Il riscatto dell’Europa passa dalle donne

Lo abbia­mo det­to agli Sta­ti Gene­ra­li del­le Don­ne di Pos­si­bi­le.
Lo abbia­mo scrit­to sul­la tes­se­ra di Pos­si­bi­le del 2019.
Lo abbia­mo riba­di­to sot­to­scri­ven­do l’appello per la costru­zio­ne di un’unica lista alle Euro­pee, fem­mi­ni­sta, eco­lo­gi­sta e pro­gres­si­sta: le don­ne sono l’unica vera oppo­si­zio­ne allo sta­to pie­to­so, dan­no­so, ter­mi­na­le in cui ver­sa la Poli­ti­ca in ogni ango­lo del mon­do.

Lo sono soprat­tut­to le ragaz­ze più gio­va­ni, quel­le che inve­ce que­sto Pae­se mor­ti­fi­ca, che vor­reb­be solo come mam­me chiu­se in casa a fare figli, quel­le più bra­ve a scuo­la dei loro col­le­ghi maschi, quel­le che si lau­rea­no pri­ma e meglio, quel­le che tro­va­no tut­te le por­te chiu­se se pro­va­no a fare car­rie­ra, quel­le a cui con beni­gni­tà vie­ne offer­to uno sta­ge non paga­to, “che poi vedia­mo se sei abba­stan­za carina”.

Il riscat­to di que­sto Pae­se pas­sa da loro. E inve­ce stia­mo rinun­cian­do siste­ma­ti­ca­men­te alle nostre risor­se miglio­ri, in ogni settore.

Pos­si­bi­le ha deci­so di fare la pro­pria par­te. Oltre a fir­ma­re appel­li e a implo­ra­re un pro­ta­go­ni­smo che nes­su­no con­ce­de, abbia­mo fat­to nostri gli impe­gni sot­to­scrit­ti nell’appello per una lista fem­mi­ni­sta. Su 15 can­di­da­tu­re che Pos­si­bi­le espri­me nel­la lista Euro­pa Ver­de, 13 sono don­ne.

Chia­ra Ber­to­gal­li, Mar­ti­na Com­pa­rel­li, Anna­li­sa Cor­ra­do, Nico­let­ta Den­ti­co, Fran­ce­sca Druet­ti, Anna Chia­ra For­te, Fatou Boro Lo, Sil­via Paro­di, Fil­ly Pol­lin­zi, Bene­det­ta Rinal­di, Chia­ra Ros­si­ni,  Ema­nue­la Tri­mar­chi.

Sono can­di­da­tu­re di valo­re e spes­so­re, che pos­so­no por­ta­re un rea­le cam­bia­men­to nel­le isti­tu­zio­ni e nel­la qua­li­tà dell’azione poli­ti­ca. Sono can­di­da­ta anche io insie­me a loro per sup­por­tar­le nel modo più for­te pos­si­bi­le, per met­ter­ci la fac­cia, per con­di­vi­de­re insie­me a loro que­ste set­ti­ma­ne inten­se e for­tis­si­me, in cui potre­mo riba­di­re con mag­gio­re for­za il sen­so del nostro impegno.

Sia­mo tut­te deter­mi­na­te a cam­bia­re un siste­ma che ci mor­ti­fi­ca, ci squa­li­fi­ca, ci pri­va di pos­si­bi­li­tà e, spes­so, di futu­ro.

Lo fac­cia­mo per noi, per le nostre figlie e sorel­le che ogni gior­no di più per­do­no voce e dirit­ti in una socie­tà sem­pre più patriar­ca­le. Lo fac­cia­mo per il nostro Pae­se ogni gior­no più imbrut­ti­to dall’odio e dal­la vio­len­za, ver­ba­le, fisi­ca, istituzionale. 

Lo fac­cia­mo per chi non ne ha la for­za e anche per chi cre­de che nul­la può cam­bia­re. E inve­ce sap­pia­mo che cia­scu­na di noi può fare la dif­fe­ren­za.

Sap­pia­mo che è una sfi­da dif­fi­ci­lis­si­ma, ma cal­co­li e pal­lot­to­lie­ri non fan­no per noi. Non abbia­mo pau­ra, per­ché sap­pia­mo che non c’è più tem­po, il momen­to di assu­mer­si le pro­prie respon­sa­bi­li­tà, di fare rete insie­me, di rea­gi­re a poli­ti­che regres­si­ve e peri­co­lo­se è ora.

E ora toc­ca a noi.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il dare una pacca sul sedere a una donna non è percepito dalla maggioranza dell’opinione pubblica, e intendo non solo maschile, come una cosa grave, come un reato, ma solo, al massimo, come una sciocchezza, uno scherzo, un piccolo, insignificante, errore in una carriera di vita immacolata.