Violenze ai confini europei: storie e denunce ormai ordinarie e quotidiane

«Dicono che la polizia croata ha rubato tutti i loro soldi e distrutto tutti i documenti compresi, per esempio, anche la documentazione medica». Mostrano i segni delle violenze.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Non è sem­pli­ce sti­ma­re quan­ti e chi sia­no, eppu­re sap­pia­mo di per cer­to che ci sono miglia­ia di per­so­ne anco­ra bloc­ca­te sul­la rot­ta bal­ca­ni­ca. Quel­la che qual­cu­no si sogna­va di aver “chiu­so” dele­gan­do i respin­gi­men­ti alla Tur­chia, dimen­ti­can­do­si che fer­ma­re per­so­ne in fuga, che han­no già per­cor­so miglia­ia di chi­lo­me­tri a pie­di, su mez­zi di for­tu­na, pagan­do pas­sa­to­ri e rischian­do la vita. Abbia­mo rac­con­ta­to del con­fi­ne tra Bosnia e Croa­zia esat­ta­men­te un mese fa, quan­do ormai dava segna­li di “sta­bi­liz­za­zio­ne” la nuo­va rot­ta che pas­sa, appun­to, per la Bosnia.

A un mese di distan­za la situa­zio­ne sem­bra esse­re — se pos­si­bi­le — addi­rit­tu­ra peg­gio­ra­ta. Are you Syrious? (AYS), net­work indi­pen­den­te di volon­ta­ri e gior­na­li­sti che da anni moni­to­ra la rot­ta bal­ca­ni­ca, ha rac­col­to nume­ro­se testi­mo­nian­ze di per­so­ne che sono sta­te respin­te dal­la poli­zia croa­ta e che, dal­la stes­sa, han­no subi­to vio­len­ze. «Dico­no che la poli­zia croa­ta ha ruba­to tut­ti i loro sol­di e distrut­to tut­ti i docu­men­ti com­pre­si, per esem­pio, anche la docu­men­ta­zio­ne medi­ca». Mostra­no i segni del­le vio­len­ze. Le denun­ce che da mesi AYS sono sta­te «fat­te cade­re dal mini­ste­ro del­l’in­ter­no croa­to sen­za con­tro-argo­men­ta­re, ma accu­san­do sola­men­te le orga­niz­za­zio­ne di volon­ta­ri di esse­re dei pas­sa­to­ri e di men­ti­re». «Dopo esse­re sta­ti bloc­ca­ti dal­la poli­zia croa­ta — pro­se­gue AYS -, le per­so­ne sono soli­ta­men­te fat­te sali­re su fur­go­ni sen­za fine­stre, a tem­pe­ra­tu­re ele­va­te, e ripor­ta­te in ter­ri­to­rio bosnia­co», dove ven­go­no abban­do­na­te a loro stesse.

Lo stes­so trat­ta­men­to vie­ne riser­va­to a don­ne, spes­so in pre­sen­za dei pro­pri figli. Lo rac­con­ta sem­pre su AYS una volon­ta­ria di No Name Kit­chen: «nel­le ulti­me due set­ti­ma­ne abbia­mo rile­va­to 17 casi di respin­gi­men­ti vio­len­ti di don­ne da Slo­ve­nia e Croa­zia ver­so la Bosnia. Cir­ca la metà di que­sti coin­vol­ge­va­no mino­ri». Una di que­ste don­ne ha raccontato:

Vole­vo solo anda­re in Slo­ve­nia, ma la poli­zia croa­ta mi ha pre­so per stra­da. La poli­zia ha pre­so tut­ti i miei sol­di, 500 euro, e se li è mes­si in tasca. Han­no pre­so tut­ti i nostri cel­lu­la­ri, han­no pre­so il por­ta­ti­le di mio figlio, mi han­no schiaf­feg­gia­to sul­la boc­ca e dap­per­tut­to. Pote­vo sen­ti­re l’o­do­re di alcol. Quan­do ci han­no depor­ta­to in Bosnia si sono com­por­ta­ti come ani­ma­li. Ci col­pi­va­no e ride­va­no alle nostre spal­le. Ave­va­no sia man­ga­nel­li metal­li­ci che elet­tro­ni­ci. Un poli­ziot­to mi ha col­pi­to e sono cadu­ta a ter­ra, e dopo che mi ave­va col­pi­to con un basto­ne, e dopo ogni col­po, ride­va: “ah, ah, ah, ah!”. Dopo mi han­no schiaf­feg­gia­to sul­la boc­ca. Han­no anche col­pi­to mio figlio, l’han­no schiaf­feg­gia­to in fac­cia… Ho dovu­to lascia­re l’I­ran per­ché mio mari­to mi pic­chia­va. Se tor­no, mio mari­to mi ucci­de. Il gover­no nel mio pae­se è un gros­so pro­ble­ma. Ma non avreb­be­ro mai pic­chia­to una donna.

Dei volon­ta­ri ita­lia­ni han­no inol­tre rac­con­ta­to che «tre per­so­ne ira­nia­ne che abbia­mo cono­sciu­to nei nostri pri­mi viag­gi a Bihac han­no ten­ta­to il ‘game’ (cioè il ten­ta­ti­vo di pas­sa­re il con­fi­ne, n.d.a.) per l’en­ne­si­ma vol­ta» e anche que­sta vol­ta gli è anda­ta. Il trat­ta­men­to rice­vu­to que­sta vol­ta dal­la poli­zia croa­ta — denun­cia­no — «è sta­to ter­ri­bi­le: oltre al soli­to fur­to di tut­to il dana­ro e cel­lu­la­ri (o rot­tu­ra se vec­chi), dopo aver­li pic­chia­ti a san­gue li han­no get­ta­ti nel fiu­me. A Bihac han­no ten­ta­to di far­si por­ta­re in ospe­da­le, ma su più di mil­le rifu­gia­ti l’as­si­sten­za è tale che non sono anco­ra sta­ti cura­ti. Uno di loro non rie­sce nena­che a muo­ver­si, for­se ha fratture».

Sono sto­rie di ordi­na­ria e quo­ti­dia­na vio­len­za che si veri­fi­ca­no ormai da anni ai con­fi­ni del­l’U­nio­ne euro­pea, quel­l’U­nio­ne che avreb­be dovu­to esse­re ter­ra di pace e di asso­lu­ta tute­la dei dirit­ti uma­ni.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.