Nave Diciotti: quando il sequestro di persona avviene per mano dello Stato

Da giorni (non da poche ore) 177 persone, tutti potenziali richiedenti asilo, tra i quali anche soggetti vulnerabili, che hanno subito traumi, che sono stati torturati, violentati, maltrattati nel loro percorso migratorio, persone ammalate o ferite e bisognose di cure, sono bloccate, private della libertà di locomozione, all’interno di una nave della Guardia Costiera italiana.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]L’art. 605 del codi­ce pena­le sta­bi­li­sce che «Chiun­que pri­va talu­no del­la liber­tà per­so­na­le è puni­to con la reclu­sio­ne da sei mesi a otto anni. La pena è del­la reclu­sio­ne da uno a die­ci anni, se il fat­to è com­mes­so […] da un pub­bli­co uffi­cia­le, con abu­so dei pote­ri ine­ren­ti alle sue fun­zio­ni».

Per­ché il rea­to sus­si­sta è suf­fi­cien­te che vi sia sta­ta in con­cre­to una limi­ta­zio­ne del­la liber­tà fisi­ca del­la per­so­na, tale da pri­var­la del­la capa­ci­tà di spo­star­si da un luo­go all’al­tro, a nul­la rile­van­do la dura­ta del­lo sta­to di pri­va­zio­ne del­la liber­tà, che può esse­re limi­ta­ta ad un tem­po anche bre­ve (Cass. Pen., sez. V, sen­ten­za 22 feb­bra­io 2005, n. 6488).

Da gior­ni (non da poche ore) 177 per­so­ne, tut­ti poten­zia­li richie­den­ti asi­lo, tra i qua­li anche sog­get­ti vul­ne­ra­bi­li, che han­no subi­to trau­mi, che sono sta­ti tor­tu­ra­ti, vio­len­ta­ti, mal­trat­ta­ti nel loro per­cor­so migra­to­rio, per­so­ne amma­la­te o feri­te e biso­gno­se di cure, sono bloc­ca­te, pri­va­te del­la liber­tà di loco­mo­zio­ne, all’interno di una nave del­la Guar­dia Costie­ra ita­lia­na.

Sono su una nave, in mare, distan­ti dal­la costa, sor­ve­glia­ti da uomi­ni arma­ti e quin­di non sono libe­ri di spo­star­si, di ricon­giun­ger­si coi loro fami­lia­ri, di acce­de­re alle cure, di avvia­re la pro­ce­du­ra di pro­te­zio­ne inter­na­zio­na­le. Sono, in altre paro­le, per­so­ne iner­mi e incen­su­ra­te, pri­va­te ille­git­ti­ma­men­te del­la liber­tà per­so­na­le e impe­di­te nell’esercizio di dirit­ti uma­ni fondamentali.

L’art. 13 del­la Costi­tu­zio­ne pre­ve­de che “Non è ammes­sa for­ma alcu­na di deten­zio­ne, di ispe­zio­ne o per­qui­si­zio­ne per­so­na­le, né qual­sia­si altra restri­zio­ne del­la liber­tà per­so­na­le, se non per atto moti­va­to del­l’au­to­ri­tà giu­di­zia­ria.”

I migran­ti a bor­do del­la Diciot­ti sono pri­va­ti del­la liber­tà per­so­na­le sen­za che ciò sia sta­to deci­so da un magi­stra­to. E anche se si rite­nes­se­ro sus­si­sten­ti “casi ecce­zio­na­li di neces­si­tà ed urgen­za indi­ca­ti tas­sa­ti­va­men­te dal­la leg­ge”, l’au­to­ri­tà di pub­bli­ca sicu­rez­za avreb­be dovu­to comu­ni­ca­re l’applicazione di det­ta misu­ra restrit­ti­va prov­vi­so­ria entro 48 ore all’au­to­ri­tà giu­di­zia­ria per la con­va­li­da, sen­za la qua­le, si inten­de­reb­be revo­ca­ta e pri­va di ogni effetto.

La Cor­te di Cas­sa­zio­ne ha chia­ri­to che anche il cosid­det­to trat­te­ni­men­to o la deten­zio­ne “ammi­ni­stra­ti­va” (in un CIE o CPR) deve rispet­ta­re tale ter­mi­ne, a pena di nul­li­tà, dal momen­to che il trat­te­ni­men­to deve con­si­de­rar­si misu­ra ecce­zio­na­le e limi­ta­ti­va del­la liber­tà per­so­na­le ex art. 13 del­la Costituzione.

Impe­di­re l’approdo ai migran­ti sal­va­ti dove­ro­sa­men­te in mare costi­tui­sce una misu­ra attra­ver­so cui vie­ne limi­ta­ta o ristret­ta la liber­tà per­so­na­le e se usa­to per otte­ne­re dagli altri pae­si euro­pei una redi­stri­bu­zio­ne dei mede­si­mi, la stru­men­ta­li­tà e l’illegittimità del­la con­dot­ta è incon­tro­ver­ti­bi­le.

Dun­que, io sono solo un avvo­ca­to per i dirit­ti uma­ni, ma se fos­si un magi­stra­to, apri­rei un fasci­co­lo, non con­tro igno­ti ma con nomi e cogno­mi, ipo­tiz­zan­do il rea­to di seque­stro di persona.

E se fos­si un pub­bli­co uffi­cia­le con qual­che pote­re deci­sio­na­le (come il coman­dan­te del­la nave Diciot­ti) di fron­te ad un ordi­ne ille­git­ti­mo, qua­le è quel­lo di trat­te­ne­re per­so­ne in mare con­tro la loro volon­tà, eser­ci­te­rei il dove­re giu­ri­di­co di disob­be­di­re (Art. 51 c.p.) con­du­cen­do la nave in por­to e favo­ren­do un appro­do sicu­ro e tempestivo.

Coi “se”, si dirà, non si fa la sto­ria ma alme­no si denun­cia con chia­rez­za una gra­ve situa­zio­ne di ille­ga­li­tà e di fla­gran­te vio­la­zio­ne del­la Costi­tu­zio­ne e del­le leg­gi, adem­pien­do a quel dove­re inde­ro­ga­bi­le di soli­da­rie­tà che l’art. 2 del­la Car­ta pone in capo a ogni cit­ta­di­no, per­ché il rico­no­sci­men­to e la garan­zia dei dirit­ti invio­la­bi­li del­la per­so­na uma­na sia­no effet­ti­vi e non resti­no meri enunciati.

Non si trat­ta di esse­re uma­ni o buoni(sti), di destra o di sini­stra, con­ser­va­to­ri o pro­gres­si­sti: la feri­ta aper­ta sul cor­po vivo del­la Costi­tu­zio­ne rischia di infet­tar­si e di allar­gar­si fino a toc­ca­re qual­cu­no vici­no a noi o noi stes­si. I regi­mi fan­no le pro­ve gene­ra­li sul­le mino­ran­ze e se l’esperimento è coper­to dall’indifferenza o per­si­no dal cini­co plau­so gene­ra­le, ini­zia la fine del­la liber­tà di tut­ti.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.