Come l’elusione fiscale manda in pezzi il nostro tessuto economico

Mentre un gruppo medio-grande chiude, i suoi diretti concorrenti non sorridono, stretti come sono nella morsa di multinazionali molto agguerrite e che godono di regimi fiscali agevolati.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Sono 43 i pun­ti ven­di­ta Tro­ny chiu­si in tut­ta Ita­lia a cau­sa del fal­li­men­to del­la DPS, socie­tà che ha il mag­gio­re pac­chet­to di azien­de com­mer­cia­li a inse­gna Tro­ny. La cate­na di elet­tro­do­me­sti­ci negli ulti­mi gior­ni ha abbas­sa­to le ser­ran­de anche in Vene­to: ad Albi­gna­se­go, Con­sel­ve, Zero Bran­co e qui a S. Maria di Sala (al Cen­tro Prisma).

Il tri­bu­na­le fal­li­men­ta­re di Mila­no ne ha dichia­ra­to il fal­li­men­to lo scor­so 15 mar­zo nomi­nan­do il cura­to­re che dovrà occu­par­si di liqui­da­re i for­ni­to­ri e diri­me­re la que­stio­ne dei dipen­den­ti rima­sti sen­za lavo­ro (800 per­so­ne in tut­ta Ita­lia).

Pos­si­bi­le Sale­se espri­me pie­na soli­da­rie­tà ai lavo­ra­to­ri e a colo­ro che si tro­va­no nell’incertezza rispet­to al pro­prio futu­ro lavo­ra­ti­vo e chie­de l’impegno del­la Giun­ta, in pri­mis del Sin­da­co, affin­chè si tro­vi­no solu­zio­ni che per­met­ta­no di man­te­ne­re i posti di lavo­ro e si dia segui­to all’in­vi­to di chi già si è pro­po­sto di suben­tra­re nei nego­zi chiusi.

Pos­si­bi­le Sale­se invi­ta inol­tre il Con­si­glio Comu­na­le a pro­nun­ciar­si e ad atti­var­si a soste­gno dei lavo­ra­to­ri e del­le for­ze sin­da­ca­li per la ricer­ca di una solu­zio­ne. La spe­ran­za è che ci sia l’in­ter­ven­to di ter­zi che acqui­si­sca­no la rete ven­di­ta suben­tran­do alla Dps, ria­pren­do i nego­zi e rilan­cian­do il marchio.

Segna­lia­mo, inol­tre, la moda­li­tà scel­ta per comu­ni­ca­re il desti­no dei pun­ti ven­di­ta Tro­ny a chi ci lavo­ra­va: i dipen­den­ti han­no rac­con­ta­to di aver sapu­to del­la chiu­su­ra dei nego­zi con un mes­sag­gio su Wha­tsApp. Ricor­da l’SMS invia­to ai lavo­ra­to­ri inte­ri­na­li del­lo stabi­li­men­to FCA di Cas­si­no, quel ”Ci aggior­nia­mo’’ che li infor­ma­va che dal gior­no suc­ces­si­vo non si sareb­be­ro più dovu­ti reca­ti in fab­bri­ca. Un altro modo per disu­ma­niz­za­re i rap­por­ti di lavo­ro che ten­do­no, sem­pre di più, ver­so i model­li già spe­ri­men­ta­ti da altri gran­di grup­pi. Il lavo­ra­to­re che diven­ta solo un nume­ro, for­za lavo­ro rim­piaz­za­bi­le da cui trar­re il mas­si­mo rendimento.

Ma men­tre un grup­po medio-gran­de chiu­de, i suoi diret­ti con­cor­ren­ti non sor­ri­do­no, stret­ti come sono nel­la mor­sa di mul­ti­na­zio­na­li mol­to agguer­ri­te e che godo­no di regi­mi fisca­li age­vo­la­ti. Lo scor­so otto­bre la Com­mis­sio­ne Euro­pea ha chie­sto ad Ama­zon 250 milio­ni di euro per impo­ste non paga­te sul­le atti­vi­tà euro­pee del colos­so del­l’e-com­mer­ce (nel men­tre l’Ue ha cita­to pres­so la Cor­te Euro­pea l’Ir­lan­da per non esser­si fat­ta paga­re da Apple 13 miliar­di di euro di tas­se dovute).

Quel­la di Ama­zon non può esse­re però defi­ni­ta come una vera e pro­pria eva­sio­ne fisca­le. Si trat­ta tec­ni­ca­men­te di una astu­ta e com­ples­sa for­ma di elu­sio­ne del­le impo­ste, che ha ori­gi­ne in Lus­sem­bur­go e si attua tra­mi­te tax ruling. Cioè accor­di che le auto­ri­tà fisca­li dei pae­si euro­pei han­no sti­pu­la­to negli anni pas­sa­ti con le mul­ti­na­zio­na­li stra­nie­re, per con­ce­de­re loro un trat­ta­men­to fisca­le di favo­re: è sta­to per­mes­so alle mul­ti­na­zio­na­li di dedur­re dal red­di­to impo­ni­bi­le del­le voci di costo, come quel­le per la ricer­ca e lo svi­lup­po, affron­ta­te a livel­lo glo­ba­le in tut­ti i Pae­si in cui ope­ra­no. L’ef­fet­to è appun­to quel­lo di gon­fia­re le com­po­nen­ti nega­ti­ve di red­di­to, ridu­cen­do i rica­vi e pagan­do meno imposte.

Il tax ruling è una pras­si scor­ret­ta e lesi­va del­la con­cor­ren­za, per­ché fa sì che le mul­ti­na­zio­na­li abbia­no un cari­co fisca­le infe­rio­re a qual­sia­si pic­co­la e media impre­sa loca­le. Un mec­ca­ni­smo uti­liz­za­to già da AppleFiatAma­zon, Goo­gle, Star­bucks e anche McDonald’s. In Ita­lia gli accor­di segre­ti sono 78, le mul­ti­na­zio­na­li fir­ma­ta­rie godo­no di un trat­ta­men­to fisca­le pri­vi­le­gia­to, con­se­guen­do for­ti bene­fi­ci fisca­li e man­te­nen­do di con­se­guen­za un con­si­de­re­vo­le van­tag­gio com­pe­ti­ti­vo.

Da un paio d’an­ni la Com­mis­sio­ne Euro­pea ha ini­zia­to a met­te­re nel miri­no le pra­ti­che di tax ruling, vie­tan­do­ne la segre­tez­za e con­si­de­ran­do­le alla stre­gua di aiu­ti di Sta­to masche­ra­ti, con­tra­ri alle nor­me Ue.

Come può Tro­ny (o qual­sia­si altra impre­sa non mul­ti­na­zio­na­le) com­pe­te­re in un siste­ma così chia­ra­men­te a favo­re di que­sti colossi?

Il Par­la­men­to euro­peo, gra­zie anche all’im­pe­gno costan­te di Elly Schlein, è impe­gna­to in una bat­ta­glia ser­ra­ta per met­te­re fine agli abu­si, ma la stra­da è tut­ta in sali­ta. Anche per­ché le gran­di mul­ti­na­zio­na­li han­no schie­ra­to l’artiglieria pesan­te: con il truc­co degli accor­di fisca­li rie­sco­no a strap­pa­re con­di­zio­ni da para­di­si fisca­li nel cuo­re del­l’Eu­ro­pa. Tre anni dopo lo scan­da­lo Lux­Leaks che mise a nudo i rap­por­ti fisca­li segre­ti tra gover­ni e colos­si indu­stria­li, il nume­ro di accor­di con­ti­nua ad aumen­ta­re. Men­tre l’Unione Euro­pea può inter­ve­ni­re – solo quan­do le inte­se fisca­li segre­te si rive­la­no aiu­ti di Sta­to tali da con­di­zio­na­re la libe­ra con­cor­ren­za (come per il caso Apple in Irlanda).

Alla fine del 2016, tra le note del Def, il mini­ste­ro dell’Economia ave­va cal­co­la­to che solo all’Italia man­ca­no alme­no 31 miliar­di di base impo­ni­bi­le. Tra­dot­to, con un tas­sa­zio­ne media per le impre­se del 30% man­ca­no 10 miliar­di di get­ti­to fisca­le: lo 0,6% del Pil. Una cifra con cui si potreb­be finan­zia­re un pia­no di soste­gno al red­di­to, la crea­zio­ne di nuo­vi posti di lavo­ro sul set­to­re del­le ener­gie alter­na­ti­ve e del­l’e­co­no­mia green o a evi­ta­re l’aumento dell’Iva del­le famo­se clau­so­le di sal­va­guar­dia che, come una pal­la al pie­de, ci tra­sci­nia­mo avan­ti un anno dopo l’al­tro. Richard Mur­phy, ave­va cal­co­la­to che l’evasione fisca­le in Euro­pa ammon­ta a cir­ca 850 miliar­di, men­tre l’elusione vale altri 150 miliar­di di euro.

In un qua­dro di que­sto tipo i cit­ta­di­ni e altri atto­ri eco­no­mi­ci, come le pic­co­le e medie impre­se, avreb­be­ro il dirit­to di esse­re infor­ma­ti e poter giu­di­ca­re il trat­ta­men­to fisca­le riser­va­to dal pro­prio Sta­to alle mul­ti­na­zio­na­li. Le deci­sio­ni con­fi­den­zia­li assun­te da un Pae­se, infat­ti, han­no impat­ti sul­la con­tri­bu­zio­ne fisca­le in tan­ti altri Pae­si. Che il più del­le vol­te sono anche i Pae­si più poveri.

Ste­fa­no Artusi

Pos­si­bi­le Sale­se[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?