Dalla parte degli animali

Per noi tutti gli esseri viventi sono importanti, compresi gli animali. Per questo pensiamo di avere l’obbligo morale di dar loro voce! Il manifesto che pubblichiamo, 14 punti per un benessere animale possibile, è il risultato di un lavoro che va avanti - con il prezioso contributo delle associazioni animaliste - fin dalla scorsa legislatura, e che vogliamo portare nel Parlamento Europeo con Europa Verde.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Per noi tut­ti gli esse­ri viven­ti sono impor­tan­ti, com­pre­si gli ani­ma­li. Per que­sto pen­sia­mo di ave­re l’obbligo mora­le di dar loro voce!

Il mani­fe­sto che segue, 14 pun­ti per un benes­se­re ani­ma­le pos­si­bi­le, è il risul­ta­to di un lavo­ro che va avan­ti — con il pre­zio­so con­tri­bu­to del­le asso­cia­zio­ni ani­ma­li­ste — fin dal­la scor­sa legi­sla­tu­ra, e che voglia­mo por­ta­re nel Par­la­men­to Euro­peo con Euro­pa Verde.

 

Pene più dure per chi mal­trat­ta gli animali

La nor­ma­ti­va vigen­te non è suf­fi­cien­te a garan­ti­re pene cer­te per chi mal­trat­ta o sevi­zia gli ani­ma­li, è neces­sa­rio col­ma­re un tale vuoto.

 

Con­tra­sto al com­mer­cio ille­ga­le di cuccioli 

È sem­pre più dila­gan­te il com­mer­cio ille­ga­le di cuc­cio­li di cane costret­ti a viag­gia­re per gior­ni in  atro­ci con­di­zio­ni. Van­no pre­vi­sti mag­gio­ri con­trol­li doga­na­li, radia­zio­ne dall’Albo dei vete­ri­na­ri com­pia­cen­ti e ina­spri­men­to del­le san­zio­ni per com­mer­cian­ti e trafficanti. 

 

Ridu­zio­ne Iva su ali­men­ti desti­na­ti agli ani­ma­li d’affezione

In Ita­lia l’I­VA al 22% per i pro­dot­ti ali­men­ta­ri desti­na­ti ai nostri ami­ci ani­ma­li è fra le più alte d’Eu­ro­pa. Voglia­mo ridur­la, per­ché adot­ta­re in fami­glia un ani­ma­le non può e non deve esse­re un lusso. 

 

Far­ma­ci ad uso uma­no anche per animali

La leg­ge attua­le impo­ne di usa­re il far­ma­co vete­ri­na­rio per gli ani­ma­li e solo in via ecce­zio­na­le la ver­sio­ne uma­na, nono­stan­te i costi con­si­de­re­vol­men­te più alti, a fron­te del mede­si­mo prin­ci­pio atti­vo. Va modi­fi­ca­ta la nor­ma nell’interesse comu­ne dei pro­prie­ta­ri, degli ani­ma­li dome­sti­ci e del­la salu­te pubblica. 

 

Detra­zio­ne fisca­le del­le le spe­se veterinarie

Van­no abro­ga­te le fran­chi­gie ai fini del­la detra­zio­ne e assi­mi­la­re la detra­zio­ne del­le spe­se vete­ri­na­rie soste­nu­te per gli ani­ma­li dome­sti­ci alle spe­se mediche.

 

Nor­ma­ti­va per vie­ta­re agli spet­ta­co­li che fan­no uso di animali

Tutti i Pae­si UE, a par­ti­re dall’Italia, devo­no ade­guar­si al con­te­sto nor­ma­ti­vo euro­peo che proi­bi­sce l’utilizzo degli ani­ma­li negli spet­ta­co­li, in par­ti­co­la­re in quel­li circensi.

 

Pre­ven­zio­ne al ran­da­gi­smo e per poli­ti­che di adozione

In Ita­lia il costo socia­le del ran­da­gi­smo a cari­co di Sta­to, Regio­ni e Comu­ni è di cir­ca 285 milio­ni di Euro l’anno, con pesan­tis­si­mi rica­du­te sul­le ammi­ni­stra­zio­ni. Ser­vo­no poli­ti­che mira­te ad incen­ti­va­re le ado­zio­ni e arric­chi­re il qua­dro nor­ma­ti­vo esi­sten­te, pre­ve­den­do nuo­vi adem­pi­men­ti sia per le pub­bli­che ammi­ni­stra­zio­ni sia per i pro­prie­ta­ri e deten­to­ri di animali.

 

Nor­ma­ti­va per il tra­spor­to di ani­ma­li vivi 

È neces­sa­rio disci­pli­na­re il tra­spor­to di ani­ma­li vivi tra i pae­si dell’UE e inten­si­fi­ca­re i con­trol­li con lo sco­po di pre­ve­ni­re sof­fe­ren­ze inu­ti­li agli animali.

 

Alle­va­men­ti inten­si­vi di ani­ma­li desti­na­ti al con­su­mo umano

Una del­le prin­ci­pa­li fon­ti di sof­fe­ren­za per gli ani­ma­li desti­na­ti all’alimentazione uma­na sono le con­di­zio­ni in cui vivo­no negli alle­va­men­ti inten­si­vi. Oltre alle debo­li leg­gi comu­ni­ta­rie in mate­ria, si aggiun­ge lo scar­so con­trol­lo del­la filie­ra. E’ neces­sa­rio ren­de­re il set­to­re più soste­ni­bi­le sot­to il pro­fi­lo ambien­ta­le e pri­va­re la vita degli ani­ma­li di sof­fe­ren­ze inutili.

 

Basta gab­bie!

Tra le prin­ci­pa­li fon­ti di sof­fe­ren­za negli alle­va­men­ti ci sono le gab­bie, dove gli ani­ma­li nasco­no e vivo­no in con­di­zio­ni atro­ci. Soste­nia­mo con­ti­nua­men­te l’Iniziativa dei Cit­ta­di­ni Euro­pei (ICE) “End the Cage” per vie­ta­re in tut­ta Euro­pa le gab­bie negli allevamenti.

 

Basta cac­cia!

La cac­cia è un sport dan­no­so per gli ani­ma­li, per l’ambiente e per l’uomo. Biso­gna lavo­ra­re per la ridu­zio­ne e un mag­gior con­trol­lo del pos­ses­so del­le armi e per una più rigi­da rego­la­men­ta­zio­ne del calen­da­rio vena­to­rio. In Ita­lia un pas­so avan­ti deci­si­vo si fareb­be abo­len­do l’articolo 842 del codi­ce civi­le, che dispo­ne che il pro­prie­ta­rio di un fon­do non può impe­di­re ai cac­cia­to­ri di entra­re in un fon­do di sua proprietà.

 

Ani­mal cruelty-free.

Negli anni si sono dif­fu­se soprat­tut­to nei set­to­ri del­la cosme­si e dell’abbigliamento pro­du­zio­ni eco­lo­gi­che sen­za l’utilizzo di ani­ma­li. Van­no pro­mos­se e incen­ti­va­te le pra­ti­che azien­da­li che rinun­cia­no alla vio­len­za sugli ani­ma­li e rispet­to­se dell’ambiente.

 

Rico­no­sci­men­to del­la Pet The­ra­py qua­le meto­do terapeutico

Diver­se espe­rien­ze mostra­no che  la vici­nan­za e il rap­por­to con un ani­ma­le può svol­ge­re un gran­de bene­fi­cio  per se stes­si ed è gra­do di miglio­ra­re la salu­te fisi­ca o psi­co­lo­gi­ca del­la per­so­na. E’ neces­sa­rio adot­ta­re que­sta “tera­pia” nel­le strut­tu­re ospe­da­lie­re, resi­den­ze per anzia­ni e per il recu­pe­ro dei detenuti. 

 

Edu­ca­zio­ne al rispet­to degli ani­ma­li nel­le scuo­le primarie

È impor­tan­te che l’e­du­ca­zio­ne al rispet­to degli ani­ma­li ini­zi fin da bam­bi­ni. Van­no pre­vi­sti pro­get­ti in tal sen­so all’interno dell’offerta for­ma­ti­va del­la scuo­la dell’obbligo.

Bea­tri­ce Brignone

Can­di­da­ta Euro­pa Ver­de Cir­co­scri­zio­ne Ita­lia Cen­tra­le (Lazio, Mar­che, Tosca­na, Umbria)[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?