Se qualcosa deve essere fatto a distanza, meglio il lavoro della didattica

Se l’obbiettivo è il decongestionamento del trasporto pubblico, prima di pensare di isolare nuovamente gli alunni con la DAD – con tutti i limiti e le criticità legati all’accesso ai mezzi necessari e, quindi, alle lezioni – sarebbe auspicabile incentivare le forme di lavoro agile.

L’apripista è sta­to Bep­pe Sala, con­vin­to soste­ni­to­re del lavo­ro in pre­sen­za per una mal­ce­la­ta pau­ra di dis­se­sto eco­no­mi­co dell’indotto che ruo­ta intor­no a uffi­ci e cen­tri affa­ri, che su Mila­no ha sta­bi­li­to il rien­tro in sede per la mag­gior par­te del­la for­za lavo­ro nel set­to­re del­la Pub­bli­ca Ammi­ni­stra­zio­ne: si par­la di cir­ca 5000 lavo­ra­to­ri su 14000 che pos­so­no usu­frui­re di for­me di lavo­ro fles­si­bi­le per un tota­le com­ples­si­vo di 6 gior­ni al mese. Più o meno il 35% dei dipen­den­ti pub­bli­ci per cir­ca il 27% del tem­po lavo­ra­to mensile.

Eppu­re, nell’ultimo DPCM l’indicazione è di appli­ca­re il lavo­ro agi­le per i dipen­den­ti del­la Pub­bli­ca ammi­ni­stra­zio­ne in “alme­no” il 50 per cen­to di colo­ro che pos­so­no svol­ge­re la pro­pria atti­vi­tà a distanza.

D’altra par­te, il con­cet­to fisi­co di uffi­cio ha dimo­stra­to di poter esse­re supe­ra­to duran­te il loc­k­do­wn: non è più neces­sa­rio, per otte­ne­re otti­me per­for­man­ce, lavo­ra­re in pre­sen­za. E que­sto avreb­be un impat­to posi­ti­vo sul con­ge­stio­na­men­to dei mez­zi pub­bli­ci, al momen­to bel oltre la soglia di capien­za mas­si­ma che dovreb­be esse­re con­sen­ti­ta per garan­ti­re la sicu­rez­za dell’utenza.

Il Pre­si­den­te del­la Con­fe­ren­za Sta­to-Regio­ni e pre­si­den­te del­la Regio­ne Emi­lia Roma­gna, Ste­fa­no Bonac­ci­ni, nei gior­ni scor­si ha chie­sto al Gover­no di ripri­sti­na­re la didat­ti­ca a distan­za nel­le scuo­le, in modo da alleg­ge­ri­re il tra­spor­to pub­bli­co locale.

Pro­po­sta — ripre­sa anche da sva­ria­ti Sin­da­ci — che lascia inter­det­ti, spe­cial­men­te alla luce del fat­to che bam­bi­ni e ragaz­zi sono già sta­ti ampia­men­te pena­liz­za­ti nei mesi scor­si, così come la loro istru­zio­ne, men­tre l’azione – per quan­to lacu­no­sa – di Mini­ste­ro dal­le Pub­bli­ca Istru­zio­ne e ples­si sco­la­sti­ci ha sem­pre per­se­gui­to l’idea di garan­ti­re una socia­li­tà e una nor­ma­li­tà sco­la­sti­ca agli studenti.

Per­tan­to, se l’obbiettivo è il decon­ge­stio­na­men­to del tra­spor­to pub­bli­co, pri­ma di pen­sa­re di iso­la­re nuo­va­men­te gli alun­ni con la DAD – con tut­ti i limi­ti e le cri­ti­ci­tà lega­ti all’accesso ai mez­zi neces­sa­ri e, quin­di, alle lezio­ni – sareb­be auspi­ca­bi­le incen­ti­va­re le for­me di lavo­ro agi­le. Rac­co­man­da­zio­ne inclu­sa nel sopra cita­to DPCM, il qua­le spin­ge for­te­men­te affin­ché il lavo­ro da remo­to ven­ga appli­ca­to ai dipen­den­ti del­la PA e a tut­te le altre atti­vi­tà pro­fes­sio­na­li per cui sia adottabile.

Anche per­ché, e que­sto lo dimen­ti­chia­mo sem­pre, tra quel­li che dovreb­be­ro resta­re a casa da scuo­la ci sono tan­tis­si­mi mino­ren­ni che non pos­so­no esse­re lascia­ti soli (fino ai 14 anni si par­la di rea­to di abban­do­no di mino­re), con tut­to quel­lo che signi­fi­ca per i geni­to­ri che dovreb­be­ro comun­que ricor­re­re a qual­che for­ma di lavo­ro fles­si­bi­le oppu­re, peg­gio anco­ra come già avve­nu­to in pri­ma­ve­ra, dover sce­glie­re di lascia­re il pro­prio lavo­ro per dedi­car­si alla cura dei figli. Per non par­la­re del fat­to che que­sta scel­ta dolo­ro­sis­si­ma rica­de qua­si sem­pre sul­le madri, sol­le­van­do così tut­ta una serie di pro­ble­ma­ti­che degne di appro­fon­di­men­to sul gen­der gap e l’esclusione di gene­re dal mer­ca­to del lavo­ro, che abbia­mo denun­cia­to in pas­sa­to e che pur­trop­po, date que­ste pre­mes­se, sia­mo cer­ti avre­mo modo di appro­fon­di­re nuo­va­men­te in un futu­ro non trop­po distante.

Lo smart wor­king deve diven­ta­re uno stru­men­to ordi­na­rio di lavo­ro, e va incen­ti­va­to, non limi­ta­to. Ne va anche del­la qua­li­tà del­la vita degli indi­vi­dui. Per­de­re ore in auto o su mez­zi pub­bli­ci con­ge­stio­na­ti per spo­star­si da casa a lavo­ro a sca­pi­to di un più equi­li­bra­to life balan­ce non dovrà più esse­re neces­sa­rio. Il futu­ro sarà dif­fe­ren­te solo se avre­mo il corag­gio di imma­gi­nar­lo diver­so. La pan­de­mia, tra tan­ti aspet­ti nega­ti­vi, ha un lato posi­ti­vo: è un’occasione che non pos­sia­mo perdere.

L’occasione per inver­ti­re il para­dig­ma di svi­lup­po eco­no­mi­co, socia­le e ambien­ta­le: è uno sfor­zo neces­sa­rio, per lot­ta­re con­tro la pan­de­mia e insie­me con­tro i cam­bia­men­ti cli­ma­ti­ci. Se allar­ghia­mo l’inquadratura, diven­ta chia­ro come tut­to si tie­ne, e come sol­tan­to ana­liz­zan­do e inter­ve­nen­do sul siste­ma nel­la sua com­ples­si­tà con azio­ni inno­va­ti­ve e corag­gio­se si potran­no dav­ve­ro cam­bia­re le cose.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.
Cosa ha caratterizzato le destre di tutto il mondo negli ultimi anni se non la precisa strategia di solleticare la sfiducia e le paure dell’elettorato?
Non si possono fare tornare i vita i morti, non si può restituire la pace alle loro famiglie, né ricostituire tutte quelle vite e quelle famiglie che si sono sgretolate nel tempo, per conseguenze dirette ed indirette di un sistema mafioso e corrotto. Ma la giustizia sì che si può fare, ed è doveroso pretenderla. Per chi ha dato la vita per difenderla, per la nostra dignità di cittadini e per le generazioni future.