Coi neonazisti di Varese è ora di applicare la Costituzione

L’organizzazione varesina di dichiarata ispirazione neonazista, i cui 52 membri risultano sotto inchiesta per tentata ricostituzione del partito fascista e propaganda nazista, ha da poco riaperto – idealmente – la “Biblioteca Popolare” di età fascista: un consiglio di letture settimanali per la Comunità. 

Anco­ra una vol­ta la Comu­ni­tà Mili­tan­te dei Dodi­ci Rag­gi (o Do.Ra. – dai dodi­ci rag­gi del sole nero, sim­bo­lo del castel­lo tede­sco in cui ave­va­no sede le SS nazi­ste) fa par­la­re di sé. 

L’organizzazione vare­si­na di dichia­ra­ta ispi­ra­zio­ne neo­na­zi­sta, i cui 52 mem­bri risul­ta­no sot­to inchie­sta per ten­ta­ta rico­sti­tu­zio­ne del par­ti­to fasci­sta e pro­pa­gan­da nazi­sta, ha da poco ria­per­to – ideal­men­te – la “Biblio­te­ca Popo­la­re” di età fasci­sta: un con­si­glio di let­tu­re set­ti­ma­na­li per la Comu­ni­tà. 

“Deci­de­re qua­le fos­se il pri­mo libro da pro­por­vi sareb­be sta­to trop­po dif­fi­ci­le, quin­di ci sia­mo fat­ti gui­da­re dal­l’i­stin­to”, scri­vo­no i pro­mo­to­ri. E caso vuo­le che l’istinto por­tas­se pro­prio al Mein Kam­pf  hitle­ria­no e, a segui­re, Sto­ria di un anno di Beni­to Mus­so­li­ni, defi­ni­to “testo sacro”.

Ma que­sta è solo la cilie­gi­na sul­la tor­ta di anni di con­ti­nue inti­mi­da­zio­ni ed oltrag­gi. I Do.Ra. cele­bra­no ogni anno una festa in occa­sio­ne del com­plean­no di Adolf Hitler; han­no pro­te­sta­to con­tro l’attribuzione del­la cit­ta­di­nan­za ono­ra­ria vare­si­na alla Sena­tri­ce Lilia­na Segre (sareb­be – a loro dire – “un’innaturale equi­pa­ra­zio­ne” con la cit­ta­di­nan­za ono­ra­ria del­la stes­sa cit­tà con­ces­sa a Beni­to Mus­so­li­ni); han­no tap­pez­za­to le vie del Pri­de di Vare­se con volan­ti­ni recan­ti la fra­se “la leg­ge natu­ra­le vi con­dan­na all’estinzione”. La loro sede è sta­ta chiu­sa dopo che la Digos vi ha ritro­va­to asce, pugna­li, col­tel­li, car­tuc­ce a sal­ve, non­ché volan­ti­ni, mani­fe­sti, sim­bo­li runi­ci e nazi­sti. Han­no fie­ra­men­te riven­di­ca­to lo stri­scio­ne “Vare­se è fasci­sta”, appe­so all’ingresso del­la Festa del­la Resi­sten­za vare­si­na. Non man­ca­no poi le paro­le sul­lo sta­to di emer­gen­za deri­van­te dal­la pan­de­mia – urgen­za che defi­ni­sco­no “crea­ta ad hoc”: “Do.Ra. si sca­glia con­tro chi e con­tro cosa sta die­tro al COVID-19”, si leg­ge dal loro sito.

È fin trop­po faci­le fare i fasci­sti in uno Sta­to demo­cra­ti­co. Ma, oltre che faci­le, è sbagliato.

Ugua­glian­za, divie­to di discri­mi­na­zio­ne per nazio­na­li­tà, etnia, reli­gio­ne, ses­so, orien­ta­men­to poli­ti­co e ses­sua­le sono valo­ri fon­dan­ti dell’antifascismo, uni­ver­sa­li e inne­ga­bi­li nel­lo Sta­to di demo­cra­zia plu­ra­li­sta in cui, for­tu­na­ta­men­te, ci tro­via­mo. Tut­ta­via, le liber­tà demo­cra­ti­che non sono un lascia­pas­sa­re per mani­fe­sta­zio­ni d’odio. Atti di simi­le gra­vi­tà van­no pre­ve­nu­ti e con­dan­na­ti fer­ma­men­te. 

Non c’è e non ci deve esse­re più spa­zio per que­ste inti­mi­da­zio­ni e offe­se; a Vare­se, come nel resto d’Italia. 

Gli appel­li socia­li, però, non basta­no; è ora di far appli­ca­re la Costi­tu­zio­ne Ita­lia­na anche da chi sul­la Costi­tu­zio­ne ha giurato.

Wal­ter Girardi

Sil­via Casu

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

La cannabis riguarda 5 milioni di consumatori, secondo alcuni addirittura 6, molti dei quali sono consumatori di lungo corso che ne fanno un uso molto consapevole, non pericoloso per la società. Preparate lo SPID! Sarà una campagna brevissima, difficile, per cui servirà tutto il vostro aiuto. Ma si può fare. Ed è giusto provarci.
La crisi delle precipitazioni, così come l’aumento di fenomeni temporaleschi più violenti in termini di quantità di acqua e tempi più ristretti e l’innalzamento della quota dello zero termico ci devono spingere, se non costringere, a cambiare radicalmente il nostro approccio al sistema “montagna”. E questo impone anche un cambio drastico nella gestione del territorio anche dal punto di vista delle infrastrutture viabilistiche e sciistiche.
Come illustrato da Legambiente, le spiagge libere in Toscana e in particolare di quelle delle province di Lucca e Massa Carrara sono praticamente assenti: così nella regione (come in altre parti d'Italia) si consuma una grave privazione di un bene pubblico e un forte stress ambientale.