Varese: contro le chiusure scende in piazza l’omofobia

Ieri sera, in una manifestazione dove erano di casa anche i saluti romani e dove era evidente la presenza dei gruppi neofascisti della zona, è stato esposto, nell’indifferenza generale, uno striscione omofobo e violento che nulla aveva a che fare con i contenuti del DPCM: “Casalino ricchione, Conte il suo pappone”.

In que­sti gior­ni, in mol­te cit­tà ita­lia­ne sono sta­ti orga­niz­za­ti dei pre­si­di (auto­riz­za­ti e non auto­riz­za­ti) per pro­te­sta­re con­tro le dispo­si­zio­ni con­te­nu­te nell’ultimo DPCM.

Anche Vare­se ha volu­to aggiun­ger­si a que­sto elen­co di piaz­ze, ma come capi­ta spes­so, a Vare­se qual­cu­no rie­sce sem­pre a distin­guer­si in peggio.

Ieri sera, in una mani­fe­sta­zio­ne dove era­no di casa anche i salu­ti roma­ni e dove era evi­den­te la pre­sen­za dei grup­pi neo­fa­sci­sti del­la zona, è sta­to espo­sto, nell’indifferenza gene­ra­le, uno stri­scio­ne omo­fo­bo e vio­len­to che nul­la ave­va a che fare con i con­te­nu­ti del DPCM: “Casa­li­no ric­chio­ne, Con­te il suo pappone”.

Ci chie­dia­mo cosa c’entri l’orientamento ses­sua­le del­le per­so­ne con i con­te­nu­ti del DPCM e con le cri­ti­che al Gover­no. Pur­trop­po quan­do le orga­niz­za­zio­ne fasci­ste e di destra scen­do­no in piaz­za è scon­ta­to tro­va­re stri­scio­ni di que­sto teno­re. 

Con­dan­nia­mo la vio­len­za di quel­lo stri­scio­ne e con­dan­nia­mo una piaz­za che con il suo silen­zio ha dimo­stra­to di con­di­vi­de­re e di non esse­re distur­ba­ta da quel messaggio.

Auspi­chia­mo che qual­cu­no oggi pren­da posi­zio­ne su quan­to avve­nu­to ieri sera, e ci rife­ria­mo in modo par­ti­co­la­re agli espo­nen­ti poli­ti­ci vare­sot­ti e non, che ieri sera era­no in piaz­za, alle isti­tu­zio­ni demo­cra­ti­che ma anche alle asso­cia­zio­ni di cate­go­ria che stan­no scen­den­do in piaz­za in que­ste sere.

Noi cre­dia­mo che il dis­sen­so, anche quel­lo orga­niz­za­to da asso­cia­zio­ni di cate­go­rie o sem­pli­ci cit­ta­di­ni, se espres­so civil­men­te e se ha dav­ve­ro a cuo­re gli inte­res­si del­le per­so­ne per cui dice di scen­de­re in piaz­za, dovreb­be pren­de­re le oppor­tu­ne distan­ze da que­sti episodi.

Appro­fit­tia­mo infi­ne per riba­di­re due aspet­ti poli­ti­ci che soste­nia­mo da sem­pre. Le orga­niz­za­zio­ni e i grup­pi fasci­sti van­no sciol­ti men­tre a chi con­ti­nua a riba­di­re che in Ita­lia non c’è biso­gno di una leg­ge che con­tra­sti l’omolesbobitransfobia, riba­dia­mo che dopo l’episodio di Vare­se que­sta è anco­ra più necessaria.

Wal­ter Girardi

Por­ta­vo­ce Comi­ta­to Rosa Parks di Vare­se Possibile.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Era il 23 settembre quando il Presidente del Consiglio Mario Draghi, all’Assemblea di Confindustria, dice “Il governo non aumenterà le tasse, è il momento di dare non prendere”. Quello che viene da chiedersi, guardando la timidissima manovra, è a chi diamo, e soprattutto a chi non diamo.
La Ministra dell’Interno Lamorgese dovrebbe chiarire quale sia l’intenzione del governo circa la sorte degli ottocento precari rimasti in carico presso le sedi di servizio interessate dalle procedure di regolarizzazione e delle medesime istanze sospese.
La priorità è difendere la vittima, difendere chi denuncia, anche e soprattutto quando lo Stato chiede espressamente alla vittima di denunciare per poter intervenire.