Fraunhofer non è un terzino del Borussia (ovvero una sera con Walter Tocci)

Ci sono cose cita­tis­si­me nel­la let­te­ra­tu­ra poli­ti­ca ita­lia­na che poi spa­ri­sco­no nel­la real­tà.

Una di que­ste è la cita­tis­si­ma socie­tà Frau­n­ho­fer (il tede­sco va di moda). In libre­ria la tro­va­te cita­ta da due libri di note­vo­le dif­fu­sio­ne, quel­lo di Bre­ra e Nesi (Tut­to è in fran­tu­mi e dan­za) e il sag­gio di Pro­di (Il pia­no inclinato).

Eppu­re in Ita­lia non si fa, se non a Bol­za­no (anzi, meglio, Bozen). Sareb­be un modo per accom­pa­gna­re nel­la ricer­ca il siste­ma del­la pic­co­la e media impre­sa. Per offri­re una spon­da di qua­li­tà, per dare al siste­ma la «ricer­ca appli­ca­ta» che è dif­fi­ci­le svi­lup­pa­re in solitudine.

In Ger­ma­nia sono 60, ci lavo­ra­no miglia­ia di per­so­ne (di scien­zia­ti e ricer­ca­to­ri, per capir­ci), ha bud­get impor­tan­ti, intor­no ai due miliar­di di euro complessivamente.

Per Nesi si trat­ta del­la chia­ve vera del suc­ces­so indu­stria­le del­la Ger­ma­nia, con­trap­po­sto alla sua Ita­lia e alla sua Pra­to, in particolare.

Per Pro­di si trat­ta di una opzio­ne che potreb­be esse­re spe­ri­men­ta­ta da alcu­ne regio­ni, in alcu­ni settori.

Chi ne ha par­la­to meglio di tut­ti è sta­to, come spes­so gli capi­ta, Wal­ter Toc­ci, con cui que­sta sera ci con­fron­tia­mo (via Ali­bert 5a, a Roma, ore 21). All’insegna di una col­la­bo­ra­zio­ne tra il siste­ma pub­bli­co e quel­lo pri­va­to (che insie­me si dovreb­be­ro chia­ma­re Repub­bli­ca), per cre­sce­re non solo quan­ti­ta­ti­va­men­te, ma in qua­li­tà e valo­re.

Per rimet­te­re al cen­tro un’innovazione non reto­ri­ca (come appun­to sono rima­sti tut­ti i richia­mi alla Frau­n­ho­fer), per ricor­da­re che la pri­ma cosa da finan­zia­re, pri­ma di tut­to quan­to il resto, è la scuo­la e la ricer­ca.

Vale per Frau­n­ho­fer, vale per il dirit­to allo stu­dio, per cui ci vor­reb­be poco meno di un miliar­do, per arri­va­re agli stan­dard euro­pei. Il miglior inve­sti­men­to sul futu­ro è fat­to da que­sto. E come ricor­da Car­lo Mas­si­ro­ni con la sua «Impre­sa pos­si­bi­le», tut­to que­sto va asso­cia­to al soste­gno alla ricon­ver­sio­ne pro­dut­ti­va, al recu­pe­ro del­le ini­zia­ti­ve impren­di­to­ria­li che chiu­do­no o delo­ca­liz­za­no, al pro­ta­go­ni­smo di chi sa fare il suo lavo­ro. E come sape­te que­sta «tran­si­zio­ne» va imme­dia­ta­men­te decli­na­ta in sen­so eco­lo­gi­co, per­ché è lì la chia­ve di qua­si tutto.

Ne par­lia­mo sta­se­ra con Wal­ter, come sem­pre, nel­la spe­ran­za che oltre alle cita­zio­ni si pos­sa pas­sa­re pre­sto alle traduzioni.

Ne abbia­mo biso­gno. Urgentemente.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il Clima entri nelle decisioni della Politica e la Politica si comporti in maniera coscienziosa, non guardando i sondaggi e pensando al prossimo appuntamento elettorale, ma guardi al futuro, alle generazioni future e a chi verrà dopo di loro.
Se scompaiono gli squali, l’Oceano muore. Quello stesso Oceano che produce il 50% dell’ossigeno che respiriamo, e assorbe il 25% dell’anidride carbonica che emettiamo. Se muore l’Oceano, moriamo noi.  Non ci resta, dunque, che salvare gli squali. 
500.000 firme per togliere risorse e giro d’affari alle mafie, per garantire la qualità e la sicurezza di cosa viene venduto e consumato, per mettere la parola fine a una criminalizzazione e a un proibizionismo che non hanno portato a nessun risultato. La cannabis non è una questione secondaria o risibile, ma un tema serio che riguarda milioni di italiani.