Fano: Possibile in campo per garantire occupazione e rispetto dell’ambiente

Le vicende di Profilglass: dal rischio di non poter investire al rifiuto di collaborazione proveniente dalle istituzioni

[vc_row][vc_column][vc_column_text css=”.vc_custom_1496056254374{margin-top: 20px !important;}”][/vc_column_text][vc_column_text]Alla Pro­fil­glass di Fano lavo­ra­no 850 per­so­ne. È un’azienda sana che, in con­tro­ten­den­za con la cri­si di mol­te indu­strie, con­ti­nua a cre­sce­re, tan­to che ha già fat­to inve­sti­men­ti per diver­si­fi­ca­re la pro­du­zio­ne di pro­fi­la­ti in allu­mi­nio nel set­to­re nava­le con la pre­vi­sio­ne di 150 assun­zio­ni cir­ca. Tota­le 1000 dipendenti.

Pro­fil­glass si tro­va nel­la zona indu­stria­le di Bel­loc­chi, il sito pro­dut­ti­vo del nostro ter­ri­to­rio. Accan­to a Pro­fi­glass lavo­ra­no tan­ti altri impren­di­to­ri, più o meno gran­di, e la mag­gior par­te del­le fami­glie, di Fano e zone limi­tro­fe, dipen­de dal­la sta­bi­li­tà eco­no­mi­ca di que­sto luogo.

Eppu­re, qual­che gior­no fa, abbia­mo appre­so dai gior­na­li che Pro­fil­glass rischia di veder com­pro­mes­so il pro­prio svi­lup­po per­ché Ter­na, socie­tà pub­bli­ca che for­ni­sce ener­gia elet­tri­ca alle indu­strie, chie­de all’azienda di con­tri­bui­re alla mes­sa in ope­ra di una nuo­va cen­tra­li­na con un con­tri­bu­to di cir­ca 15 milio­ni di euro.

Allo­ra noi di Pos­si­bi­le ci sia­mo atti­va­ti subi­to. Assie­me all’Onorevole Bea­tri­ce Bri­gno­ne abbia­mo ascol­ta­to il rac­con­to di Pro­fil­glass, stu­dia­to il pia­no ener­ge­ti­co, capi­to come pote­va­mo inter­ve­ni­re fat­ti­va­men­te, e deci­so di pre­sen­ta­re un’interrogazione alla Pre­si­den­za del Con­si­glio e al Mini­stro del­lo Svi­lup­po Eco­no­mi­co Calen­da, per sape­re come è pos­si­bi­le che l’unica socie­tà pub­bli­ca di for­ni­tu­ra di ener­gia alle indu­strie del nostro ter­ri­to­rio pos­sa met­te­re in cri­si il futu­ro di tan­te per­so­ne, con il rischio di una delo­ca­liz­za­zio­ne del­le atti­vi­tà produttive.
Nel frat­tem­po, però, Pro­fi­glass e Ter­na si sono incon­tra­ti; pare abbia­no rag­giun­to una media­zio­ne che met­te d’accordo entram­bi; per­ciò rima­nia­mo dispo­ni­bi­li a inter­ve­ni­re qua­lo­ra fos­se necessario.

Non è fini­ta qui. Inte­res­san­te, infat­ti, è che la que­stio­ne ener­ge­ti­ca di Pro­fil­glass abbia sve­la­to, ossia pro­prio por­ta­to alla luce, alcu­ne serie “assen­ze” del­la poli­ti­ca. Già, per­ché men­tre Pro­fi­glass chie­de­va allo Sta­to di poter aumen­ta­re la pro­du­zio­ne, all’am­mi­ni­stra­zio­ne comu­na­le di Fano chie­de­va con­tem­po­ra­nea­men­te di atti­va­re uno stu­dio ambien­ta­le, con la col­la­bo­ra­zio­ne dell’Istituto Supe­rio­re di Sani­tà e dell’Università di Urbi­no, capa­ce di rile­va­re il tas­so di inqui­na­men­to dell’intero sito. Stu­dio, tra l’altro, pre­ce­den­te­men­te già sol­le­ci­ta­to dal Comi­ta­to fane­se Ambien­te Salu­te e Ter­ri­to­rio, con tan­to di defi­ni­zio­ne di pro­to­col­lo, tem­pi, meto­di e mez­zi per la rico­gni­zio­ne del­le emis­sio­ni noci­ve. Pro­fil­glass si dichia­ra­va dispo­sta a finan­zia­re l’intera ricer­ca ambien­ta­le, pur­ché pro­mos­sa e por­ta­ta avan­ti dal­le Isti­tu­zio­ni, a garan­zia dell’indipendenza dell’iniziativa e del­la atten­di­bi­li­tà dei risultati.

Il silen­zio su que­sto tema ha regna­to fino a quan­do l’Assessore all’Ambiente del Comu­ne di Fano, sol­le­ci­ta­to da Pos­si­bi­le, ha rispo­sto soste­nen­do che lo stu­dio il Comu­ne lo fa da solo, con i sol­di suoi, e sen­za coin­vol­ge­re diret­ta­men­te nes­su­no dei sog­get­ti inte­res­sa­ti.

Ecco, per noi la poli­ti­ca non si fa così.

Il tema dell’Ambiente è uno dei gran­di temi del­la Sini­stra (non a caso l’Assessore di cui si par­la si erge a qua­si uni­co pala­di­no dei valo­ri del­la Sini­stra a Fano); la pro­mo­zio­ne del­la salu­te nei luo­ghi di vita e di lavo­ro è uno degli obiet­ti­vi  pri­ma­ri del­le poli­ti­che sani­ta­rie del­la Sini­stra; la par­te­ci­pa­zio­ne, la tra­spa­ren­za, il coin­vol­gi­men­to di una comu­ni­tà devo­no costi­tui­re la pras­si poli­ti­ca del­la Sinistra.

La map­pa­tu­ra ambien­ta­le di  Fano è un dirit­to del­la cit­tà e richie­de un’azione con­giun­ta di tut­ti gli atto­ri inte­res­sa­ti, nes­su­no esclu­so: impren­di­to­ri, comi­ta­ti, cit­ta­di­ni, isti­tu­zio­ni, isti­tu­ti di ricer­ca. L’obiettivo è il bene comu­ne di un ter­ri­to­rio e la tran­quil­li­tà dei suoi abitanti.

Noi di Pos­si­bi­le ci impe­gne­re­mo con deter­mi­na­zio­ne affin­ché la zona indu­stria­le di Fano abbia il suo stu­dio ambien­ta­le capa­ce di garan­ti­re non solo gli impren­di­to­ri che inve­sto­no e i lavo­ra­to­ri che pro­du­co­no, ma un’intera comunità.

Mar­ta Costan­ti­ni[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

E così il Governo ha deciso di abbassare l’Iva sugli assorbenti femminili al 10%, bene ma non benissimo visto che la misura corretta sarebbe quella del 4%, ma in più viene da chiedersi cosa stiano facendo esattamente i partiti in Parlamento se su una misura di questo tipo arrivano a farsi bagnare il naso da Draghi. Osservazioni simili si potrebbero fare a proposito di eutanasia e cannabis legale, e lo stesso ci si augura accada per la proposta di legge d'iniziativa popolare sul salario minimo su cui Possibile si impegna a raccogliere adesioni.
Dopo molti anni, ben 6 dalla proposta che facemmo con Giuseppe Civati e Possibile, se ne è colto il significato simbolico e però concretissimo. Un passo avanti, sicuramente. Anche se spiace per il tempo perso. E spiace perché l'IVA sugli assorbenti non è ancora al 4%, come quella per i prodotti di prima necessità, com'è giusto che sia. Perché le mestruazioni non sono un lusso. Continueremo a insistere.
Il tempo del bla bla bla è finito e bisogna agire: non c'è più tempo. Infine c’è da cambiare un paradigma e da riscrivere una storia: sembra che le decisioni sul clima le prendano in pochi e in tavoli decisamente ristretti con la presenza delle lobby del carbone. Va completamente ribaltato il tavolo, dando voce e ruolo a chi oggi subisce le conseguenze maggiori di questa crisi socio climatica e ambientale.