Tutto quello che non vi diranno sulla “manovrina”

Doma­ni la com­mis­sio­ne Bilan­cio del­la Came­ra (di cui fac­cio par­te come mem­bro di oppo­si­zio­ne) chiu­de­rà i pro­pri lavo­ri sul­la cosid­det­ta “mano­vri­na”, quel­la vara­ta il 24 apri­le scor­so (la mano­vri­na del­la Libe­ra­zio­ne avrem­mo potu­to chia­mar­la). Li chiu­de­rà in una atmo­sfe­ra poli­ti­ca e par­la­men­ta­re quan­to mai e ancor meno inte­res­san­te per le per­so­ne che vivo­no nel mon­do nor­ma­le: la chiu­de­rà a col­pi di minac­ce di cadu­ta del Gover­no, di inte­se su leg­ge elet­to­ra­le, su ipo­te­si di data del voto anti­ci­pa­to, su voti di fidu­cia con­fer­ma­ti o for­se man­ca­ti.…tut­to mol­to inte­res­san­te!
Ma nel­la bagar­re tra il “tede­sco” e il “rosa­tel­lum”, qual­cu­no farà per­de­re di vista la leg­ge che ver­rà fuo­ri dal dibat­ti­to post mano­vri­na. Eh sì. Per­ché da “mano­vri­na”, si e’ pas­sa­ti a un prov­ve­di­men­to cosid­det­to “omni­bus”, ovve­ro una roba pie­na di tut­to che non risol­ve e in tan­ti casi com­pli­ca e mol­to la real­tà di tut­ti i gior­ni.
Al di là di ini­zia­ti­ve posi­ti­ve per le zone col­pi­te dai recen­ti ter­re­mo­ti che final­men­te pos­so­no “respi­ra­re un po’” anche dal pun­to di vista degli adem­pi­men­ti buro­cra­ti­ci, non vi diran­no mica che i pro­ble­mi del­le Pro­vin­ce non sono sta­ti risol­ti con tut­to quan­to con­se­gue in ter­mi­ni di scuo­le, stra­de e quan­t’al­tro, e con i nostri figli che all’a­per­tu­ra del pros­si­mo anno sco­la­sti­co potreb­be­ro ave­re scuo­le non riscal­da­te o non ade­gua­te.
Non vi diran­no nem­me­no che alle por­te del 2018 resta­no gli aumen­ti IVA fino al 25%, per­ché man­ca­no 14 miliar­di e non c’è sta­ta la volon­tà poli­ti­ca oggi di risol­ve­re il pro­ble­ma: si deve anda­re a vota­re, ci pen­se­re­mo dopo le ele­zio­ni! Tut­to que­sto per­ché negli ulti­mi 3 anni, spa­zi finan­zia­ri la “matri­gna” Euro­pa ne ha dati e tan­ti, solo che sono sta­ti uti­liz­za­ti mol­to ma mol­to male e le rica­du­te dei vari incen­ti­vi alle impre­se o altro non han­no pro­dot­to riscon­tri posi­ti­vi dal pun­to di vista occu­pa­zio­na­le e dal pun­to di vista del­la ripre­sa dei consumi.
Non vi diran­no nem­me­no che e’ sta­ta com­pli­ca­ta la vita alle pic­co­le impre­se e ai pro­fes­sio­ni­sti che lavo­ra­no con le pub­bli­che ammi­ni­stra­zio­ni, per­ché il mec­ca­ni­smo del­lo split pay­ment e’ sta­to este­so anche a loro, anche a quel­li che ver­sa­no già la rite­nu­ta d’ac­con­to e che l’I­VA sugli acqui­sti che fan­no, la paga­no subi­to e che non pos­so­no aspet­ta­re il 2018 per bene­fi­cia­re degli auto­ma­ti­smi sul­le compensazioni.

Vi diran­no inve­ce, ma non con gran­de enfa­si, di ave­re rein­tro­dot­to i vou­cher. Sì, pro­prio quei vou­cher che pochi mesi fa loro stes­si ave­va­no eli­mi­na­to con un decre­to lam­po. Ve lo dirà il PD, ve lo dirà la Lega, ve lo dirà For­za Ita­lia. Non vi diran­no però che l’e­li­mi­na­zio­ne dei Vou­cher la avrem­mo vota­ta tut­ti noi pro­prio oggi 28 mag­gio attra­ver­so un refe­ren­dum popo­la­re indet­to a segui­to di una rac­col­ta di oltre un milio­ne di fir­me da par­te del­la Cgil. Que­sto no. Per­ché e’ meglio fare usci­re i vou­cher dal­la por­ta attra­ver­so un decre­to, esau­to­ra­re il refe­ren­dum e poi far­li rien­tra­re dal­la fine­stra del­la mano­vri­na. Uno spet­ta­co­lo! In sfre­gio ai cit­ta­di­ni fir­ma­ta­ri del­la pro­po­sta refe­ren­da­ria, del­la tute­la del lavo­ro, di tut­to, anche del­le esi­gen­ze mini­me del­le fami­glie che sui vou­cher mol­to spes­so contavano.

Tut­to que­sto è sta­to com­piu­to non sol­tan­to il gior­no pri­ma del refe­ren­dum annullato.
Tut­ta que­sta sto­ria dei vou­cher è sta­ta di fat­to rein­tro­dot­ta e vota­ta nel gior­no stes­so in cui un uomo vesti­to di bian­co, un uomo sem­pli­ce, Papa Fran­ce­sco, nel­la mia cit­tà, Geno­va, ha riem­pi­to i cuo­ri dei lavo­ra­to­ri del­l’IL­VA par­lan­do del­la digni­tà del lavo­ro, del giu­sto sala­rio, del signi­fi­ca­to vero del­l’im­pren­di­to­ria, del­l’arti­co­lo 1 del­la Costi­tu­zio­ne del­la Repub­bli­ca. Lo ha fat­to, come dice­vo, da Geno­va, da quel­la cit­tà por­tua­le e ope­ro­sa dal­la qua­le, nel 1929, il suo papà e i suoi non­ni par­ti­ro­no a bor­do del­la “Giu­lio Cesa­re” alla vol­ta del­l’Ar­gen­ti­na, loro come tan­ti tan­ti altri, ligu­ri e non, alla ricer­ca di acco­glien­za, di una pro­spet­ti­va di vita miglio­re, di una vita fat­ta di valo­ri e di valo­re da attri­bui­re alle cose. Il lavo­ro su tut­te.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il Clima entri nelle decisioni della Politica e la Politica si comporti in maniera coscienziosa, non guardando i sondaggi e pensando al prossimo appuntamento elettorale, ma guardi al futuro, alle generazioni future e a chi verrà dopo di loro.
Se scompaiono gli squali, l’Oceano muore. Quello stesso Oceano che produce il 50% dell’ossigeno che respiriamo, e assorbe il 25% dell’anidride carbonica che emettiamo. Se muore l’Oceano, moriamo noi.  Non ci resta, dunque, che salvare gli squali. 
500.000 firme per togliere risorse e giro d’affari alle mafie, per garantire la qualità e la sicurezza di cosa viene venduto e consumato, per mettere la parola fine a una criminalizzazione e a un proibizionismo che non hanno portato a nessun risultato. La cannabis non è una questione secondaria o risibile, ma un tema serio che riguarda milioni di italiani.