Fraunhofer non è un terzino del Borussia (ovvero una sera con Walter Tocci)

Rimettere al centro un’innovazione non retorica, ricordare che la prima cosa da finanziare, prima di tutto quanto il resto, è la scuola e la ricerca.
#

Ci sono cose citatissime nella letteratura politica italiana che poi spariscono nella realtà.

Una di queste è la citatissima società Fraunhofer (il tedesco va di moda). In libreria la trovate citata da due libri di notevole diffusione, quello di Brera e Nesi (Tutto è in frantumi e danza) e il saggio di Prodi (Il piano inclinato).

Eppure in Italia non si fa, se non a Bolzano (anzi, meglio, Bozen). Sarebbe un modo per accompagnare nella ricerca il sistema della piccola e media impresa. Per offrire una sponda di qualità, per dare al sistema la «ricerca applicata» che è difficile sviluppare in solitudine.

In Germania sono 60, ci lavorano migliaia di persone (di scienziati e ricercatori, per capirci), ha budget importanti, intorno ai due miliardi di euro complessivamente.

Per Nesi si tratta della chiave vera del successo industriale della Germania, contrapposto alla sua Italia e alla sua Prato, in particolare.

Per Prodi si tratta di una opzione che potrebbe essere sperimentata da alcune regioni, in alcuni settori.

Chi ne ha parlato meglio di tutti è stato, come spesso gli capita, Walter Tocci, con cui questa sera ci confrontiamo (via Alibert 5a, a Roma, ore 21). All’insegna di una collaborazione tra il sistema pubblico e quello privato (che insieme si dovrebbero chiamare Repubblica), per crescere non solo quantitativamente, ma in qualità e valore.

Per rimettere al centro un’innovazione non retorica (come appunto sono rimasti tutti i richiami alla Fraunhofer), per ricordare che la prima cosa da finanziare, prima di tutto quanto il resto, è la scuola e la ricerca.

Vale per Fraunhofer, vale per il diritto allo studio, per cui ci vorrebbe poco meno di un miliardo, per arrivare agli standard europei. Il miglior investimento sul futuro è fatto da questo. E come ricorda Carlo Massironi con la sua «Impresa possibile», tutto questo va associato al sostegno alla riconversione produttiva, al recupero delle iniziative imprenditoriali che chiudono o delocalizzano, al protagonismo di chi sa fare il suo lavoro. E come sapete questa «transizione» va immediatamente declinata in senso ecologico, perché è lì la chiave di quasi tutto.

Ne parliamo stasera con Walter, come sempre, nella speranza che oltre alle citazioni si possa passare presto alle traduzioni.

Ne abbiamo bisogno. Urgentemente.

  • 43
  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati