Guardo il cielo con gli occhi fissi per terra

I costi ambientali, sociali ed economici sono ingenti e non è assolutamente pensabile di uscire da questa situazione intervenendo solo dopo che i danni si sono verificati.

di Wal­ter Girardi

Sono mesi che venia­mo inon­da­ti di nume­ri: tam­po­ni, per­cen­tua­li, con­ta­gi in aumen­to o in dimi­nu­zio­ne. Met­tia­mo un momen­to in stand by que­sti nume­ri, per con­cen­trar­ci su altri.

Quan­do par­lia­mo di con­tra­sto ai cam­bia­men­ti cli­ma­ti­ci e alle emis­sio­ni, ci rife­ria­mo a tut­to ciò che acca­de in atmo­sfe­ra, alle con­cen­tra­zio­ni di gas cli­mal­te­ran­ti, alle cor­ren­ti fred­de e cal­de che si scon­tra­no e che gene­ra­no feno­me­ni mete­reo­lo­gi­ci impres­sio­nan­ti sem­pre più frequenti.

Ma come dice­vo pri­ma que­sti feno­me­ni riguar­da­no il cie­lo. E sul­la ter­ra inve­ce, cosa succede?

La pre­mes­sa fon­da­men­ta­le, da non dimen­ti­ca­re, è che la fre­quen­za sem­pre più mag­gio­re di que­sti feno­me­ni, uni­ta alla deser­ti­fi­ca­zio­ne dei suo­li e agli incen­di, sta note­vol­men­te tra­sfor­ma­no la matri­ce “suo­lo”. Se poi a que­sti aggiun­gia­mo il con­su­mo di suo­lo e la cemen­ti­fi­ca­zio­ne sel­vag­gia, il disbo­sca­men­to (a vol­te cau­sa­to anche da ven­ti ecce­zio­na­li) ecco che abbia­mo un mix deci­sa­men­te pre­oc­cu­pan­te che nor­mal­men­te vie­ne iden­ti­fi­ca­to sot­to la sigla di “dis­se­sto idro­geo­lo­gi­co”.

Prin­ci­pal­men­te si fa rife­ri­men­to a due feno­me­ni distin­ti ma che han­no o pos­so­no ave­re ori­gi­ni “comu­ni”: par­lia­mo di allu­vio­ni e di fra­ne anche se ai fini del dis­se­sto idro­geo­lo­gi­co si par­la anche di ero­sio­ne super­fi­cia­le e di ero­sio­ne sot­to superficiale.

Dia­mo qual­che nume­ro. E sono nume­ri pre­oc­cu­pan­ti. A livel­lo euro­peo nes­su­no ci bat­te. Pur­trop­po. 

Gli ulti­mi dati aggior­na­ti fan­no rife­ri­men­to al Rap­por­to del 2018 redat­to da ISPRA.

Sia­mo uno dei pae­si euro­pei mag­gior­men­te inte­res­sa­ti da feno­me­ni fra­no­si, con 620.808 fra­ne che inte­res­sa­no un’area di 23.700 km², pari al 7,9% del ter­ri­to­rio nazio­na­le men­tre la super­fi­cie com­ples­si­va, in Ita­lia, del­le aree a peri­co­lo­si­tà da fra­ne (atti­ve, in moni­to­rag­gio con­ti­nuo o riat­ti­ve) e del­le aree di atten­zio­ne è pari a 59.981 km² (19,9% del ter­ri­to­rio nazio­na­le). Le aree sono divi­se in cin­que cate­go­rie, quat­tro rela­ti­ve alla peri­co­lo­si­tà dove 4 è il livel­lo mas­si­mo e 1 il livel­lo mode­ra­to. A que­ste van­no aggiun­te le zone AA cioè quel­le di atten­zio­ne dove la situa­zio­ne è in evo­lu­zio­ne e meri­ta di esse­re moni­to­ra­ta continuamente.

Se pren­dia­mo i nume­ri del­le due clas­si più ele­va­te di peri­co­lo­si­tà par­lia­mo di 25.410 km², pari all’8,4% del ter­ri­to­rio nazio­na­le e sem­pre pren­den­do in con­si­de­ra­zio­ne le due clas­si a mag­gior peri­co­lo­si­tà riu­scia­mo ad indi­vi­dua­re le Regio­ni dove le aree a rischio sono mag­gio­ri: Tosca­na, Emi­lia-Roma­gna, Cam­pa­nia, Val­le d’Ao­sta, Abruz­zo, Lom­bar­dia, Sar­de­gna e la Pro­vin­cia Auto­no­ma di Tren­to.

Poi ci sono gli aspet­ti e nume­ri lega­ti alle allu­vio­ni. Par­lia­mo di allu­vio­ni e di nume­ri quan­do ci tro­via­mo di fron­te all’allagamento tem­po­ra­neo di aree urba­ne e natu­ra­li che abi­tual­men­te non sono rico­per­te da acqua.

Anche per le allu­vio­ni sono sta­ti indi­vi­dua­ti 3 livel­li di peri­co­lo­si­tà e pur­trop­po i nume­ri sono deci­sa­men­te inquie­tan­ti: a peri­co­lo­si­tà idrau­li­ca ele­va­ta 12.405 km², quel­le a peri­co­lo­si­tà media sono 25.398 km², men­tre quel­le a peri­co­lo­si­tà bas­sa sono 32.961 km².

Dal­la som­ma­to­ria di que­sti dati emer­ge una descri­zio­ne di un pae­se che rischia seria­men­te di fra­na­re o di esse­re som­mer­so ad ogni even­to meteo­ro­lo­gi­co serio: i comu­ni inte­res­sa­ti da aree a peri­co­lo­si­tà da fra­na P3 e P4 (PAI) e/o idrau­li­ca P2 sono 7.275 pari al 91,1% dei comu­ni ita­lia­ni. La super­fi­cie del­le aree clas­si­fi­ca­te a peri­co­lo­si­tà da fra­na P3 e P4 e/o idrau­li­ca P2 in Ita­lia ammon­ta com­ples­si­va­men­te a 50.117 km² pari al 16,6% del ter­ri­to­rio nazio­na­le. Que­ste aree sono abi­ta­te da oltre 7 milio­ni di cittadini.

Let­ti que­sti nume­ri, for­se, ci si dovreb­be occu­pa­re mag­gior­men­te di quel­lo che avvie­ne a ter­ra piut­to­sto che guar­da­re al cie­lo quan­do nuvo­le nere e minac­cio­se com­pa­io­no all’orizzonte.

I costi ambien­ta­li, socia­li ed eco­no­mi­ci sono ingen­ti e non è asso­lu­ta­men­te pen­sa­bi­le di usci­re da que­sta situa­zio­ne inter­ve­nen­do solo dopo che i dan­ni si sono veri­fi­ca­ti. Oggi pio­ve mol­to di più, e la quan­ti­tà così come l’intensità del­le pre­ci­pi­ta­zio­ni sono peg­gio­ra­te a cau­sa dei cam­bia­men­ti cli­ma­ti­ci. In que­sto qua­dro e a fron­te di que­sti dati ci chie­dia­mo come mai il nostro pae­se non sia all’avanguardia per con­tra­sta­re il dis­se­sto idrogeologico.

Eppu­re per il trien­nio 2019 – 2021 sono sta­ti mes­si a dispo­si­zio­ne cir­ca 10,9 miliar­di di euro. Mol­te risor­se inol­tre sono sta­te indi­vi­dua­te nel­le leg­gi di bilan­cio del 2019 (L. 154/2018) e del 2020 (L. 160/2019), così come mol­ti fon­di sono recu­pe­ra­bi­li da par­te del­le Regio­ni attra­ver­so pro­gram­mi di con­tra­sto del dis­se­sto idro­geo­lo­gi­co e dei rischi ambien­ta­li cofi­nan­zia­ti dai fon­di euro­pei del­la pro­gram­ma­zio­ne 2014/2020 e dei pro­gram­mi com­ple­men­ta­ri di azio­ne e coe­sio­ne, fino a com­ples­si­vi 700 milio­ni di euro annui per cia­scu­no degli anni 2019 – 2021.

Sen­za dimen­ti­ca­re poi i fon­di mes­si a dispo­si­zio­ne dal Decre­to Fisca­le D.L. 119/2018, dal Decre­to Sbloc­ca Can­tie­ri D.L. 32/2019 e nel Decre­to Cre­sci­ta D.L. 34/2019.

Con il DPCM 20 feb­bra­io 2019 è sta­to appro­va­to il Pia­no Nazio­na­le per la miti­ga­zio­ne del rischio idro­geo­lo­gi­co meglio noto come Decre­to Pro­teg­gI­ta­lia aven­te l’obiettivo di for­ma­re un qua­dro gene­ra­le del­la situa­zio­ne attua­le, dei fab­bi­so­gni e le rela­ti­ve assun­zio­ni, le risor­se dispo­ni­bi­li, la ripar­ti­zio­ne e il pia­no di azio­ni, la gover­nan­ce e i risul­ta­ti attesi.

A segui­to di que­sto decre­to sono inter­ve­nu­ti alcu­ni prov­ve­di­men­ti del CIPE che han­no indi­vi­dua­to ope­re imme­dia­ta­men­te cantierabili.

Dopo i recen­ti fat­ti del Pie­mon­te e del­la Ligu­ria abbia­mo avu­to la con­fer­ma che, a fron­te di una serie innu­me­re­vo­le di finan­zia­men­ti, que­sti sia­no di dif­fi­ci­le distri­bu­zio­ne e che soprat­tut­to gli iter ammi­ni­stra­ti­vi sia­no veri e pro­pri labi­rin­ti buro­cra­ti­ci. 

È lo stes­so mini­stro Costa a con­fer­ma­re tut­to que­sto: “I fon­di ci sono. In que­sto momen­to in cas­sa, e quin­di sen­za ricor­re­re al Reco­ve­ry Plan, ci sono cir­ca 7 miliar­di di euro a dispo­si­zio­ne. Il pro­ble­ma è che ci sono lac­ci e lac­ciuo­li di natu­ra ammi­ni­stra­ti­vo-buro­cra­ti­ca che impe­di­sco­no la spesa “.

I comu­ni, a vol­te anche medio-gran­di, non sono in gra­do di par­te­ci­pa­re o atti­va­re que­sti mec­ca­ni­smi, le pro­vin­cie, se esi­sto­no anco­ra, han­no orga­ni­ci sot­to­di­men­sio­na­ti e quin­di diven­ta qua­si impos­si­bi­le “spen­de­re” per siste­ma­re il territorio.

Lo scor­so ago­sto, nel decre­to sem­pli­fi­ca­zio­ni, si è volu­to veni­re incon­tro ai Comu­ni, vedre­mo se que­ste sem­pli­fi­ca­zio­ni fun­zio­ne­ran­no meno.

Il Mini­ste­ro dell’Ambiente si è poi dota­to di una strut­tu­ra ad hoc per soste­ne­re e aiu­ta­re i Comu­ni, soprat­tut­to quel­li pic­co­li per fare le progettazioni.

Sono suf­fi­cien­ti que­sti pas­si? Sicu­ra­men­te sono pas­sag­gi impor­tan­ti ma non suf­fi­cien­ti. Quel­la che va ripen­sa­ta è la pro­gram­ma­zio­ne ter­ri­to­ria­le. Mol­to pote­re è in mano ai Comu­ni che con i loro stru­men­ti di pia­ni­fi­ca­zio­ne pos­so­no inci­de­re in manie­ra signi­fi­ca­ti­va limi­tan­do il con­su­mo di suo­lo, incen­ti­van­do il recu­pe­ro del­le aree dismes­se, incen­ti­van­do azio­ni di rina­tu­ra­liz­za­zio­ne urba­na così come le buo­ne pra­ti­che di desealing.

In que­sto ruo­lo però i cit­ta­di­ni devo­no met­ter­ci del loro, devo­no diven­ta­re anco­ra mol­to più atti­vi e par­te­ci­pa­ti­vi moni­to­ran­do le deci­sio­ni dei pro­pri sin­da­ci, diven­tan­do por­ta­to­ri e dispen­sa­to­ri posi­ti­vi di buo­ne pra­ti­che ambien­ta­li, favo­ren­do la dif­fu­sio­ne di que­ste buo­ne iniziative.

Que­sto per­ché a leg­ge­re dichia­ra­zio­ni di sin­da­ci o di Pre­si­den­ti di Regio­ne, come il pie­mon­te­se Cirio, le col­pe sono solo del­la natu­ra e del mal­tem­po. Men­tre è evi­den­te che “sia in cie­lo così come in ter­ra” la col­pa sia ricon­du­ci­bi­le all’attività degli Homo Sapiens. E le atti­vi­tà in ter­ra ci dico­no e rac­con­ta­no di un ter­ri­to­rio deva­sta­to, abban­do­na­to, abu­sa­to e con­su­ma­to da costru­zio­ni e infra­strut­tu­re su cui anche un pic­co­lo tem­po­ra­le può pro­vo­ca­re dan­ni enormi.

Si potreb­be poi sta­re qui a scri­ve­re “fiu­mi di paro­le” su come sono “trat­ta­ti” i fiu­mi ita­lia­ni. La situa­zio­ne non è rosea e più si pas­se­rà tem­po a par­la­re di altro e più i dan­ni aumenteranno.

Occu­par­si di que­ste cose è un dei tan­ti gran­di impe­gni che dob­bia­mo met­te­re in agen­da da ieri e non da doma­ni. Per­ché un futu­ro ami­co lo si costrui­sce oggi con deci­sio­ni non più rimandabili.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?

In Sardegna il 25 febbraio scegli Alleanza Verdi Sinistra e Possibile

L’Al­lean­za Ver­di Sini­stra, che uni­sce Pos­si­bi­le, Euro­pa Ver­de — Ver­di, Sini­stra Ita­lia­na e Sini­stra sar­da ha scel­to di far par­te del­la coa­li­zio­ne del cen­tro­si­ni­stra che sostie­ne Ales­san­dra Tod­de: insie­me, nei mesi scor­si, ci sia­mo incon­tra­ti e incon­tra­te per met­te­re a pun­to un’i­dea di gover­no che non mira solo a bat­te­re le destre, ma vuol dare una rispo­sta alla nostra Isola.