Immigrato? Regolare! 9 semplici regole per superare la Bossi-Fini

Oltre un anno fa abbiamo avviato un tavolo di co-legislazione guidato e promosso da Andrea Maestri che oggi restituisce il frutto del proprio lavoro: una proposta organica e puntuale di revisione del testo unico sull’immigrazione

[vc_row][vc_column][vc_column_text css=”.vc_custom_1496245705567{margin-top: 20px !impor­tant;}”]Pre­sen­ta­ta oggi la pro­po­sta di Pos­si­bi­le per una rifor­ma orga­ni­ca e com­ple­ta del testo uni­co sul­l’im­mi­gra­zio­ne: 72 arti­co­li sud­di­vi­si in 9 tito­li scrit­ti insie­me ai più qua­li­fi­ca­ti cul­to­ri del­la mate­ria. [/vc_column_text][vc_column_text]Quando si par­la di migra­zio­ni biso­gna sape­re di cosa si sta par­lan­do, per evi­ta­re tan­to le urla cat­ti­vi­ste quan­to i buo­ni pro­po­si­ti non accom­pa­gna­ti da un approc­cio scien­ti­fi­co e con i pie­di ben pian­ta­ti nel­la quo­ti­dia­ni­tà. Ecco per­ché, quan­do par­lia­mo di migra­zio­ni, cer­chia­mo sem­pre di ripor­ta­re dati, di cita­re rife­ri­men­ti nor­ma­ti­vi, di muo­ver­ci lun­go la stra­da indi­ca­ta dal rispet­to e dal­la tute­la dei dirit­ti uma­ni, ed ecco per­ché sia­mo anche tra i più for­ti oppo­si­to­ri di una gestio­ne sre­go­la­ta e (sem­pre) straor­di­na­ria del feno­me­no. Un feno­me­no che occu­pa l’attualità poli­ti­ca da decen­ni, ma dal qua­le fac­cia­mo sem­pre fin­ta di esse­re sorpresi.

Par­ten­do da que­sti pre­sup­po­sti e, soprat­tut­to, facen­do­ci affian­ca­re dai più qua­li­fi­ca­ti cul­to­ri del­la mate­ria, oltre un anno fa abbia­mo avvia­to un tavo­lo di co-legi­sla­zio­ne gui­da­to e pro­mos­so da Andrea Mae­stri che oggi resti­tui­sce il frut­to del pro­prio lavo­ro: una pro­po­sta orga­ni­ca e pun­tua­le di revi­sio­ne del testo uni­co sull’immigrazione, costrui­ta su nove tito­li e ben set­tan­ta­due capi­to­li che rifor­ma­no com­ple­ta­men­te e coe­ren­te­men­te la mate­ria. Un testo che arri­va in ritar­do di qual­che mese rispet­to alle sca­den­ze pre­fis­sa­te dato che nel frat­tem­po si è abbat­tu­to l’asteroide “decre­to Min­ni­ti-Orlan­do” a stra­vol­ge­re, rime­sco­la­re e aggiun­ge­re con­trad­di­zio­ni alla normativa.

Al tavo­lo di lavo­ro pro­mos­so da Mae­stri han­no par­te­ci­pa­to Pao­lo Bonet­ti (costi­tu­zio­na­li­sta e dele­ga­to per le rifor­me legi­sla­ti­ve dell’ASGI), Sel­ly Kane e Kurosh Danesh (CGIL Nazio­na­le), Lilia­na Ocmin (CISL Nazio­na­le), Giu­sep­pe Casuc­ci (UIL Nazio­na­le), Pier­fran­co Oli­va­ni (Socie­tà ita­lia­na del­la medi­ci­na del­le migra­zio­ni), Fede­ri­co Oli­ve­ri (ricer­ca­to­re del Cen­tro inter­di­sci­pli­na­re scien­ze per la pace dell’Università di Pisa), Car­lo Mele­ga­ri (CESTIM), Enri­co Vara­li e Bea­tri­ce Rigot­ti (avvo­ca­ti CESTIM e ASGI) e Ste­fa­no Cato­ne (Pos­si­bi­le).

Il testo del­la rifor­ma entra nei det­ta­gli più tec­ni­ci del­la mate­ria. Il pri­mo tito­lo intro­du­ce nuo­ve nor­me per l’ingresso dei lavo­ra­to­ri stra­nie­ri, supe­ran­do l’attuale mec­ca­ni­smo del tut­to sle­ga­to dal­la real­tà attraverso:

  1. Un nuo­vo visto di ingres­so per ricer­ca lavo­ro, accom­pa­gna­to da ade­gua­te for­me di incen­ti­vo al rim­pa­trio assi­sti­to.
  2. Ripri­sti­no del siste­ma di ingres­so per lavo­ro a segui­to di chia­ma­ta nomi­na­ti­va.
  3. Sem­pli­fi­ca­zio­ne del­le pro­ce­du­re per il rico­no­sci­men­to dei tito­li di stu­dio con­se­gui­ti all’estero.

Nei tito­li suc­ces­si­vi pro­po­nia­mo una sem­pli­fi­ca­zio­ne dei per­mes­si di sog­gior­no e l’introduzione di un mec­ca­ni­smo di rego­la­riz­za­zio­ne ordi­na­ria per lo stra­nie­ro pre­sen­te in Ita­lia che dimo­stri lo svol­gi­men­to di un’attività lavo­ra­ti­va o impor­tan­ti lega­mi fami­lia­ri o affet­ti­vi, oltre a un raf­for­za­men­to del­la tute­la dei dirit­ti dei mino­ri e il dirit­to al ricon­giun­gi­men­to fami­glia­re, garan­ten­do a tut­ti i mino­ri pari­tà di dirit­ti a pre­scin­de­re dal­la nazio­na­li­tà e dal­la con­di­zio­ne giu­ri­di­ca dei genitori.

Il quar­to tito­lo trat­ta la mate­ria più spi­no­sa e cioè quel­la del­la gestio­ne degli stra­nie­ri che non han­no tito­lo per sog­gior­na­re nel nostro pae­se, pre­ve­den­do espul­sio­ni sola­men­te per le vio­la­zio­ni più gra­vi e incen­ti­vi al rim­pa­trio volon­ta­rio, la chiu­su­ra dei nuo­vi Cen­tri per il rim­pa­trio e – asso­lu­ta­men­te cen­tra­le – l’abrogazione del rea­to di “immi­gra­zio­ne clan­de­sti­na”: inu­ti­le, dan­no­so e costoso.

Pro­se­guen­do, il testo si con­cen­tra sul­la lot­ta alle discri­mi­na­zio­ne e sul­la garan­zia del­la pari­tà di di trat­ta­men­to anche attra­ver­so l’istituzione di una Agen­zia Nazio­na­le Anti­di­scri­mi­na­zio­ne auto­no­ma e indi­pen­den­te con effet­ti­vi pote­ri di inda­gi­ne e san­zio­na­to­ri, sul con­tra­sto di ogni for­ma di raz­zi­smo e hate speech, sul­la tute­la del­le vit­ti­me di trat­ta, vio­len­za e gra­ve sfrut­ta­men­to, garan­ten­do effet­ti­ve for­me di inden­niz­zo, un ini­zia­le “perio­do di rifles­sio­ne”, il rila­scio del per­mes­so di sog­gior­no indi­pen­den­te­men­te dal­la col­la­bo­ra­zio­ne con l’Au­to­ri­tà giu­di­zia­ria e la non impu­ta­bi­li­tà per i rea­ti com­mes­si duran­te la fase di sfrut­ta­men­to. L’uguaglianza pas­sa, infi­ne, per la garan­zia di pro­ces­si equi e uni­ta­ri a tut­ti gli stra­nie­ri e l’introduzione dell’elettorato alle ele­zio­ni comu­na­li per gli stra­nie­ri rego­lar­men­te resi­den­ti in Ita­lia da alme­no cin­que anni.

Si trat­ta, come dice­va­mo, di una rifor­ma orga­ni­ca, che pre­sen­tia­mo oggi e che met­tia­mo a dispo­si­zio­ne del­le for­ze par­la­men­ta­ri, con la cer­tez­za che pos­sa esse­re non solo un model­lo cui fare rife­ri­men­to, ma soprat­tut­to un testo imme­dia­ta­men­te appli­ca­bi­le per­ché “pesa” e tie­ne insie­me nume­ro­si aspet­ti del­le migra­zio­ni e per­ché è da un approc­cio siste­mi­co che biso­gna par­ti­re, se si voglio­no offri­re solu­zio­ni con­cre­te e strut­tu­ra­li.

[SCARICA LA PRESENTAZIONE DELLA PROPOSTA]

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_gallery type=“image_grid” images=“25970,25971,25972,25973,25969,25974,25975,25976” img_size=“400x400” title=“Immigrato? Regolare!”][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

E così il Governo ha deciso di abbassare l’Iva sugli assorbenti femminili al 10%, bene ma non benissimo visto che la misura corretta sarebbe quella del 4%, ma in più viene da chiedersi cosa stiano facendo esattamente i partiti in Parlamento se su una misura di questo tipo arrivano a farsi bagnare il naso da Draghi. Osservazioni simili si potrebbero fare a proposito di eutanasia e cannabis legale, e lo stesso ci si augura accada per la proposta di legge d'iniziativa popolare sul salario minimo su cui Possibile si impegna a raccogliere adesioni.
Dopo molti anni, ben 6 dalla proposta che facemmo con Giuseppe Civati e Possibile, se ne è colto il significato simbolico e però concretissimo. Un passo avanti, sicuramente. Anche se spiace per il tempo perso. E spiace perché l'IVA sugli assorbenti non è ancora al 4%, come quella per i prodotti di prima necessità, com'è giusto che sia. Perché le mestruazioni non sono un lusso. Continueremo a insistere.
Il tempo del bla bla bla è finito e bisogna agire: non c'è più tempo. Infine c’è da cambiare un paradigma e da riscrivere una storia: sembra che le decisioni sul clima le prendano in pochi e in tavoli decisamente ristretti con la presenza delle lobby del carbone. Va completamente ribaltato il tavolo, dando voce e ruolo a chi oggi subisce le conseguenze maggiori di questa crisi socio climatica e ambientale.