La sfida italiana della Chimica Verde: leader silenziosi #primadeldiluvio

Continua la rassegna #Primadeldiluvio. Questa volta Sofia Mannelli ci parla della Chimica Verde e delle opportunità - sia di sviluppo che occupazionali - che offre al nostro paese, che già si colloca all'avanguardia nel settore.

Con­ti­nua la nostra ras­se­gna #Pri­ma­del­di­lu­vio, quel­lo vero. Per costrui­re un pro­gram­ma di gover­no che reg­ga dal pun­to di vista del­la soste­ni­bi­li­tà ambien­ta­le e del­lo svi­lup­po com­pa­ti­bi­le con le risor­se natu­ra­li. I con­tri­bu­ti pre­ce­den­ti, a ope­ra di esper­ti e ope­ra­to­ri di diver­si set­to­ri, li tro­va­te clic­can­do qui.

 

La Bio­e­co­no­mia è la teo­ria che, accer­ta­to il limi­te bio­fi­si­co alla cre­sci­ta sul­la Ter­ra, mira ad ela­bo­ra­re cri­ti­ca­men­te l’opposizione fra cre­sci­ta eco­no­mi­ca e svi­lup­po soste­ni­bi­le. All’interno di que­sta pen­sie­ro entra la Chi­mi­ca Ver­de che rap­pre­sen­ta un nuo­vo approc­cio, più soste­ni­bi­le, a tut­ti i pro­ces­si indu­stria­li che coin­vol­go­no la chimica.

Noi dell’Associazione Chi­mi­ca Ver­de Bio­net, inter­pre­tia­mo il con­cet­to con un’ac­ce­zio­ne anco­ra più ristret­ta: per noi rap­pre­sen­ta un rivo­lu­zio­na­rio cam­bia­men­to epo­ca­le, ovve­ro la sosti­tu­zio­ne del car­bo­nio di ori­gi­ne fos­si­le, per­trol­chi­mi­ca, con car­bo­nio rin­no­va­bi­le di ori­gi­ne vege­ta­le.

Si par­la mol­to di decar­bo­niz­za­zio­ne dell’economia e la chi­mi­ca ver­de rap­pre­sen­ta una pie­tra milia­re del­la ridu­zio­ne del­le emis­sio­ni cli­mal­te­ran­ti, in quan­to riu­ni­sce intor­no a se l’insieme del­le tec­no­lo­gie che — par­ten­do sia da mate­rie pri­me vege­ta­li, sia da col­tu­re col­ti­va­te che da resi­dui e scar­ti — pos­so­no e potran­no pro­dur­re bio­pla­sti­che, pro­dot­ti per bio­e­di­li­zia, bio­co­sme­si, mole­co­le atti­ve per mez­zi tec­ni­ci per l’agricoltura così come per ali­men­ta­zio­ne uma­na e nutra­ceu­ti­ca, pro­dot­ti ener­ge­ti­ci, i cosid­det­ti “bui­ding blocks” (ovve­ro inter­me­di di chi­mi­ca di base con cui costrui­re com­po­sti com­ples­si). Pra­ti­ca­men­te qua­si tut­to quel­lo che attual­men­te ha una com­po­nen­te di ori­gi­ne fos­si­le può esse­re pro­dot­to in modo soste­ni­bi­le e rinnovabile.

Que­sti bio­pro­dot­ti ven­go­no rea­liz­za­ti nell’industria del futu­ro che ha il nome di “Bio­raf­fi­ne­ria”. Un model­lo indu­stria­le nuo­vo che per­met­te di pro­dur­re bio­pro­dot­ti soste­ni­bi­li diver­si, oltre che di ridur­re al con­tem­po l’uso del­le mate­rie pri­me, spes­so impor­ta­te da pae­si lon­ta­ni, e quel­lo dei rifiu­ti.

Si trat­ta di più impian­ti in un uni­co sito, dove le mate­rie pri­me in ingres­so, di soli­to pro­ve­nien­ti dal ter­ri­to­rio cir­co­stan­te, entra­no in un pro­ces­so defi­ni­to “a casca­ta”, nel qua­le il resi­duo di un impian­to rap­pre­sen­ta la mate­ria pri­ma in ingres­so dell’impianto suc­ces­si­vo, fin quan­do dall’ultimo scar­to non si rie­sce più ad estrar­re nien­te, sia per costi trop­po ele­va­ti, sia per­ché ormai è sta­to vera­men­te uti­liz­za­to al meglio. Nor­mal­men­te l’ultimo scar­to vie­ne uti­liz­za­to per pro­dur­re ener­gia. Il tut­to con cri­te­ri di soste­ni­bi­li­tà che ne assi­cu­ri­no il risul­ta­to miglio­re in ter­mi­ni di mino­ri emis­sio­ni e mino­re impat­to sull’ambiente e sul­la salu­te del­le persone.

Non è fan­ta­scien­za, l’Italia con le sue PMI e gli impor­tan­ti cen­tri di ricer­ca pub­bli­ca e pri­va­ta, rap­pre­sen­ta uno dei lea­der del set­to­re a livel­lo mon­dia­le. Si pro­du­co­no già bio­pla­sti­che par­ten­do dal car­do in Sar­de­gna; bio­e­ta­no­lo par­ten­do dal­la paglia e da altra cel­lu­lo­sa in Pie­mon­te; si pro­du­co­no bio­lu­bri­fi­can­ti e bio­de­ter­gen­ti par­ten­do dai resi­dui del­la filie­ra olea­ria in Puglia; si pro­du­co­no manu­fat­ti di bio­pla­sti­che par­ten­do dai resi­dui del­la filie­ra del­la bar­ba­bie­to­la da zuc­che­ro in Emi­lia Roma­gna; mole­co­le atti­ve e cor­ro­bo­ran­ti che sosti­tui­sco­no bio­fu­mi­gan­ti estre­ma­men­te tos­si­ci ma neces­sa­rie nel­la dife­sa fito­sa­ni­ta­ria in Tosca­na, par­ten­do da alcu­ne pian­te sele­zio­na­te dal­la ricer­ca del CREA; pan­no­li­ni bio­de­gra­da­bi­li e com­po­sta­bi­li, ovve­ro da poter esse­re mes­si nel con­te­ni­to­re dell’umido, nel­la rac­col­ta dif­fe­ren­zia­ta. Pos­sia­mo pre­sen­ta­re mil­le altri esem­pi, come i gio­iel­li rea­liz­za­ti con scar­ti dell’industria itti­ca, la “Pel­le­me­la” rea­liz­za­ta con gli scar­ti del­le mele con la qua­le già si fab­bri­ca­no scar­pe, vesti­ti e diva­ni, o vaschet­te di “Poli­pla”, pra­ti­ca­men­te iden­ti­co al poli­sti­re­ne ma pro­dot­to da amido.

Quel­lo che è impor­tan­te sape­re è che que­sti esem­pi ripor­ta­ti non rap­pre­sen­ta­no pro­du­zio­ni di nic­chia per pochi inna­mo­ra­ti dell’ecosostenibilità: sono pro­dot­ti in milio­ni di pez­zi e ven­du­ti in tut­to il mon­do. Spes­so non sap­pia­mo di ave­re in mano un bio­pro­dot­to ma, già sono nell’uso quo­ti­dia­no, la car­ta dove si met­te la baguet­te cal­da nei super­mer­ca­ti ha una fine­stra tra­spa­ren­te: quel­la è una bio­pla­sti­ca. Mol­ta pla­sti­ca uti­liz­za­ta nel pac­ka­ging di pro­dot­ti pron­ti (ver­du­re lava­ta ad esem­pio) sono in bio­pla­sti­ca, che spes­so ha anche il “dono” di allun­ga­re la vita uti­le del pro­dot­to (la data di sca­den­za). Ormai la Chi­mi­ca ver­de ci accom­pa­gna nel­la vita di tut­ti i gior­ni e inol­tre aiu­ta l’ambiente e le impre­se italiane!

Ser­vo­no mol­te azio­ni poli­ti­che per con­so­li­da­re que­sta lea­der­ship ita­lia­na nel mon­do. Ser­ve una fisca­li­tà ambien­ta­le che rico­no­sca le ester­na­li­tà posi­ti­ve deter­mi­na­te dai bio­pro­dot­ti, ovve­ro il rico­no­sci­men­to che un bio­pro­dot­to dimi­nui­sce i costi ambien­ta­li e socia­li del­l’a­na­lo­go pro­dot­to fos­si­le sosti­tui­to. Ser­vo­no stru­men­ti ammi­ni­stra­ti­vi ade­gua­ti che per­met­ta­no rapi­di iter ammi­ni­stra­ti­vi per la rea­liz­za­zio­ne del­le bio­raf­fi­ne­rie inte­gra­te. Ser­ve una nor­ma­ti­va aggior­na­ta alle miglio­ri pra­ti­che che con­sen­ta la gestio­ne cor­ret­ta del fine vita dei bio­pro­dot­ti: trop­pe vol­te ci tro­via­mo con mate­ria­li bio­de­gra­da­bi­li e/o com­po­sta­bi­li che non pos­sia­mo met­te­re nel­la rac­col­ta dif­fe­ren­zia­ta del­l’u­mi­do (dove natu­ral­men­te dovreb­be­ro anda­re) per­ché impe­di­to da nor­ma­ti­ve obso­le­te o appro­va­te dal nostro Par­la­men­to ma fer­me a Bru­xel­les per veri­fi­che. Ser­vo­no stru­men­ti intel­li­gen­ti di infor­ma­zio­ne e for­ma­zio­ne dei cit­ta­di­ni che non cono­sco­no que­ste real­tà e quin­di non pos­so­no ren­der­si con­to del­le mera­vi­glio­se pos­si­bi­li­tà che han­no a dispo­si­zio­ne e non capi­sco­no per­ché acqui­sta­re un bio­pro­dot­to che ha anco­ra, qua­si sem­pre, costi ovvia­men­te più alti.

Ma soprat­tut­to ser­ve una clas­se poli­ti­ca che si ren­da con­to di que­sta real­tà e costrui­sca un pia­no stra­te­gi­co con­cre­to e sta­bi­le per tale set­to­re. Qual­co­sa sta già suc­ce­den­do ma sem­pre sen­za una cabi­na di regia tra mini­ste­ri, trop­po spes­so con­cor­ren­ti tra di loro in una mate­ria che abbrac­cia mol­te com­pe­ten­ze e mol­ti saperi.

Per que­sto chie­dia­mo al Gover­no che se ne occu­pi seria­men­te. O che alme­no non affos­si que­sto set­to­re come già suc­ces­so con le rin­no­va­bi­li, dato che al momen­to non è sta­to stan­zia­to un euro pub­bli­co per la Chi­mi­ca Ver­de e sia­mo comun­que in otti­ma salute.

Sofia Man­nel­li

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.