In marcia contro il caporalato

[vc_row][vc_column][vc_column_text css=”.vc_custom_1491557856687{margin-top: 20px !important;}”][/vc_column_text][vc_column_text]Si chia­ma capo­ra­la­to ma c’è den­tro un bel maz­zo di que­stio­ni che ci stan­no ter­ri­bil­men­te a cuo­re: c’è il lavo­ro svi­li­to che con­si­de­ra le per­so­ne un tan­to al chi­lo, c’è la cri­mi­na­li­tà che si orga­niz­za tra i buchi dei man­ca­ti con­trol­li, c’è l’immi­gra­zio­ne che diven­ta mano­va­lan­za a dispo­si­zio­ne del­le mafie e c’è l’indif­fe­ren­za intor­no che con­su­ma sen­za por­si trop­pe domande.

Lo chia­mia­mo capo­ra­la­to ma coin­vol­ge una schie­ra che non sta solo in mez­zo ai cam­pi. Come abbia­mo scrit­to nel nostro appel­lo (fir­ma­to da noi con Leo­nar­do Pal­mi­sa­no e Mar­co Omiz­zo­lo che di capo­ra­la­to si occu­pa­no tut­ti i gior­ni da anni): “il capo­ra­le è l’ultimo anel­lo di una cate­na che sal­da diver­si inte­res­si all’insegna del­la ridu­zio­ne dei costi: dal­la gran­de distri­bu­zio­ne che sta­bi­li­sce il prez­zo, pas­san­do per i media­to­ri e i pro­dut­to­ri che cer­ca­no di mas­si­miz­za­re il loro pro­fit­to. E spes­so nell’affare entra­no anche le mafie, che con­trol­la­no buo­na par­te del­la filie­ra, a par­ti­re dai mer­ca­ti orto­frut­ti­co­li, le gran­di cen­tra­li di rac­col­ta, smi­sta­men­to e tra­spor­to dei pro­dot­ti orto­frut­ti­co­li col­ti­va­ti in Ita­lia o impor­ta­ti dall’estero. Tal­vol­ta con la com­pli­ci­tà del­la poli­ti­ca locale”.

Per que­sto Pos­si­bi­le ade­ri­sce alla Mar­cia nazio­na­le con­tro la mafia del capo­ra­la­to di lune­dì 17 apri­le: per­ché noi in mar­cia ci sia­mo da tem­po e non abbia­mo nes­su­na inten­zio­ne di fer­mar­ci. Chie­dia­mo il ritor­no alla cen­tra­li­tà del col­lo­ca­men­to pub­bli­co; una pro­cu­ra nazio­na­le anti­ca­po­ra­la­to; una pro­cu­ra anti­ma­fia a Fog­gia; l’aumento del nume­ro degli ispet­to­ri del lavo­ro; una leg­ge che con­sen­ta di crea­re anche in agri­col­tu­ra coo­pe­ra­ti­ve di pro­du­zio­ne lavo­ro; un siste­ma di acco­glien­za dif­fu­so nei cen­tri urba­ni che coin­vol­ga diret­ta­men­te le comu­ni­tà; la tra­du­zio­ne in lin­gue stra­nie­re del­la leg­ge con­tro il capo­ra­la­to; l’abolizione del rea­to di clan­de­sti­ni­tà; il supe­ra­men­to del­la Bos­si-Fini, pre­ve­den­do stru­men­ti di ingres­so per la ricer­ca di lavo­ro e moda­li­tà di rego­la­riz­za­zio­ne attra­ver­so il lavo­ro; mec­ca­ni­smi che per­met­ta­no alle vit­ti­me di sfrut­ta­men­to di ave­re acces­so rapi­do a inden­niz­zi, risar­ci­men­ti e retri­bu­zio­ni arre­tra­te; misu­re che ren­da­no estre­ma­men­te tra­spa­ren­te la filie­ra pro­dut­ti­va, a par­ti­re da un’etichettatura che trac­ci i sin­go­li for­ni­to­ri; pro­get­ti di assi­sten­za e for­ma­zio­ne a livel­lo nazio­na­le e regio­na­le qua­li­fi­ca­ti a soste­gno dei per­cor­si di eman­ci­pa­zio­ne dei lavo­ra­to­ri e del­le lavo­ra­tri­ci; poli­ti­che di wel­fa­re a soste­gno dei lavo­ra­to­ri e del­le lavo­ra­tri­ci, soprat­tut­to se costret­te a subi­re oltre allo sfrut­ta­men­to anche vio­len­ze fisi­che, ses­sua­li e ricat­ti di varia natura.

Per ade­ri­re all’ap­pel­lo basta anda­re qui. Men­tre qui tro­va­te l’e­ven­to Facebook.

Giu­lio Cavalli

Ste­fa­no Cato­ne[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.