Boston, abbiamo un problema

La Boston Consulting Group (BCG) è un network mondiale che opera nella consulenza in vari campi tra i quali energia e conta tra i suoi clienti società come l’Eni. La consulenza dovrebbe ricadere sulle casse di Terna e Snam. Se la notizia fosse confermata, non si capirebbe perché il Ministero abbia deciso di non avvalersi delle competenze di enti pubblici o dello studio del tavolo sulla decarbonizzazione. A ciò si aggiunge il profilarsi di un vistoso conflitto di interessi che riguarderebbe il capo della segreteria tecnica del ministro, proveniente proprio dalla BCG.

Come annun­cia­to nei gior­ni scor­si abbia­mo pre­sen­ta­to un’interrogazione urgen­te al mini­stro Calen­da sul caso dell’asse­gna­zio­ne dell’incarico alla Boston Con­sul­ting Group per rea­liz­za­re la Stra­te­gia Ener­ge­ti­ca Nazio­na­le (Sen). Come anti­ci­pa­to dal­la stam­pa, la Boston Con­sul­ting Group (BCG) è un net­work mon­dia­le che ope­ra nel­la con­su­len­za in vari cam­pi tra i qua­li ener­gia e con­ta tra i suoi clien­ti socie­tà come l’Eni. La con­su­len­za dovreb­be rica­de­re sul­le cas­se di Ter­na e Snam.

Se la noti­zia fos­se con­fer­ma­ta, non si capi­reb­be per­ché il Mini­ste­ro abbia deci­so di non avva­ler­si del­le com­pe­ten­ze di enti pub­bli­ci qua­li l’Enea, il Gse, Rse o del­lo stu­dio del tavo­lo sul­la decar­bo­niz­za­zio­ne che ha lavo­ra­to pres­so la Pre­si­den­za del Con­si­glio negli ulti­mi mesi per l’ag­gior­na­men­to del­la Sen. A ciò si aggiun­ge il pro­fi­lar­si di un visto­so con­flit­to di inte­res­si che riguar­de­reb­be il capo del­la segre­te­ria tec­ni­ca del mini­stro, pro­ve­nien­te pro­prio dal­la BCG.

E’ evi­den­te che, in tem­pi di spen­ding review e di con­ti­nui tagli, è asso­lu­ta­men­te fuo­ri luo­go gra­va­re i bilan­ci con una con­su­len­za come quel­la in que­stio­ne, né sono chia­ri i moti­vi che han­no con­dot­to a que­sta deci­sio­ne, visto che in Ita­lia ci sareb­be­ro enti e agen­zie, qua­li appun­to l’Enea o la Gse che sareb­be­ro in gra­do di lavo­ra­re sul­la ste­su­ra Stra­te­gia ener­ge­ti­ca nazio­na­le con com­pe­ten­za e sen­za spre­co di risor­se pub­bli­che.

In più non sono chia­ri nem­me­no i cri­te­ri di sele­zio­ne, e gli even­tua­li costi, che han­no por­ta­to il Mise alla scel­ta del Boston Con­sul­ting Group.

Per que­sto chie­dia­mo al Mini­stro di chia­ri­re subi­to la veri­di­ci­tà del­la noti­zia e se non riten­ga oppor­tu­no e urgen­te pre­ci­sa­re le moti­va­zio­ni di que­sta scel­ta e ren­de­re imme­dia­ta­men­te pub­bli­ci i cri­te­ri e i costi che han­no con­dot­to all’affidamento per l’aggiornamento del­la Stra­te­gia ener­ge­ti­ca nazio­na­le alla stes­sa Boston Con­sul­ting Group.

Se tut­to ciò fos­se con­fer­ma­to chie­dia­mo a Calen­da di avvia­re imme­dia­ta­men­te un’ampia con­sul­ta­zio­ne degli sta­ke­hol­ders per arri­va­re alla defi­ni­zio­ne di una nuo­va Sen in linea con i tar­ge­ts euro­pei più avan­za­ti e in gra­do di rispon­de­re alla sfi­de sta­bi­li­te dagli Accor­di di Pari­gi per con­tra­sta­re i cam­bia­men­ti climatici.

Giu­sep­pe Civati

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.