9 ottobre, #ClimateStrike: il clima cambia perché noi non siamo cambiati

La settimana della mobilitazione climatica in Italia (il 20 settembre nel resto del mondo) è iniziata dopo un weekend di ordinario clima tropicale: nel nordovest sono crollate ancora strade ed esondati fiumi. Vittime, danni, ricostuzioni. Siamo ormai abituati alle reazioni stupite di stampa e mondo politico, come se ogni volta fosse la prima volta, come se la messa in sicurezza dei territori non fosse una delle prime urgenze di questo paese.

di Chia­ra Bertogalli

La set­ti­ma­na del­la mobi­li­ta­zio­ne cli­ma­ti­ca in Ita­lia (il 20 set­tem­bre nel resto del mon­do) è ini­zia­ta dopo un wee­kend di ordi­na­rio cli­ma tro­pi­ca­le: nel nor­do­ve­st sono crol­la­te anco­ra stra­de ed eson­da­ti fiu­mi. Vit­ti­me, dan­ni, rico­stu­zio­ni. Sia­mo ormai abi­tua­ti alle rea­zio­ni stu­pi­te di stam­pa e mon­do poli­ti­co, come se ogni vol­ta fos­se la pri­ma vol­ta, come se la mes­sa in sicu­rez­za dei ter­ri­to­ri non fos­se una del­le pri­me urgen­ze di que­sto paese.

Il cli­ma cam­bia per­chè noi non sia­mo cam­bia­ti, il nostro uso di com­bu­sti­bi­li fos­si­li non è dimi­nui­to, le nostre poli­ti­che di sfrut­ta­men­to agroin­du­stria­le sono rima­ste affa­ma­te come in una peren­ne care­stia. Il cli­ma diven­ta deva­stan­te soprat­tut­to in alcu­ne aree, sic­ci­tà e allu­vio­ni pol­ve­riz­za­no le eco­no­mie di sus­si­sten­za incre­men­tan­do la pover­tà di chi è già pove­ro. Soprat­tut­to nel sud del mon­do, ma sopre­sa, il cli­ma che cam­bia deva­sta anche l’I­ta­lia, esa­cer­ban­do la sua fra­gi­li­tà geo­lo­gi­ca, crean­do vora­gi­ni dove pri­ma c’e­ra­no pon­ti e arte­rie di traf­fi­co veicolare.

Allo­ra sì, il nove otto­bre si tor­na in piaz­za, per­ché Gre­ta ha ini­zia­to a dire che il re è nudo ormai due anni fa, e per­ché stu­den­ti, milio­ni di stu­den­ti in tut­to il mon­do, le han­no fat­to eco e pre­ten­do­no di esse­re ascol­ta­ti. Il movi­men­to dei Fri­days For Futu­re ha por­ta­to in stra­da stu­den­ti e inse­gnan­ti, geni­to­ri e non­ni, sen­za sim­bo­li, ma con tan­ti mes­sag­gi: abbia­mo biso­gno del pia­ne­ta e que­sto model­lo di svi­lup­po lo sta deva­stan­do. Non sia­mo sce­mi e abbia­mo capi­to che gli stru­men­ti per smet­te­re di ipo­te­ca­re il futu­ro del­le pros­si­me gene­ra­zio­ni ci sono, ma i deci­so­ri poli­ti­ci non han­no alcu­na inten­zio­ne di met­ter­li in ope­ra. 

Dal 15 mar­zo del 2019, Gre­ta e i FFF han­no sen­si­bi­liz­za­to note­vol­men­te opi­nio­ne pub­bli­ca e isti­tu­zio­ni, eser­ci­tan­do una influen­za mai vista pri­ma. Sot­to que­sta pres­sio­ne mora­le, sot­to il seve­ro giu­di­zio di chi oggi non vota, ma lo farà doma­ni, sono sta­te spe­se paro­le di impe­gno più o meno timi­de da par­te di figu­re sim­bo­li­che e api­ca­li, a cui neces­sa­ria­men­te — pri­ma o poi — segui­ran­no i fat­ti. Quan­to pri­ma o quan­to poi, dipen­de­rà dal­la inten­si­tà che le piaz­ze sapran­no espir­me­re anche ora, in tem­po di pan­de­mia, per dire che pas­sa­ta l’e­mer­gen­za sani­ta­ria, se non affron­tia­mo quel­la cli­ma­ti­ca paghe­re­mo un prez­zo (anche in sen­so stret­to) incre­di­bil­men­te salato.

Per­chè non ci si muo­ve, vie­ne da chie­der­si. Pie­ga­re il lob­bi­smo dei com­bu­sti­bi­li fos­si­li e del­la zoo­tec­nia indu­stria­le sem­bra tema non sem­pli­ce, di fron­te al qua­le la poli­ti­ca si fa improv­vi­sa­men­te pic­co­la pic­co­la. Una cer­ta reti­cen­za mista a pres­sa­po­chi­smo e scar­sa com­pe­ten­za anche da par­te di gros­se testa­te gior­na­li­sti­che poi, non aiu­ta. 

Non aiu­ta nem­me­no qual­che scien­zia­to outsi­der che facen­do­si scu­do con la pro­pria fama pas­sa­ta ridi­co­liz­za in pochi secon­di di inter­vi­sta (rigo­ro­sa­men­te sen­za con­trad­dit­to­rio) anni di stu­di, dati e miglia­ia di esper­ti di climatologia.

Sia­mo pur sem­pre quel pae­se dove si guar­da­no le trec­ce di chi par­la anzi­chè chie­der­si se ciò che dice sia sensato.

Fri­days For Futu­re oggi chie­do­no tre cose mol­to semplici:

  • man­te­ne­re l’in­cre­men­to del­la tem­pe­ra­tu­ra glo­ba­le al di sot­to di 1,5 °C rispet­to ai livel­li preindustriali;
  • assi­cu­ra­re giu­sti­zia cli­ma­ti­ca ed equità;
  • ascol­ta­re la miglio­re scien­za disponibile.

Occor­ro­no misu­re ecce­zio­na­li per inver­ti­re la ten­den­za. E occor­re par­te­ci­pa­re per fare pres­sio­ne: le dispo­ni­bi­li­tà eco­no­mi­che enor­mi rila­scia­te in rispo­sta alla pan­de­mia sia­no la chia­ve per una ripar­ten­za diver­sa, anzi, per una tran­si­zio­ne. Dai fos­si­li alle rin­no­va­bi­li, dal con­su­mo alla rige­ne­ra­zio­ne, ver­so la tran­si­zio­ne ecologica.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il Clima entri nelle decisioni della Politica e la Politica si comporti in maniera coscienziosa, non guardando i sondaggi e pensando al prossimo appuntamento elettorale, ma guardi al futuro, alle generazioni future e a chi verrà dopo di loro.
Se scompaiono gli squali, l’Oceano muore. Quello stesso Oceano che produce il 50% dell’ossigeno che respiriamo, e assorbe il 25% dell’anidride carbonica che emettiamo. Se muore l’Oceano, moriamo noi.  Non ci resta, dunque, che salvare gli squali. 
500.000 firme per togliere risorse e giro d’affari alle mafie, per garantire la qualità e la sicurezza di cosa viene venduto e consumato, per mettere la parola fine a una criminalizzazione e a un proibizionismo che non hanno portato a nessun risultato. La cannabis non è una questione secondaria o risibile, ma un tema serio che riguarda milioni di italiani.