Era abolire, non abbellire (quei decreti)

Sot­to l’aspetto giu­ri­di­co, la “riscrit­tu­ra” dei cd. decre­ti sicu­rez­za che esce dal Con­si­glio dei Mini­stri del 5 otto­bre 2020 è una delu­sio­ne.
L’impianto rima­ne lo stes­so, e que­sto è il dato di partenza.

Vie­ne allar­ga­ta la cd. pro­te­zio­ne spe­cia­le, che rima­ne tale, e que­sto è bene, ma non vie­ne ripri­sti­na­ta la pro­te­zio­ne uma­ni­ta­ria eli­mi­na­ta dai decre­ti, e que­sto è male, per­ché pur­trop­po non è esat­ta­men­te vero che vie­ne ripri­sti­na­ta “di fatto”.
Vie­ne pre­vi­sta la con­ver­ti­bi­li­tà in per­mes­so di sog­gior­no per moti­vi di lavo­ro del­la pro­te­zio­ne spe­cia­le e di altre for­me di pro­te­zio­ne, e que­sto è bene, per quan­to sem­bri così ovvio.
Vie­ne intro­dot­to un nuo­vo prin­ci­pio di non respin­gi­men­to, espul­sio­ne o estra­di­zio­ne ver­so sta­ti che vio­la­no siste­ma­ti­ca­men­te i dirit­ti uma­ni, e di divie­to di rim­pa­trio in caso di vio­la­zio­ne del dirit­to al rispet­to del­la pro­pria vita pri­va­ta e fami­lia­re, a meno che non sus­si­sta­no moti­vi di sicu­rez­za o ordi­ne pub­bli­co, e que­sto è otti­mo, anche se si fa som­mes­sa­men­te pre­sen­te che si trat­ta del­la pura e sem­pli­ce appli­ca­zio­ne dei nostri prin­ci­pi costituzionali.
Vie­ne ripri­sti­na­to il siste­ma SPRAR/SIPROIMI, che si chia­ma ora di “Acco­glien­za e inte­gra­zio­ne”, e que­sto è bene.
Vie­ne ridot­to da 180 a 90 gior­ni (più 30 di even­tua­le pro­ro­ga) il tem­po mas­si­mo di trat­te­ni­men­to nei CPR e que­sto è beni­no, per­ché sono tem­pi anco­ra mol­to lunghi.

Gli aspet­ti anche par­zial­men­te posi­ti­vi, però, fini­sco­no qui.

Vie­ne for­ma­liz­za­ta l’incostituzionalità del divie­to di regi­stra­zio­ne ana­gra­fi­ca dei richie­den­ti asi­lo, e que­sto non rile­va, per­ché la nor­ma, inco­sti­tu­zio­na­le, era già disapplicata.
Vie­ne ridot­to da 48 a 36 mesi il tem­po di atte­sa mas­si­ma per ave­re rispo­sta sula richie­sta di cit­ta­di­nan­za ita­lia­na, che però pri­ma dei decre­ti era di 24 mesi, quin­di un peg­gio­ra­men­to fat­to pas­sa­re per miglio­ra­men­to, non si sa con qua­le motivazione.
Infi­ne le note più gra­vi e dolen­ti riguar­da­no le ONG, per­ché, fin­gen­do di acco­glie­re le osser­va­zio­ni del Pre­si­den­te Mat­ta­rel­la, vie­ne con­fer­ma­to un trat­ta­men­to san­zio­na­to­rio, pur con san­zio­ni ridot­te ma in cer­ti casi di rile­van­za pena­le e non solo ammi­ni­stra­ti­va, com­pre­so a cer­te con­di­zio­ni il seque­stro del­la nave, per un’attività, il sal­va­tag­gio di nau­fra­ghi in mare e il loro sbar­co nel por­to sicu­ro più vici­no, non solo con­sen­ti­ta ma neces­sa­ria, obbli­ga­ta e san­zio­na­ta, in caso di inos­ser­van­za, dai trat­ta­ti inter­na­zio­na­li e dal codi­ce del­la navigazione.
In sostan­za, la cri­mi­na­liz­za­zio­ne, sep­pur in modo ridot­to, di un’attività non solo leci­ta ma obbli­ga­to­ria­men­te pre­vi­sta dal­le nor­me vigen­ti, per­si­ste.

Poi a mar­gi­ne vie­ne intro­dot­to l’ennesimo DASPO, que­sta vol­ta per chi ha rice­vu­to denun­ce o con­dan­ne non defi­ni­ti­ve lega­te allo spac­cio di stu­pe­fa­cen­ti com­mes­so pres­so scuo­le o loca­li pub­bli­ci, per l’accesso agli stes­si luo­ghi, e per chi sia sta­to denun­cia­to per rea­ti (asse­ri­ta­men­te) com­mes­si in pub­bli­ci eser­ci­zi, con rife­ri­men­to alla fre­quen­ta­zio­ne degli stessi.
La nor­ma, che rife­ren­do­si alla sem­pli­ce denun­zia appa­re di dub­bia costi­tu­zio­na­li­tà, per­ché chia­ra­men­te suscet­ti­bi­le di appli­ca­zio­ne stru­men­ta­le, vie­ne deno­mi­na­ta “Wil­ly”, in quan­to, secon­do il gover­no, nasce­reb­be dall’esame di quel tra­gi­co fat­to di cro­na­ca e costi­tui­reb­be una sor­ta di tute­la pre­ven­ti­va per per­so­ne nel­le stes­se con­di­zio­ni del­la vittima.
Que­sta scel­ta media­ti­ca appa­re eti­ca­men­te mol­to discu­ti­bi­le, per­ché gio­ca sull’emotività nata da un bru­ta­le omi­ci­dio per attri­buir­ne una solu­zio­ne al gover­no, ma anche improv­vi­da, vista l’evidente inap­pli­ca­bi­li­tà del­la norma.
Men­tre, infat­ti, il DASPO nei con­fron­ti del tifo­so ne impe­di­sce l’ingresso allo sta­dio per­ché lo stes­so deve ave­re un bigliet­to e può esse­re iden­ti­fi­ca­to dal­le for­ze dell’ordine, sem­pre pre­sen­ti, ma soprat­tut­to ha l’ob­bli­go di pre­sen­tar­si in caser­ma all’o­ra­rio pre­vi­sto per la par­ti­ta, non si capi­sce come pos­sa esse­re appli­ca­to un DASPO in un bar o in una bir­re­ria, e in qua­le modo pos­sa esse­re impe­di­to l’ingresso di chi lo subisce.
Infi­ne, le par­ti repres­si­ve dei decre­ti sicu­rez­za, quel­le che han­no ripri­sti­na­to il rea­to di bloc­co stra­da­le, cri­mi­na­liz­zan­do il dis­sen­so e le mani­fe­sta­zio­ni, e che per esem­pio han­no por­ta­to all’incriminazione di cen­ti­na­ia di ope­rai per lo scio­pe­ro lega­to alla vicen­da Ital­piz­za, non sono sta­te affat­to toc­ca­te e ven­go impli­ci­ta­men­te rati­fi­ca­te dal­la nuo­va mag­gio­ran­za.

Sem­pre dal pun­to di vista media­ti­co, non si può non nota­re come la par­te “ros­sa” del­la mag­gio­ran­za di gover­no abbia esul­ta­to per una “can­cel­la­zio­ne” dei decre­ti sicu­rez­za, che non c’è, poi deru­bri­ca­ta a “supe­ra­men­to”, che però è ter­mi­ne giu­ri­di­ca­men­te neu­tro e non di meri­to, appli­ca­bi­le quan­do una nor­ma ne sosti­tui­sce un’altra.
Dall’altra par­te il silen­zio qua­si tota­le del­la par­te “gial­la” del­la mag­gio­ran­za la dice lun­ga sul­lo spi­ri­to con cui ha par­te­ci­pa­to alla stesura.
Quin­di, da un lato ci sono sicu­ra­men­te aspet­ti posi­ti­vi che inci­de­ran­no nel­la vita rea­le di tan­te per­so­ne, e que­sto è un bene, e non si può cer­to negare.
Però sto­na il sen­ti­men­to gene­ra­le di esul­tan­za nei con­fron­ti di un approc­cio ai limi­ti del­la decen­za.
Per­ché per cam­bia­re il mon­do ci vuo­le più corag­gio di così.
Per­ché non si stru­men­ta­liz­za l’omicidio volon­ta­rio di un ragaz­zo di colo­re per giu­sti­fi­ca­re un DASPO (per giun­ta inap­pli­ca­bi­le) sul­la base di una sem­pli­ce denuncia.
Per­ché le per­so­ne dovreb­be­ro esse­re libe­re di muo­ver­si e spo­star­si anche se non sono in immi­nen­te peri­co­lo di vita.
Per­ché non basta dire che non espel­lia­mo chi rischia la tor­tu­ra e poi si rin­no­va­no gli accor­di con la Libia.
Per­ché se è vero che il meglio è nemi­co del bene, in que­sto caso il bene è nemi­co del giu­sto, e ogni tan­to biso­gne­reb­be tener­ne con­to nei giu­di­zi, uscen­do dal­la con­ta­bi­li­tà dei pic­co­li miglioramenti.

È come com­bat­te­re i cam­bia­men­ti cli­ma­ti­ci con le dome­ni­che sen­za traf­fi­co, come taglia­re i par­la­men­ta­ri sen­za rifor­ma costituzionale.
Come fare poli­ti­ca sen­za far­la, per­ché Bos­si e Fini han­no fat­to scel­te poli­ti­che, Min­ni­ti ha fat­to scel­te poli­ti­che, Sal­vi­ni pure.
Qui di scel­te poli­ti­che non se ne vedo­no, solo com­pro­mes­si al ribas­so per tira­re avanti.
E infat­ti l’impianto com­ples­si­vo rima­ne quel­lo degli illu­stri predecessori.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.
Cosa ha caratterizzato le destre di tutto il mondo negli ultimi anni se non la precisa strategia di solleticare la sfiducia e le paure dell’elettorato?
Non si possono fare tornare i vita i morti, non si può restituire la pace alle loro famiglie, né ricostituire tutte quelle vite e quelle famiglie che si sono sgretolate nel tempo, per conseguenze dirette ed indirette di un sistema mafioso e corrotto. Ma la giustizia sì che si può fare, ed è doveroso pretenderla. Per chi ha dato la vita per difenderla, per la nostra dignità di cittadini e per le generazioni future.