si­ve Cau­cus, dotan­do­ci di una piat­ta­for­ma comu­ne di bat­ta­glie con­di­vi­se che por­tia­mo avan­ti in Par­la­men­to e fuori.

Ecco il testo dell’appello cui abbia­mo aderito:

The Euro­pean Union is going throu­gh a long-lasting cri­sis, an exi­sten­tial cri­sis. All the peo­ples of Euro­pe, whe­ther or not they are mem­bers of the Union, suf­fer from auste­ri­ty poli­cies and ter­ri­ble ine­qua­li­ties. Pea­ce and cli­ma­te are threatened.

We have had enou­gh of this anti­so­cial, autho­ri­ta­rian, gree­dy and sel­fish Euro­pe. We do not accept that the only alter­na­ti­ve would be com­pe­ti­tion bet­ween the popu­li­st, xeno­pho­bic and extre­me right-wing natio­na­li­st for­ces sepa­ra­ting Euro­pean peo­ples, and the for­ces which pro­po­se a streng­the­ning of the auste­ri­ta­rian neo­li­be­ral poli­cies resul­ting from the trea­ties. This gear pre­pa­res or feeds an autho­ri­ta­rian trend in many coun­tries of the Union, with the war of eve­ry­bo­dy again­st eve­ry­bo­dy as the only future.

This is too dan­ge­rous, espe­cial­ly after the elec­tion of Donald Trump. It is a huge waste when the­re are so many chal­len­ges for pea­ce and the con­struc­tion of a new social and eco­lo­gi­cal model for the deve­lo­p­ment of humanity.

We are the ones who are loo­king for ano­ther path: that of buil­ding a Euro­pe of social and eco­lo­gi­cal pro­gress, a femi­ni­st and anti-raci­st Euro­pe, a demo­cra­tic, wel­co­ming and pea­ce­ful Europe.

We know that we are many who share this desi­re, and that the peo­ples of Euro­pe can chan­ge the cour­se of histo­ry. We know that our gathe­ring is urgent and awai­ted throu­ghout Euro­pe and beyond.

Only the uni­ty of our for­ces will allow for chan­ge. It is time to build a com­mon front, break the walls and open a wide deba­te to pro­du­ce pro­gres­si­ve solu­tions toge­ther. We must meet, deba­te – without taboo and without exclu­si­vi­ty – about the con­ver­gen­ces, soli­da­ri­ties, com­mon objec­ti­ves to be found to reach this objective.

We pro­po­se to crea­te an annual forum of pro­gres­si­ve for­ces of Euro­pe, a new spa­ce for long-term poli­ti­cal coo­pe­ra­tion, brin­ging toge­ther a very broad panel of left, green and pro­gres­si­ve par­ties, of plat­forms and poli­ti­cal move­men­ts, tra­de union and social orga­ni­sa­tions, NGOs, intel­lec­tuals and citi­zens move­men­ts from all over Euro­pe. We want a use­ful Forum to coor­di­na­te the various ini­tia­ti­ves that are taking pla­ce in Euro­pe and to build all the pos­si­ble joint actions.

Our pro­po­sal is that of a pro­cess, whe­re each for­ce is invi­ted to co-deve­lop at all sta­ges, a pro­cess that seeks to expand eve­ry day.

Let’s start in Mar­seil­le, 10 and 11 Novem­ber 2017, for the fir­st edi­tion of this forum!

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.