Essere di seconda generazione

Essere di seconda generazione, non smetterò mai di dirlo, per me è come un dono: riesco ad immergermi in due società molto simili ma completamente opposte. Sono tunisina e quindi sono fortemente legata alle mie origini, alle mie tradizioni e anche all’attualità del mio paese; d’altro canto vivo in Italia da diciannove anni e nove mesi. Non mi sono mai spostata, non ho mai vissuto più di un mese all’anno in un altro paese. Ogni mese, di ogni anno, mi trovate sempre a Barletta: a casa, a scuola, in biblioteca, al circolo Arci, a fare volontariato da qualche parte o assistere a qualche evento che stuzzica il mio interesse.

di Sabri­ne Aouni

Esse­re di secon­da gene­ra­zio­ne, non smet­te­rò mai di dir­lo, per me è come un dono: rie­sco ad immer­ger­mi in due socie­tà mol­to simi­li ma com­ple­ta­men­te oppo­ste. Sono tuni­si­na e quin­di sono for­te­men­te lega­ta alle mie ori­gi­ni, alle mie tra­di­zio­ni e anche all’attualità del mio pae­se; d’altro can­to vivo in Ita­lia da dician­no­ve anni e nove mesi. Non mi sono mai spo­sta­ta, non ho mai vis­su­to più di un mese all’anno in un altro pae­se. Ogni mese, di ogni anno, mi tro­va­te sem­pre a Bar­let­ta: a casa, a scuo­la, in biblio­te­ca, al cir­co­lo Arci, a fare volon­ta­ria­to da qual­che par­te o assi­ste­re a qual­che even­to che stuz­zi­ca il mio interesse.

Eppu­re, nono­stan­te que­sto, fino ai diciot­to anni per lo sta­to ita­lia­no ero tuni­si­na e ave­vo la pos­si­bi­li­tà di vive­re in Ita­lia gra­zie ad una car­ta di sog­gior­no, fino ai sedi­ci anni ne ave­vo due: una riser­va­ta a mia madre, l’altra per mio padre. Poi final­men­te, ho rag­giun­to i diciot­to anni. Per i ragaz­zi ita­lia­ni com­pie­re diciot­to anni signi­fi­ca soprat­tut­to una cosa: “pos­so fare tut­to quel­lo che voglio” (che poi, è tutt’altro che vero); per me com­pie­re diciot­to anni vole­va dire poter final­men­te chie­de­re di usu­frui­re del dirit­to di cit­ta­di­nan­za ita­lia­na. Sì, que­sto pas­so così impor­tan­te del­la vita di una per­so­na per me vole­va dire solo que­sto. E così ‚dal 24 set­tem­bre del 2015, ini­zia la mia avven­tu­ra per l’acquisto del­la cit­ta­di­nan­za. Da set­tem­bre a gen­na­io i miei impe­gni ver­te­va­no tut­ti sul dover cumu­la­re tut­te le car­te uti­li alla richie­sta di cit­ta­di­nan­za: il mio excur­sus sco­la­sti­co, il libret­to che rac­co­glie­va la lista di tut­ti i vac­ci­ni fat­ti in Ita­lia , dun­que tut­to ciò che dimo­stras­se che sono sem­pre sta­ta qui sul ter­ri­to­rio ita­lia­no, non sono rima­sta più di “x” gior­ni fuo­ri Ita­lia e che dices­se “sì Sabri­ne è una bra­va ragaz­za, si meri­ta la cit­ta­di­nan­za ita­lia­na”. A gen­na­io final­men­te ave­vo com­ple­ta­to tut­to l’occorrente e man­dai la richiesta.

Dopo infi­ni­ti andi­ri­vie­ni al comu­ne di Bar­let­ta a mag­gio diven­to cit­ta­di­na ita­lia­na: feli­ce ma anche sfi­ni­ta, ecci­ta­ta ma allo stes­so tem­po ama­reg­gia­ta. Ero diven­ta­ta ita­lia­na per­ché ave­vo com­pra­to la cit­ta­di­nan­za ita­lia­na: sono ita­lia­na per­ché ho paga­to cir­ca 216 euro di tas­se per esser­lo. E allo­ra le doman­de che frul­la­va­no nel­la mia testa, le doman­de che mi frul­la­no anco­ra in testa sono: l’Italia è feli­ce di ave­re un’altra cit­ta­di­na? Vuo­le che chi nasce nel ter­ri­to­rio ita­lia­no sia fede­le alla Costi­tu­zio­ne e alle leg­gi ita­lia­ne? Che rie­sca a dare qual­co­sa in più al pro­prio pae­se? Evi­den­te­men­te no. Par­lia­mo spes­so di raz­zi­smo, vado di cit­tà in cit­tà a par­la­re del­le espe­rien­ze che ho vis­su­to, del­la gen­te che mi ha insul­ta­ta, stig­ma­tiz­za­ta date le mie ori­gi­ni ma sono giun­ta alla con­clu­sio­ne per cui ho capi­to che è sta­ta una del­le mie ter­re, attra­ver­so le sue isti­tu­zio­ni, la pri­ma a discri­mi­nar­mi, ad esse­re qua­si costret­ta a dar­mi la pos­si­bi­li­tà di nasce­re e vive­re qui.

Oggi sono cit­ta­di­na ita­lia­na, feli­ce di con­tri­bui­re alla cre­sci­ta di que­sto pae­se, nono­stan­te non mi abbia volu­ta con sé ma lo per­do­no per que­sto. Voglio cam­bia­re l’Italia, cre­do anco­ra in que­sta nazio­ne e so che lei stes­sa è pron­ta a cam­bia­re a diven­ta­re uno sta­to più inclu­si­vo, più aper­to in cui la diver­si­tà crea cul­tu­ra e progresso.

Per que­sta ragio­ne voglio che lo ius soli tem­pe­ra­to e lo ius cul­tu­rae non sia­no l’unica alter­na­ti­va pos­si­bi­le alle vec­chie pro­po­ste di leg­ge. Voglio che le pros­si­me gene­ra­zio­ni pos­sa­no esse­re ita­lia­ne anche se i geni­to­ri non pos­sie­do­no per­mes­si di sog­gior­no di lun­go perio­do, pos­sa­no esse­re ita­lia­ne anche sen­za dover mostra­re la dichia­ra­zio­ne espli­ci­ta del geni­to­re, sen­za dover atten­de­re i diciott’anni di età e paga­re una som­ma di dena­ro per otte­ne­re un dirit­to di cui nes­sun uomo deve esse­re pri­va­to (art. 15 com­ma 1 del­la Dichia­ra­zio­ne Uni­ver­sa­le dei Dirit­ti dell’Uomo), pos­sa­no esse­re ita­lia­ne sen­za dover neces­sa­ria­men­te ave­re geni­to­ri con un red­di­to mini­mo sala­ria­le o un allog­gio che rien­tri in deter­mi­na­ti cano­ni, pos­sa­no esse­re ita­lia­ne anche se, per qual­che moti­vo, sia­no sta­te boc­cia­te alle scuo­le pri­ma­rie, secon­da­rie o supe­rio­ri.

Per que­sta ragio­ne a que­ste due pro­po­ste di leg­ge io ne pre­fe­ri­rei un’altra: ius omni­bus; in cui tut­ti, se nati in Ita­lia, pos­so­no usu­frui­re del­la cit­ta­di­nan­za ita­lia­na, sen­za dover­la com­pra­re a 216 euro e sen­za dover mostra­re qual­co­sa in più rispet­to ad un bam­bi­no ita­lia­no.

Sarà mai possibile?

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.
Cosa ha caratterizzato le destre di tutto il mondo negli ultimi anni se non la precisa strategia di solleticare la sfiducia e le paure dell’elettorato?
Non si possono fare tornare i vita i morti, non si può restituire la pace alle loro famiglie, né ricostituire tutte quelle vite e quelle famiglie che si sono sgretolate nel tempo, per conseguenze dirette ed indirette di un sistema mafioso e corrotto. Ma la giustizia sì che si può fare, ed è doveroso pretenderla. Per chi ha dato la vita per difenderla, per la nostra dignità di cittadini e per le generazioni future.