Emergenza climatica: dalle dichiarazioni ai fatti

Tornano in piazza le ragazze e i ragazzi di Fridays For Future e se lo fanno non è di certo per ricordarci i grandi obiettivi globali da qui al duemilamai (sempre giusti e corretti, per carità), ma per ricordarci di un'emergenza climatica e ambientale che è già in corso. E per la quale servono risposte immediate e a tutto campo.
10-kbf-1020x533@IlSole24Ore-Web

Tor­na­no in piaz­za le ragaz­ze e i ragaz­zi di Fri­days For Futu­re e se lo fan­no non è di cer­to per ricor­dar­ci i gran­di obiet­ti­vi glo­ba­li da qui al due­mi­la­mai (sem­pre giu­sti e cor­ret­ti, per cari­tà), ma per ricor­dar­ci di un’e­mer­gen­za cli­ma­ti­ca e ambien­ta­le che è già in cor­so. E per la qua­le ser­vo­no rispo­ste imme­dia­te e a tut­to cam­po.

Dei tito­lo­ni, degli slo­gan, del­le inter­vi­ste, del­l’a­scol­to del­le piaz­ze ci sia­mo un po’ — per dir­la con uno slo­gan, appun­to — rot­ti i polmoni.

Ser­vo­no azio­ni con­cre­te, da attuar­si oggi, non doma­ni. Ser­ve pas­sa­re a un nuo­vo tipo di mobi­li­tà, più intel­li­gen­te e soste­ni­bi­le — e ser­ve anche ridur­re gli spo­sta­men­ti, eli­mi­nan­do quel­li inu­ti­li. Ser­ve ridur­re la pro­du­zio­ne di rifiu­ti.  Ser­vo­no cap­pot­ti per gli edi­fi­ci pub­bli­ci, impian­ti foto­vol­tai­ci e lam­pa­de a led. 

Ser­vo­no tan­te cose, insom­ma, ma soprat­tut­to ser­ve dar­si come sca­den­za tem­po­ra­le il 2020, non il 2030 (che poi vie­ne sem­pre da chie­der­si chi li veri­fi­che­rà que­sti obiet­ti­vi tra die­ci anni). E ser­vo­no obiet­ti­vi con­cre­ti e quan­ti­fi­ca­bi­li (tot pan­nel­li foto­vol­tai­ci per tot scuo­le, per capirci).

La Regio­ne Lom­bar­dia — la cui gui­da poli­ti­ca ha mostra­to in que­sti mesi tut­ta la pro­pria ina­de­gua­tez­za a tut­to il pae­se — ha stan­zia­to impor­tan­ti risor­se “per la ripre­sa eco­no­mi­ca” a favo­re dei comu­ni per pro­get­ti riguar­dan­ti «svi­lup­po soste­ni­bi­le, mobi­li­tà, ade­gua­men­to e mes­sa in sicu­rez­za di stra­de, scuo­le, edi­fi­ci pub­bli­ci e patri­mo­nio comu­na­le, abbat­ti­men­to del­le bar­rie­re archi­tet­to­ni­che, inter­ven­ti per fron­teg­gia­re il dis­se­sto idro­geo­lo­gi­co e per la riqua­li­fi­ca­zio­ne urba­na, effi­cien­ta­men­to ener­ge­ti­co, illu­mi­na­zio­ne pub­bli­ca, rispar­mio ener­ge­ti­co, edi­li­zia resi­den­zia­le pub­bli­ca». I lavo­ri dovran­no comin­cia­re entro la fine di que­sto otto­bre, pena la revo­ca dei finan­zia­men­ti. Quei comu­ni che ave­va­no nel cas­set­to pro­get­ti già avvia­ti han­no potu­to tirar­li fuo­ri e muo­ver­si ver­so l’at­tua­zio­ne. E per quei comu­ni che già ave­va­no pre­vi­sto a bilan­cio risor­se per inter­ven­ti di que­sto tipo si apri­ran­no nuo­ve e ulte­rio­ri pos­si­bi­li­tà per il 2021, spe­ran­do che la cri­si cli­ma­ti­ca non abbia già avu­to il sopravvento.

Oltre le paro­le, gli impe­gni a lun­go ter­mi­ne, i gran­di obiet­ti­vi, ci aspet­tia­mo (e sono urgen­ti) azio­ni imme­dia­te e con­cre­te.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il Clima entri nelle decisioni della Politica e la Politica si comporti in maniera coscienziosa, non guardando i sondaggi e pensando al prossimo appuntamento elettorale, ma guardi al futuro, alle generazioni future e a chi verrà dopo di loro.
Se scompaiono gli squali, l’Oceano muore. Quello stesso Oceano che produce il 50% dell’ossigeno che respiriamo, e assorbe il 25% dell’anidride carbonica che emettiamo. Se muore l’Oceano, moriamo noi.  Non ci resta, dunque, che salvare gli squali. 
500.000 firme per togliere risorse e giro d’affari alle mafie, per garantire la qualità e la sicurezza di cosa viene venduto e consumato, per mettere la parola fine a una criminalizzazione e a un proibizionismo che non hanno portato a nessun risultato. La cannabis non è una questione secondaria o risibile, ma un tema serio che riguarda milioni di italiani.